Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sa'ìd b. Zayd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sa'īd ibn Zayd b. ‘Amr b. Nufayl (in arabo: سعيد بن زيد‎; La Mecca, 593Medina, 673) è stato uno dei Dieci Benedetti, appartenente al clan meccano dei Banū Kaʿb b. Luʾayy.

Cugino e cognato di ʿUmar b. al-Khattāb, si dice che il futuro secondo califfo dell'Islam si fosse convertito proprio grazie a lui.

Pur non partecipando - per espletare un incarico affidatogli dal profeta Maometto - alla battaglia di Badr, Saʿīd b. Zayd combatté in tutti i primi fatti d'arme islamici assumendo posti di comando.

Non approvò l'operato di ʿUthmān b. ʿAffān ma non fu tra i sostenitori di ʿAlī b. Abī Tālib. Nonostante l'alta considerazione che aveva per lui Maometto, non ricoprì posti di particolare rilievo nella Umma, anche se alcune fonti lo indicano come governatore di Kufa sotto Muʿāwiya b. Abī Sufyān.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]