The Music That Inspired The Movie: Michael Jackson's This Is It

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
This Is It
ArtistaMichael Jackson
Tipo albumColonna sonora
Pubblicazione27 ottobre 2009
Durata92:28
Dischi2
TracceDisco 1: 16
Disco 2: 4
Genere[1]Pop rock
Dance pop
Rhythm and blues
EtichettaSony Music
ProduttoreVari
Registrazione1979 - 2009
FormatiCD, LP
Certificazioni
Dischi d'oroFinlandia Finlandia[2]
(vendite: 10 460+)
Germania Germania[3]
(vendite: 100 000+)
Messico Messico[4]
(vendite: 30 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[5]
(vendite: 70 000+)
Austria Austria[6]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio (2)[7]
(vendite: 60 000+)
Canada Canada (2)[8]
(vendite: 160 000+)
Danimarca Danimarca[9]
(vendite: 30 000+)
Francia Francia (3)[10]
(vendite: 300 000+)
Giappone Giappone[11]
(vendite: 250 000+)
Italia Italia (4)[12]
(vendite: 240 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[13]
(vendite: 50 000+)
Polonia Polonia[14]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[15]
(vendite: 300 000+)
Russia Russia[16]
(vendite: 20 000+)
Spagna Spagna[17]
(vendite: 60 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[18]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[19]
(vendite: 20 000+)
Michael Jackson - cronologia
Album precedente
(2009)
Singoli
  1. This Is It
    Pubblicato: 17 ottobre 2009

The Music That Inspired The Movie: Michael Jackson's This Is It, comunemente detta This Is It, è un album di Michael Jackson nonché colonna sonora dell'omonimo film (Michael Jackson's This Is It), pubblicata il 27 ottobre 2009. Il titolo dell'album è tratto dal nome del tour di 50 date londinesi che la popstar avrebbe dovuto tenere nell'estate del 2009 ma annullate a causa del suo improvviso decesso. Nell'album è registrata la colonna sonora del film uscito il giorno successivo in tutte le sale mondiali per sole due settimane.

Dopo 4 giorni dalla sua pubblicazione il disco è stato certificato disco d'oro nel Regno Unito. La settimana seguente ha raggiunto la vetta in 16 paesi nel mondo, rispettivamente: Canada, Giappone, Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Turchia, Nuova Zelanda, Hong Kong, Corea, Filippine, Singapore, Taiwan, Thailandia, Medio Oriente, Colombia ed è entrato nella Top 3 in: Regno Unito, Australia, Argentina, Austria, Danimarca, Norvegia, Portogallo, Svizzera e Spagna. A distanza di 4 settimane dalla sua pubblicazione This Is It ha venduto 4 milioni di copie, di cui 964.000 negli Stati Uniti.[20] Il 4 dicembre 2009, la RIAA ha certificato l'album doppio disco di platino[18], per una vendita di oltre 2 milioni di copie sul territorio. In tutto il mondo ha venduto oltre 5 milioni di copie.

In Italia l'album è quattro volte disco di platino con oltre 260.000 copie vendute, risultando così l'album più venduto dell'anno nel Paese.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il primo disco contiene 14 successi di Michael Jackson, messi nello stesso ordine come appaiono nel film. Il disco si conclude con l'inedito This Is It. Il secondo disco contiene 3 demo inedite e termina con la poesia recitata Planet Earth, già contenuta all'interno del libretto dell'album Dangerous e, nella sua completezza, nel libro Dancing the Dream.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

L'album è uscito nell'edizione standard con doppio CD con un libretto di 36 pagine e in diverse edizioni limitate e speciali:

  • Edizione in 4 dischi in vinile numerata e con un libro fotografico contenente le foto.
  • Edizione destinata al mercato americano simile all'edizione standard, ma comprendente un poster.

Per il download digitale sono presenti la versione standard e una versione EP comprendente solo il disco 2 più le due versioni della canzone This Is It.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • Disco 1:
  1. Wanna Be Startin' Somethin' - 6:02 (Thriller, 1982)
  2. Jam - 5:38 (Dangerous, 1991)
  3. They Don't Care About Us - 4:44 (HIStory, 1995)
  4. Human Nature - 4:05 (Thriller, 1982)
  5. Smooth Criminal - 4:17 (Bad, 1987)
  6. The Way You Make Me Feel - 4:58 (Bad, 1987)
  7. Shake Your Body (Down to the Ground) (single edit) - 3:53 (Canzone dei The Jacksons dall'album Destiny, 1978)
  8. I Just Can't Stop Loving You (single mix) - 4:12 (Bad, 1987)
  9. Thriller - 5:57 (Thriller, 1982)
  10. Beat It - 4:17 (Thriller, 1982)
  11. Black or White - 4:16 (Dangerous, 1991)
  12. Earth Song - 6:46 (HIStory, 1995)
  13. Billie Jean - 4:54 (Thriller, 1982)
  14. Man in the Mirror - 5:20 (Bad, 1987)
  15. This Is It - 3:37 (inedito)
  16. This Is It (Orchestra Version) - 4:55
  • Disco 2:
  1. She's Out of My Life (Demo) - 3:19
  2. Wanna Be Startin' Somethin' (Demo) - 5:43
  3. Beat It (Demo) - 2:08
  4. Planet Earth (poesia recitata) - 3:14

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Jackson's This Is It, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (FI) Kaikkien aikojen myydyimmät ulkomaiset albumit, IFPI Finland. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2017).
  3. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de.
  4. ^ Certificaciones, su amprofon.com.mx (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. ^ http://www.aria.com.au/pages/ARIACharts-Accreditations-2009Albums.htm, su aria.com.au.
  6. ^ IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, su ifpi.at.
  7. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su ultratop.be.
  8. ^ Gold and Platinum Search[collegamento interrotto]
  9. ^ Guld og platin i november og december | ifpi.dk, su ifpi.dk.
  10. ^ (FR) Les Certifications - Michael Jackson, InfoDisc. URL consultato il 21 aprile 2012.
  11. ^ 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計, su riaj.or.jp.
  12. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Benvenuto! (PDF), su fimi.it (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2013).
  13. ^ de Megaman: Hitflits: This is it platina uitgeleverd, su de-megaman.blogspot.it.
  14. ^ Związek Producentów Audio-Video :: Polish Society of the Phonographic Industry, su zpav.pl (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2008).
  15. ^ BRIT Certified, su bpi.co.uk.
  16. ^ (RU) Российский чарт 49-2009, 2M. URL consultato il 28 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2009).
  17. ^ http://www.promusicae.es/files/listassemanales/albumes/historial/TOP%20100%20ALBUMES%2009_44.pdf
  18. ^ a b RIAA - Recording Industry Association of America, su riaa.com.
  19. ^ Sverigetopplistan - Sveriges Officiella Topplista, su sverigetopplistan.se.
  20. ^ Week Ending Nov. 15, 2009: The Hair Band That Lasted | Chart Watch - Yahoo! Music Archiviato il 16 marzo 2013 in WebCite.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]