Stefano Di Chiara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Di Chiara
Stefano Di Chiara.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1976 Lazio
Squadre di club1
1973-1976 Lazio 0 (0)
1976-1979 Pistoiese 97 (0)
1979-1980 Genoa 33 (0)
1980-1981 Cagliari 6 (0)
1981-1983 Cremonese 52 (0)
1983-1987 Lecce 117 (1)
1987-1988 Messina 19 (0)
1988-1989 SPAL 10 (0)
1989-1990 L'Aquila 25 (0)
1990-1991 Ascoli 1 (0)
Carriera da allenatore
1991-1992 Cassino [1]
1993-1994 Cerveteri
1994-1995 Latina
1995-1996 Civitavecchia
1996-1997 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Bastia Umbra
1998 Chieti
1998-1999 Siena
1999 Fermana
2001 Ravenna
2002 Novara
2002 Taranto
2004-2005 Legnano
2005-2006 Pistoiese
2006 Cisco Roma
2007-2008 Viterbese
2009 Como
2014 Cerveteri
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefano Di Chiara (Roma, 21 febbraio 1956) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

È il fratello maggiore di Alberto, anch'egli calciatore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Difensore cresciuto nelle giovanili della Lazio, con la quale collezionò appena 5 panchine in campionato e 2 presenze tra Coppa Italia e UEFA, passò alla Pistoiese nella stagione 1976-77 conquistando la promozione in Serie B. Nel 1979 fu acquistato dal Genoa dove giocò per due stagioni in B.

La prima esperienza in Serie A arrivò con la maglia del Cagliari nella stagione 1980-81. Poi il ritorno nella cadetteria con la Cremonese, per due stagioni. Dal 1983 al 1987 giocò nel Lecce, che ottenne la prima storica promozione in Serie A nel 1984-85. In maglia giallorossa giocò insieme al fratello minore Alberto.

In seguito ha indossato maglie di Messina, SPAL, L'Aquila, Ascoli.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di allenatore è caratterizzata da esperienze di breve durata, quasi tutte annuali, e inizia nel 1991 a Cassino in Serie D. Nel 1993 allena il Cerveteri in Serie C2. L'anno dopo è al Latina (CND), poi Civitavecchia (CND), Bastia Umbra (Eccellenza), Chieti (C2), Siena (C1), Fermana (B), Ravenna (B), Novara (C2), Taranto (C1, esonerato), Legnano (C2, esonerato).

Nel 2005-06 torna a Pistoia (C1) da allenatore subentrando a Bruno Tedino. Di Chiara è contestato dai tifosi e viene esonerato. In quell'occasione allena, il figlio Diego[2]. L'anno dopo allena la Cisco Roma (C2, esonerato); a dicembre 2007 subentra sulla panchina della Viterbese (C2) al dimissionario Roberto Rambaudi, ma viene a esonerato il 5 febbraio successivo con la squadra ultima in classifica.

A febbraio 2009 diventa allenatore del Como[3], con cui conquista il 21 giugno la promozione in Lega Pro Prima Divisione. La società, lo conferma per la stagione 2009-2010. Dopo fine stagione è squalificato 5 giornate per aver offeso un avversario e, dopo essere stato espulso, averne colpito un altro e aver sostato nel sottopassaggio per dare indicazioni ai propri giocatori[4]. Successivamente la squalifica è stata aumentata di altre 4 giornate per essere in più occasioni entrato negli spogliatoi nonostante la squalifica precedente.[5][6][7] I risultati scarsi ottenuti dal Como nel primo scorcio di torneo fanno sì che Di Chiara, il 19 ottobre, venga esonerato[8], senza aver mai occupato il suo posto in panchina nelle partite disputate.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1975-1976
Lazio: 1973-1974

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pistoiese: 1976-1977
Lecce: 1984-1985

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Como: 2008-2009

Note[modifica | modifica wikitesto]