Showgirl Homecoming Live

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Showgirl Homecoming Live
Artista Kylie Minogue
Tipo album Live
Pubblicazione 8 gennaio 2007
Durata 1 h : 56 min : 09 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Disco
Pop
Etichetta Parlophone, EMI
Produttore Steve Anderson
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 60.000+)
Kylie Minogue - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2007)

Showgirl Homecoming Live è l'album registrato dal vivo della cantante australiana Kylie Minogue. L'album è stato registrato durante la seconda serata del concerto Showgirl - The Homecoming Tour a Sydney, Australia ed è stato pubblicato dalla Parlophone l'8 gennaio 2007 in Europa. L'album ha raggiunto la posizione numero 7 nella classifica inglese ed ha ottenuto il Disco di platino, ma non ha ottenuto molto successo all'estero dovuto alla mancanza di singoli e promozione radio.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Molti critici hanno ribattezzato questo album come il vero ritorno sulle scene della cantante, quasi dimenticando l'uscita prossima dell'album X. La critica ha attribuito impossibile contenere i contorni primari del tour, come le luci, le scenografie e gli sfarzosi abiti in un cd audio, ma nonostante ciò è un album perfettamente riuscito che vanta anche la collaborazione di Bono degli U2 in Kids, originariamente cantata con Robbie Williams ed un tributo alla cantante Madonna con una cover di Vogue.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Disco 1
  1. Overture - The Showgirl Theme – 2:44
  2. Better the Devil You Know – 3:46 (Stock, Aitken & Waterman)
  3. In Your Eyes – 3:06 (Kylie Minogue, Richard Stannard, Julian Gallagher, Ash Howes)
  4. White Diamond – 3:33 (Ash Howes, Kylie Minogue, Julian Gallagher, Richard Stannard)
  5. On a Night Like This – 4:30 (Steve Torch, Graham Stack, Mark Taylor, Brian Rawling)
  6. Shocked / What Do I Have to Do? / Spinning Around – 8:22
  7. Temple Prequel – 2:57
  8. Confide in Me – 4:26 (Steve Anderson, Dave Seaman, Owain Barton)
  9. Cowboy Style – 3:29 (Kylie Minogue, Steve Anderson, Dave Seaman)
  10. Finer Feelings – 1:25 (Mike Stock, Pete Waterman)
  11. Too Far – 4:33 (Kylie Minogue)
  12. Red Blooded Woman / Where the Wild Roses Grow – 4:34
  13. Slow – 4:39 (Kylie Minogue, Dan Carey, Emilíana Torrini)
  14. Kids – 6:05 (Robbie Williams, Guy Chambers)
Disco 2
Kylie dal vivo all'Homecoming Tour.
  1. Rainbow Prequel – 1:10
  2. Over the Rainbow – 2:43 (Harold Arlen, E.Y. Harburg)
  3. Come into My World – 3:00 (Rob Davis, Cathy Dennis)
  4. Chocolate – 2:45 (Karen Poole, Johnny Douglas)
  5. I Believe in You – 3:28 (Kylie Minogue, Jake Shears, Babydaddy)
  6. Dreams / When You Wish Upon a Star – 3:56
  7. Burning Up / Vogue – 3:21
  8. The Loco-Motion – 4:43 (Gerry Goffin, Carole King)
  9. I Should Be So Lucky / The Only Way Is Up – 3:26
  10. Hand on Your Heart – 4:19 (Mike Stock, Matt Aitken, Pete Waterman)
  11. Space Prequel – 1:54
  12. Can't Get You out of My Head – 3:55 (Cathy Dennis, Rob Davis)
  13. Light Years / Turn It into Love – 8:13
  14. Especially for You – 4:28 (Mike Stock, Matt Aitken, Pete Waterman)
  15. Love at First Sight – 4:28

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2007) Massima
posizione[2]
Croazia Album Chart 6
UK Albums Chart 7
Australia Albums Chart 28
European Hot100 Albums 31
Polonia Albums Chart 37
Svizzera Albums Chart 54
Austria Albums Chart 55
Germania Albums Chart 59
Messico Albums Chart 77
Belgio Albums Chart[3] 92
Francia Albums Chart 113

The Homecoming Tour[modifica | modifica wikitesto]

Showgirl Tour
Tour di Kylie Minogue
Album Ultimate Kylie
Inizio 11 novembre 2006
Fine 23 gennaio 2007
Tappe 2
Spettacoli 20 in Australia, 13 in Europa
Cronologia dei tour di Kylie Minogue
Showgirl Tour
(2005)
Xtour2008
(2008)

Showgirl Homecoming Tour è il tour con cui la cantante Kylie Minogue torna sulle scene nel 2006. Comprende solo due paesi, Australia e Inghilterra, dove nel primo la cantante ha cancellato il tour nel 2005 e ripreso sotto il nome di Homecoming nel 2006.

Il Tour[modifica | modifica wikitesto]

Il tour si presenta come la continuazione del lo Showgirl Tour interrotto nel 2005 a seguito della diagnosi di un tumore al seno alla cantante. È una versione in Extravaganza del precedente tour interrotto. Si presenta come un vero e proprio cammino nella carriera pluridecennale della cantante, in cui vengono proposti tutti i suoi successi, rimaneggiati e rifatti con l'aiuto del produttore creativo/migliore amico di Kylie, William Baker. Il tour si propone quasi come uno spettacolo e ripercorre la storia del varietà dagli anni '30 (come il tema principale della Showgirl di Las Vegas) fino ai giorni nostri (con il tema de La danza dei Cyber). Sono usati costumi differenti rispetto allo Showgirl Tour, sia per i ballerini sia per quanto riguarda la cantante. Gli atti sono gli stessi del tour precedente, ma sono stati arricchiti con effetti differenti, ed è stato aggiunto un atto in più chiamato Samsara in stile indiano.

Scaletta[modifica | modifica wikitesto]

Primo Atto: Homecoming

  • "Better the Devil You Know"
  • "In Your Eyes"
  • "White Diamond" (Inedito)
  • "On a Night Like This

Secondo Atto: Everything Taboo

  • "Shocked" (contiene elementi di "Do You Dare?", "It's No Secret", "What Kind of Fool (Heard All That Before)" , "Keep on Pumpin' It", e "I'm Over Dreaming (Over You)")
  • "What Do I Have to Do?" (contiene elementi di "Closer")
  • "Spinning Around" (contiene elementi di "Step Back in Time")

Terzo Atto: Samsara

  • "Confide in Me"
  • "Cowboy Style"
  • "Finer Feelings" (cantata dalle coriste)
  • "Too Far"

Quarto Atto: Athletica

  • "Butterfly (Sandstorm Dub Interlude)" (Dance Interlude)
  • "Red Blooded Woman" (con pezzo di "Where the Wild Roses Grow")
  • "Slow"
  • "Kids" 2

Quinto Atto: Dreams

  • "Over the Rainbow"
  • "Come into My World" (versione lenta)
  • "Chocolate"
  • "I Believe in You"
  • "Dreams"

Sesto Atto: Pop Paradiso

  • "Burning Up & Vogue" (cover di Madonna)
  • "The Loco-Motion"
  • "I Should Be So Lucky" (mixata con "The Only Way Is Up")
  • "Hand on Your Heart"

Settimo Atto: Dance of the Cybermen

  • "Can't Get You out of My Head" (contiene elementi della serie Dottor Who)
  • "Light Years" (mixata con "Turn It into Love")

Encore

  • "Especially for You"
  • "Celebration" (eseguita solo in alcune tappe inglesi)
  • "Love at First Sight"

Date concerti e incassi[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Stato Luogo Biglietti venduti / Biglietti disponibili Incasso
Oceania
11 novembre 2006 Sydney Australia Australia Sydney Entertainment Centre 34,774 / 34,774 $2,963,147
12 novembre 2006
14 novembre 2006
17 novembre 2006 Brisbane BEC 35,574 / 37,884 $3,354,548
18 novembre 2006
20 novembre 2006
23 novembre 2006 Sydney Acer Arena 51,852 / 51,852 $4,963,147
24 novembre 2006
26 novembre 2006
30 novembre 2006 Adelaide Adelaide Entertainment Centre 21,583 / 22,411 $2,369,124
1º dicembre 2006
4 dicembre 2006 Perth Burswood Dome 36,774 / 38,774 $3,554,147
5 dicembre 2006
7 dicembre 2006
10 dicembre 2006 Melbourne Rod Laver Arena 76,526 / 76,526 $7,578,217
11 dicembre 2006
13 dicembre 2006
14 dicembre 2006
16 dicembre 2006
17 dicembre 2006
Europa
31 dicembre 2006 Londra Regno Unito Regno Unito Wembley Arena 78,526 / 78,526 $7,578,217
2 gennaio 2007
3 gennaio 2007
5 gennaio 2007
6 gennaio 2007
8 gennaio 2007
9 gennaio 2007
12 gennaio 2007 Manchester Manchester Evening News Arena 100,072 / 100,072 $7,976,089
13 gennaio 2007
18 gennaio 2007
19 gennaio 2007
21 gennaio 2007
22 gennaio 2007
23 gennaio 2007
TOTALE 411,720 / 415,056 (98%) $40,111,034

Personale[modifica | modifica wikitesto]

  • Produttore esecutivo: Kylie Minogue and Terry Blamey
  • Direttore creativo e designer: William Baker
  • Musical Producer: Steve Anderson
  • Production Manager: Kevin Hopgood
  • Production Designer: Alan MacDonald
  • Costumi: John Galliano, Karl Lagerfeld, Dolce & Gabbana, Addae Gaskin, Gareth Pugh e Matthew Williamson
  • Gioielli: Bvlgari
  • Scarpe: Manolo Blahnik e Dolce & Gabbana
  • Copripapi: Stephen Jones
  • Coreografi: Rafael Bonachela, Akram Khan e Michael Rooney
  • Tour Manager: Sean Fitzpatrick
  • Batteria: Andrew Small
  • Tastiere: Steve Turner
  • Basso: Chris Brown
  • Chitarra: Mark Jaimes
  • Coristi: Valerie Etienne, Hazel Fernandez e Janet Ramus
  • Primo ballerino: Annoulka Yanminchev
  • Ballerini: Jason Beitel, Marco Da Silva, Jamie Karitzis, Alan Lambie, Welly Locoh Donou, Claire Meehan, Jason Piper, Nikoletta Rafaelisova, Andile Sotiya, Nikki Trow e Rachel Yau
  • Acrobata: Terry Kvasnik
  • Coreografi: Rafael Bonachela, Akram Khan and Michael Rooney

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.bpi.co.uk/platinum/platinumright.asp?rq=search_plat&r_id=32872
  2. ^ "Showgirl Homecoming Live World Chart Positions". aCharts.us. Ultimo accesso: 15 febbraio 2008.
  3. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica