Eugene Fama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fama al Premio Nobel del 2013
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per l'economia 2013

Eugene Francis Fama (Boston, 14 febbraio 1939) è un economista statunitense, noto per il suo lavoro sulla teoria del portafoglio e l'asset pricing.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Boston da una famiglia d'origine italiana nel 1939, è professore di Finanza alla Booth School of Business dell'Università di Chicago, dove ha conseguito un M.B.A. e ha ottenuto un Ph.D in economia e finanza sotto la guida di Benoît Mandelbrot. Ha sempre insegnato all'Università di Chicago. La sua tesi di dottorato, che concludeva che le variazioni dei prezzi delle azioni sono casuali e seguono un cammino casuale, fu pubblicato nel 1965 sul Journal of Business, con il titolo The Behavior of Stock Market Prices.

L'articolo ha dato vita a un articolo meno tecnico, Random Walks In Stock Market Prices, pubblicato sul Financial Analysts Journal nel 1965 e su Institutional Investor nel 1968. L'articolo The Adjustment of Stock Prices to New Information pubblicato sull'International Economic Review nel 1969 (con altri) è stato il primo studio ad analizzare come il prezzo delle azioni reagisce a un evento. Fama è noto soprattutto per essere l'autore dell'ipotesi del mercato efficiente.

Nell'articolo del 1970 sul Journal of Finance, Efficient Capital Markets: A Review of Theory and Empirical Work, Fama propose due concetti cruciali nel definire i mercati efficienti. Anzitutto ha proposto tre concetti di efficienza: (i) una forma forte; (ii) una forma semi-forte; e (iii) l'efficienza debole. Poi, Fama ha dimostrato che la nozione di efficienza del mercato non poteva essere respinta senza rifiutare il modello dell'equilibrio di mercato ovvero del meccanismo di aggiustamento tramite i prezzi. Questo concetto è noto come problema delle ipotesi congiunte, con cui gli economisti hanno dovuto fare i conti.

Di recente in una serie di articoli Fama insieme a Kenneth French, ha sollevato dubbi circa la validità del Capital asset pricing model (CAPM) e ha proposto un modello a tre fattori. Inoltre, Fama è autore del manuale The Theory of Finance con il premio Nobel Merton Miller. È direttore di ricerca del Dimensional Fund Advisors, Inc., un fondo di investimento che gestisce 126 miliardi di dollari (dati del 2006). Nel 2005 è stato il primo vincitore del Premio Deutsche Bank per la Finanza. Il 14 ottobre 2013, l'Accademia reale svedese delle scienze ha deciso di premiare Fama, insieme a Robert Shiller e Lars Peter Hansen, con il Premio Nobel per l'Economia, «per le loro analisi empiriche sui prezzi delle attività finanziarie».[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nobel per l'Economia a Fama, Hansen e Shiller, corriere.it, 15 ottobre 2013. URL consultato il 30 agosto 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108162728 · ISNI (EN0000 0000 8172 8909 · LCCN (ENn87801775 · GND (DE137549644