Stayin' Alive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Staying Alive (disambigua).
Stayin' Alive
Stayin' Alive.jpg
Un screenshot del famoso video musicale
Artista Bee Gees
Tipo album Singolo
Pubblicazione 13 dicembre 1977
Durata 4 min : 45 s
Album di provenienza Colonna sonora La febbre del sabato sera
Genere Disco
Etichetta RSO Records
Produttore Robert Stigwood
Registrazione 1977
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 250.000+)
Dischi d'oro Francia Francia[2]
(Vendite: 831.000+[3]) Italia Italia[4]
(vendite: 15 000+)
Dischi di platino Canada Canada[5]
(Vendite: 150.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[6]
(vendite: 2.000.000+)
Bee Gees - cronologia
Singolo precedente
(1977)
Singolo successivo
(1978)

Stayin' Alive è una canzone dei Bee Gees, pubblicata il 13 dicembre 1977 ed estratta come secondo dopo How Deep Is Your Love da Saturday Night Fever, la colonna sonora del film La febbre del sabato sera, che vede come protagonista John Travolta.

La canzone, scritta dai tre membri della band, Barry, Robin e Maurice Gibb, da Albhy Galuten e Karl Richardson, rimane tutt'oggi uno dei brani più celebri e popolari dei Bee Gees, in parte grazie al suo utilizzo nella prima sequenza dopo i titoli di testa de La febbre del sabato sera. Il brano mantenne la prima posizione della Billboard Hot 100 per quattro settimane, come pure in Canada, mentre in Australia vi rimase per sette settimane, nei Paesi Bassi per tre settimane ed in Francia e Nuova Zelanda per due settimane. Il singolo, spesso indicato come la signature song del gruppo, è ancora oggi utilizzatissimo in numerose occasioni, ed in particolar modo è spesso usato per ricreare le atmosfere degli Anni Settanta.

Nel 2004, Stayin' Alive è stata collocata alla 189° posizione nella lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi dalla celebre rivista Rolling Stone, mentre sempre nello stesso anno, è stata aggiunta nella AFI's 100 Years... 100 Songs alla nona posizione.

Storia del brano[modifica | modifica wikitesto]

Il produttore esecutivo della colonna sonora, Robert Stigwood (il quale era inoltre il manager della band), chiese ai Bee Gees di scrivere un paio di canzoni per il film sul quale stava lavorando. In quel momento, il film era ancora in uno stato di mero progetto, privo persino del titolo. Le uniche indicazioni che Stigwood poté dare ai fratelli Gibb furono dei riferimenti sulla mania della musica disco che impazzava in quegli anni.

Stayin' Alive venne scritta nel giro di pochi giorni dai componenti della band, Albhy Galuten e da Karl Richardson, e venne registrata ai Château d'Hérouville Studios a Parigi, in Francia per ragioni fiscali, come molti altri artisti presenti all'interno della colonna sonora. Durante le registrazioni del brano, morì la madre del batterista Dennis Byron, che fu costretto ad interrompere i lavori, e i Bee Gees dovettero cercare un rimpiazzo. Tuttavia il gruppo non riuscì a trovarne uno in quella zona della Francia, e si dovette andare avanti con una drum machine, poi il gruppo accreditò la batteria del brano ad un fantomatico "Bernard Lupe".

La RSO Records, l'etichetta discografica del gruppo, voleva che la canzone venisse chiamata Saturday Night, in modo da fungere da title track per l'album, ma i tre fratelli insistettero per cambiarle il titolo, poiché pensavano che fossero presenti troppi brani con la parola "saturday"; inoltre c'era già una canzone, Night Fever, ad avere al suo interno la parola "night". Prima della scelta della canzone, Stigwood rivelò il titolo del film al gruppo, e fu proprio in quel momento che a Maurice venne l'idea di battezzare il brano Stayin' Alive.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip prodotto per il brano utilizzava un'idea completamente differente rispetto a quella de La febbre del sabato sera. Nel video infatti, il gruppo esegue il brano sul set del film Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band, che rappresentava uno scenario urbano. Fu realizzato anche un altro video per il brano, destinato al mercato europeo, in cui il gruppo interpretava Stayin Alive in uno studio di registrazione, alternando sequenze riprese nelle strade di New York. Caratteristica particolare di questa seconda versione è il look di Barry Gibb, che insolitamente appare senza barba.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per il brano, i Bee Gees ottennero un Grammy Award nel 1979 nella categoria "miglior arrangiamento vocale per due o più voci".

Nel corso degli anni Stayin' Alive ha ricevuto diversi riconoscimenti ed attestati. La canzone è stata inserita alla posizione 189 della lista delle 500 più grandi canzoni secondo la rivista Rolling Stone. Inoltre si è aggiudicata anche la quarantaseiesima posizione della Billboard's All Time Top 100.[7]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1978 la cantante Mina ha interpretato questa canzone nel suo disco Mina Live '78.
  • Gli N-Trance hanno prodotto una versione dance del brano nel 1995.
  • Nel 2005 Ozzy Osbourne ha realizzato una cover in coppia con Dweezil Zappa, la canzone è apparsa sul terzo CD del box set Prince Of Darkness.
  • Nel 2009 Jovanotti ha inserito nell'album live OYEAH una propria versione del brano.
  • Nel 2013 i Capital Cities hanno pubblicato una loro versione del brano nel singolo "Kangaroo Court"[8]
  • Il 26 febbraio a Brisbane, a pochi km da casa dei fratelli Gibbs, Bruce Springsteen ha eseguito una cover del brano in apertura del suo concerto

Utilizzo nei media[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Febbre del sabato sera, Stayin' Alive è stata inserita nella colonna sonora di decine di film, spesso con intenti diversi rispetto al suo primo utilizzo, e principalmente in modo parodistico. In una famosa scena del film comico L'aereo più pazzo del mondo, il brano (accelerato rispetto alla versione originale) fa da sottofondo ad una esagerata sequenza di danza, parodia del genere disco. La canzone inoltre si è sentita in In viaggio con Pippo, Un furfante tra i boy scout , A Night at the Roxbury, Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi, Arthur e il popolo dei Minimei, Young @ Heart, Madagascar, Il cacciatore di ex (in versione remixata) e in Ted.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Maggiore posizione
Italia Italia 1[9]
Stati Uniti Stati Uniti 1
Canada Canada 1
Svizzera Svizzera 2
Austria Austria 2
Svezia Svezia 3
Regno Unito Regno Unito 4
Giappone Giappone 19
Francia Francia 44

Il singolo ha raggiunto la prima posizione anche in Australia, Brasile, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Spagna e Sud Africa, la seconda in Cina, Finlandia, Francia e Germania e la quarta in Norvegia, Irlanda e Messico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "British certifications – Bee Gees – Stayin' Alive". British Phonographic Industry. Retrieved 29 March 2012. Enter Stayin' Alive in the field Search. Select Title in the field Search by. Click Go
  2. ^ "French certifications – Bee Gees – Stayin' Alive" (in French). InfoDisc. Retrieved 29 March 2012. Select BEE GEES and click OK
  3. ^ "Les Singles en Or :" (in French). Infodisc.fr. Retrieved 29 March 2012.
  4. ^ Archivio, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 9 gennaio 2015. Settimana "52" Anno "2014"
  5. ^ "Canadian certifications – Bee Gees – Stayin' Alive". Music Canada. Retrieved 29 March 2012.
  6. ^ "American certifications – Bee Gees – Stayin' Alive". Recording Industry Association of America. Retrieved 29 March 2012.
  7. ^ Billboard Hot 100 Chart 50th Anniversary
  8. ^ http://my-way-online.blogspot.it/2013/12/capital-cities-stayingalive.html
  9. ^ I singoli più venduti del 1978, hitparadeitalia.it. URL consultato l'11 maggio 2015.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica