Charlene Robinson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charlene Edna Robinson
UniversoNeighbours
AutoreReg Watson
1ª app. in17 aprile 1986
Ultima app. in26 luglio 1988
Interpretata daKylie Minogue
SessoFemmina
Luogo di nascitaBrisbane
Data di nascita21 ottobre 1969
Professionestudentessa, meccanico

Charlene Edna Robinson (nata Mitchell) è un personaggio della soap opera australiana Neighbours, interpretata da Kylie Minogue.

Apparve per la prima volta il 17 aprile 1986, quando raggiunse la madre Madge a Ramsay Street. Le sue trame principali riguardano la sua storia con Scott Robinson, il tentativo di iniziare una carriera da cantante, l'aver riportato a casa il suo fratellastro e il suo matrimonio (la puntata raggiunse i 20 milioni di spettatori nel Regno Unito). Infine, Charlene accetta un posto da apprendista a Brisbane, apparendo per l'ultima volta il 26 luglio 1988.

La Minogue vinse quattro Logie Award fra il 1987 e il 1988.[1][2] Nel maggio 2010, si è detta interessata a una breve ritorno nella soap opera.[3]

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Quando Neighbours iniziò a essere trasmesso su Network Ten in 1986, ebbe giudizi piuttosto negativi, costringendo l'emittente a lavorare a una revisione della serie.[4] Vennero così aggiunti nuovi attori al cast, fra cui la Minogue, che entrò a farne parte ad Aprile.[5] La Minogue aveva già recitato negli sceneggiati per bambini Skyways, assieme a Jason Donovan, e The Henderson Kids, prima di essere presa per il ruolo di Charlene.[6][7] Minogue fu dapprima assunta per una settimana, ottenendo successivamente un contratto di 12 settimane e un altro fino a metà 1988.[8][9]

La Minogue iniziò la sua carriera musicale nel frattempo e, dopo aver recitato in The Delinquents, decise di lasciare Neighbours per concentrarsi sulla sua carriera di cantante.[10] Nel 2005, fu invitata per un cameo nello speciale per il 20º anniversario della soap. La Minogue si disse interessata a tornare nei panni di Charlene, ma i produttori declinarono l'offerta. Questi ultimi, tuttavia, dicono di aver fatto "ogni sforzo per venire incontro alla Minogue", ma che la loro offerta venne rifiutata.[11]

Nel maggio 2010, Minogue valutò un ritorno in Neighbours durante una intervista al quotidiano The Sun:[3]

(EN)

« The other day I thought how much fun it would be to do it after years of saying never. [...] I've decided how it would work. Charlene would screech up the drive in her souped-up Mini which she's been working on all the time. »

(IT)

« L'altro giorno ho pensato che sarebbe stato divertente farlo, dopo anni passati a dire no. [...] Ho deciso come potrebbe andare. Charlene entra sgommando nella sua Mini truccata sulla quale ha lavorato tutto il tempo. »

(Kylie Minogue)

In seguito all'intervista, il produttore esecutivo Susan Bower ha detto che il ritorno della Minogue nello show sarebbe gradito:[12]

(EN)

« Kylie can arrive in a Mini, in a hot-air balloon or even parachute, anyway she desires, we would welcome her with open arms. »

(IT)

« Kylie può arrivare su una Mini, in una mongolfiera o perfino con un paracadute, come lei desidera, noi l'accoglieremo a braccia aperte »

(Susan Bower)

Caratterizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel libro Neighbours: The first 10 years, il personaggio viene descritto in dettaglio: Charlene è un maschiaccio che preferisce essere chiamata "Lenny", che non ha paura di affrontare le persone e ha una lingua tagliente. Sempre vestita con la sua tuta da lavoro color cachi, ha anche un lato esuberante, che le è valsa buona parte della sua popolarità.[13] La Minogue ha descritto il suo personaggio come "una adolescente normale che cresce, che ha qualche difficoltà con sua madre", aggiungendo che "è un po' una ribelle" e un maschiaccio dichiarato.[8]

I critici hanno descritto il suo personaggio come "la ragazza della porta accanto"[14] e come "il meccanico che tutti gli uomini sognano".[15] Era conosciuta per la sua caratteristica salopette e la sua permanente. Il Daily Mail attribuisce al suo look la sua popolarità presso il pubblico.[16] The Independent disse che la "bellezza delicata" della Minogue valse al suo personaggio un enorme seguito in Australia e nel Regno Unito.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1987 TV WEEK Logie Awards[collegamento interrotto], TV Week. URL consultato il 15 giugno 2012.
  2. ^ (EN) 1988 TV WEEK Logie Awards[collegamento interrotto], TV Week. URL consultato il 15 giugno 2012.
  3. ^ a b (EN) Daniel Kilkelly, Kylie: 'Neighbours return would be fun', Digital Spy, 21 maggio 2010. URL consultato il 15 giugno 2012.
  4. ^ Mercado, pagg. 208-209.
  5. ^ (EN) Michael Idato, An institution turns 20, in The Age, 14 luglio 2005. URL consultato il 15 giugno 2012.
  6. ^ a b (EN) David Lister, Kylie Minogue: Goddess of the moment, in The Independent, 23 febbraio 2002. URL consultato il 15 giugno 2012.
  7. ^ (EN) Beth Hilton, Kylie and Jason: A History, Digital Spy, 15 ottobre 2007. URL consultato il 15 giugno 2012.
  8. ^ a b Oran, pag. 68.
  9. ^ Mercado, pag. 207.
  10. ^ (EN) Pop star Kylie's route to success, in BBC News, 17 maggio 2005. URL consultato il 15 giugno 2012.
  11. ^ (EN) Kris Green, 'Neighbours' bosses hit back at Kylie, Digital Spy, 11 maggio 2005. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2006).
  12. ^ (EN) Daniel Kilkelly, Kylie invited back to 'Neighbours', Digital Spy, 26 maggio 2010. URL consultato il 15 giugno 2012.
  13. ^ Monroe, pag. 122.
  14. ^ (EN) Kylie diagnosed with breast cancer, in The Guardian, 17 maggio 2005. URL consultato il 15 giugno 2012.
  15. ^ (EN) Is Kylie really so lucky, lucky, lucky?, in Belfast Telegraph, 27 giugno 2008. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  16. ^ (EN) Kylie and Dannii recreate infamous Dynasty catfight for TV special, in Daily Mail, 9 novembre 2007. URL consultato il 15 giugno 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione