Robert Mundell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Robert A. Mundell)
Robert Alexander Mundell
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per l'economia 1999

Robert Alexander Mundell CC (Kingston, 24 ottobre 1932) è un economista canadese, vincitore del premio Nobel per l'economia nel 1999, «per la sua analisi della politica fiscale e monetaria in presenza di diversi regimi di cambio e per la sua analisi delle aree valutarie ottimali».[1]

Ha insegnato nell'Università di Chicago e alla Columbia.[2] È conosciuto per la teoria delle aree ottimali elaborata nel 1961[3], che gli è valso, appunto, il Nobel. È, inoltre, considerato uno dei più influenti teorici dell'architettura dell'Euro[4].

Pubblicazioni (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Una bibliografia esauriente dei lavori di Mundell è disponibile sul suo sito personale.

  • The pure theory of international trade, in American economic review, 67, 1960.
  • Capital mobility and stabilization policy under fixed and flexible exchange rates, in Canadian journal of economics and political science, 475, 1963.
  • The international monetary system; conflict and reform, Montreal, Canadian Trade Committee, Private Planning Association of Canada, 1965.
  • Man and economics, New York, McGraw-Hill, 1968.
  • International economics, New York, Macmillan, 1968.
  • Monetary theory : inflation, interest, and growth in the world economy, Pacific Palisades, Calif, Goodyear Publishing Company, 1971.
  • Inflation and growth in China : proceedings of a conference held in Beijing, China, May 10-12, 1995, con Manuel Guitián, Washington, DC, International Monetary Fund, 1996.
  • The European Monetary System 50 years after Bretton Woods: A Comparison Between Two Systems, Siena, Monte dei Paschi di Siena, 1997.
  • The Euro as a stabilizer in the international economic system, con Armand Clesse, Boston, Kluwer Academic, 2000.

Edizioni in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Economia internazionale, traduzione di Giovanni Palmerio, Torino, UTET, 1974.
  • La nuova Europa, con Mario Baldassarri, Roma, SIPI, 1991. Comprende:
1. Mercato unico ed unificazione monetaria tra i paesi della Cee
2. I paesi dell'Est europeo : transizione al mercato ed integrazione internazionale
  • Problemi internazionali nel villaggio globale, Robert Mundell e altri, Roma, SIPI, 1993.
  • Dentro la globalizzazione: Italia ed Europa, con Paolo Fresco e Silvano Granchi, Osmannoro, Sesto Fiorentino, PLAN, 2002.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Compagno dell'Ordine del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine del Canada
«Uno degli economisti più influenti della sua generazione, Robert Mundell ha dato un segno duraturo sulle sfere politiche, accademiche e pubbliche. È stato la fonte di numerose teorie di economia internazionale ed è stato nominato Premio Nobel per il suo lavoro sulla moneta unica e le politiche monetarie e fiscali. Fino ad oggi, la sua visione di mobilità internazionale del lavoro continua a essere significativa per i responsabili politici. Il suo pensiero innovativo continua ad essere al centro dell'insegnamento della macroeconomia internazionale. Attualmente professore alla Columbia University, è un appassionato partecipante nei dibattiti politici in corso in Canada.»
— nominato il 10 ottobre 2002, investito il 24 ottobre 2003[5]
Cavaliere di Gran Croce Ordine del Merito di San Lodovico (Borbone-Parma) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Ordine del Merito di San Lodovico (Borbone-Parma)
«25.07.2005»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per l'economia del 1999, nobelprize.org. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  2. ^ vedi Treccani.it L'Enciclopedia Italiana, riferimenti in Collegamenti esterni.
  3. ^ Mundell, Robert A. "A theory of optimum currency areas." The American Economic Review 51.4 (1961): 657-665.
  4. ^ Fortune: Two legends in economics wrestle over the Euro's future
  5. ^ (EN) Sito web del Governatore Generale del Canada: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN51770319 · LCCN: (ENn50031983 · ISNI: (EN0000 0000 8232 0710 · GND: (DE124383254 · BNF: (FRcb123799362 (data)