Amina bint Wahb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Amina bint Wahb, in arabo: آمنة بنت وهب‎, Āmina bt. Wahb (549 circa – 577 circa), fu la madre del profeta Maometto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Àmina era figlia di Wahb ibn ʿAbd Manāf[1], sayyid dei Banū Zuhra, un clan della tribù araba dei Quraysh della Mecca, e di Barra bt. ʿAbd al-ʿUzzà[2].

Supposto luogo d'inumazione di Amina bint Wahb
Supposto luogo d'inumazione della cugina di Maometto, Arwa bint Koraiz, a sinistra di quello di Amina bint Wahb

Di lei si sa che, giovanissima, era andata sposa ad ʿAbd Allāh, figlio di ʿAbd al-Muṭṭalib, il sayyid del clan hascemita dei Quraysh.

Il loro concepimento del futuro Profeta fu caratterizzato da eventi straordinari, come quello che avrebbe consentito ad Àmina di vedere dalla Mecca la lontanissima città siriana di Bosra, a sottolineare l'eccezionalità della futura nascita di Maometto e del destino di salvezza che si sarebbe profilato per l'umanità a seguito del messaggio coranico da lui diffuso.

Poco dopo il concepimento Àmina restò vedova, essendo morto suo marito a Yathrib, presso parenti di sua nonna paterna, Salmā bt. ʿAmr, di ritorno da un viaggio di affari a Gaza.

La giovane madre dette a balia il fanciullo a Ḥalīma, appartenente ai Banu Saʿd b. Bakr, ma la morte colse anche Àmina verso il 577, ad al-Abwāʾ, tra la Mecca e Yathrib, quando Maometto aveva appena sei anni, tanto che della sua cura dovette occuparsi il nonno paterno ʿAbd al-Muṭṭalib ibn Hāshim, contraddicendo la consuetudine ancestrale araba che, specie in Arabia meridionale, voleva che tutore dell'orfano diventasse uno zio materno (khāl[3]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome completo era Wahb ibn ʿAbd Manāf b. Zuhra b. Kilāb b. Murra b. Kaʿb b. Luʾayy b. Ghālib b. Fihr.
  2. ^ Il nome completo era Barra bt. ʿAbd al-ʿUzzà b. ʿUthmān b. ʿAbd al-Dār b. Qusayy b. Kilāb b. Murra b. Kaʿb b. Luʾayy b. Ghālib b. Fihr.
  3. ^ Lo zio paterno è invece definito ʿamm.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ibn Isḥāq/Ibn Hishām, al-Sīra al-nabawiyya (La vita del Profeta), Cairo, Muṣṭafà al-Saqqā, Ibrāhīm al-Abyārī e ʿAbd al-Ḥafīẓ Šiblī (edd.), Il Cairo, Muṣṭafà al-Bābī l-Ḥalabī, 2 voll., II ed., 1955 (trad. inglese The Life of Muhammad, a cura di A. Guillaume, Oxford University Press, 1955).
  • al-Ṭabarī (Muḥammad b. Jarīr), 1969-77: Taʾrīkh al-rusul wa l-mulūk (Storia dei profeti e dei re), Muḥammad Abū l-Faḍl Ibrāhīm (ed.), Il Cairo, Dār al-maʿārif, 11 voll.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN286935725 · ISNI (EN0000 0003 9281 9904 · LCCN (ENn85360324 · GND (DE1176697447 · J9U (ENHE987007411979805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n85360324
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie