Hamna bint Jahsh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ḥamna bint Jahsh (in arabo: ﺣﻤﻨـة ﺑﻨﺖ ﺟﺤﺶ‎; La Mecca, ... – Medina, 641) è stata un Sahaba.

Ḥamna, o Ḥumna o Ḥammana bt. Jaḥsh era sorella di ʿAbd Allāh b. Jaḥsh, ʿUbayd Allāh b. Jaḥsh e di Zaynab bt. Jaḥsh ed era cugina del profeta Maometto, dal momento che sua madre Umayma bint ʿAbd al-Muṭṭalib era sorella di ʿAbd Allāh b. ʿAbd al-Muṭṭalib, padre del Profeta, .

Convertitasi precocemente all'Islam, sposò Musʿab b. ʿUmayr e con lui effettuò la Piccola Egira e poi l'Egira a Yathrib, partecipando come vivandiera e infermiera alla battaglia di Uhud in cui caddero martiri il marito e lo zio Ḥamza b. ʿAbd al-Muṭṭalib.

Rimasta vedova, sposò in seconde nozze il Compagno del Profeta, Ṭalḥa b. ʿUbayd Allāh, uno dei Dieci Benedetti (al-ʿAshara al-Mubashshara bi-l-janna) e da lui ebbe due figli: Muḥammad - detto Sajjād[1] per la sua grande devozione - e ʿImrān.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Che effettua molte sujūd (prosternazioni nella ṣalāt).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie