Edward Prescott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edward Prescott
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per l'economia 2004

Edward Charles Prescott, detto "Ed" (Glens Falls, 26 dicembre 1940), è un economista statunitense, vincitore, insieme a Finn Kydland, del premio Nobel per l'economia nel 2004, «per i contributi alla macroeconomia dinamica: la coerenza temporale delle politiche economiche e le forze che determinano il ciclo economico».[1]

Dopo aver conseguito nel 1967 il dottorato presso la Carnegie Mellon University di Pittsburgh,[2] ha insegnato in varie università: alla University of Pennsylvania, alla Carnegie Mellon University, alla University of Minnesota e, dal 2003, è docente all'Arizona State University,[2] è anche consulente della Federal Reserve Bank di Minneapolis.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Rules Rather than Discretion: The Inconsistency of Optimal Plans, coautore Finn E. Kydland, in The Journal of Political Economy, Jun., 1977, vol. 85, no. 3, pp. 473–492.
  • Time to Build and Aggregate Fluctuations, coautore Finn E. Kydland, in Econometrica: Journal of the Econometric Society, Nov., 1982, vol. 50, no. 6, pp. 1345–1370.
  • Contractual arrangements for intertemporal trade, coautore Neil Wallace, Minneapolis, University of Minnesota Press, 1987.
  • Recursive methods in economic dynamics, coautori Nancy L. Stokey e Robert E. Lucas, Cambridge, Mass, Harvard University Press, 1989.
  • Barriers to riches, coautore Stephen L. Parente, Cambridge, Mass., MIT Press, 2000. Edizione italiana: Barriere alla ricchezza delle nazioni, Milano, EGEA, 2001.
  • Great depressions of the twentieth century, coautore Timothy J. Kehoe, Minneapolis, Federal Reserve Bank of Minneapolis, 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per l'economia del 2004, su nobelprize.org. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  2. ^ a b Fonte: The Concise Encyclopedia of Economics, riferimenti in Collegamenti esterni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66527523 · ISNI (EN0000 0001 0910 5528 · LCCN (ENn86804541 · GND (DE128531010 · BNF (FRcb12279449v (data)