Rayners Lane (metropolitana di Londra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Underground.svg Rayners Lane
Rayners Lane stn building.JPG
La stazione di Rayners Lane
Stazione della metropolitana di Londra
Gestore Transport for London
Inaugurazione 1906 Metropolitan Railway, 1933 Piccadilly Line
Stato in uso
Linea Piccadilly line
Metropolitan line
Localizzazione Rayners Lane
Tipologia Stazione di superficie
Interscambio vedi sotto
Flusso passeggeri 2010 Decrease2.svg 3.87 milioni[1]
2011 Increase2.svg 3.98 milioni[1]
2012 Decrease2.svg 3.95 milioni[1]
2013 Increase2.svg 4.08 milioni[1]
2014 Increase2.svg 4.37 milioni[1]
Mappa di localizzazione: Londra
Rayners Lane
Rayners Lane
Metropolitane del mondo

Coordinate: 51°34′30.53″N 0°22′16.06″W / 51.575147°N 0.371127°W51.575147; -0.371127

Rayners Lane è una stazione della metropolitana di Londra situata a Rayners Lane, nel borgo londinese di Harrow, nei pressi dell’incrocio tra Rayners Lane, Alexandra Avenue e Imperial Drive. La stazione si trova sulla diramazione di Uxbridge delle linee seguenti:

nella quinta zona tariffaria della metropolitana londinese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Treno della Piccadilly in attesa di ripartire sul raccordo di inversione di marcia della stazione di Rayners Lane

La stazione della MR[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1904 la Metropolitan Railway (MR, allora la Harrow and Uxbridge Railway) ha costruito la linea di collegamento tra Harrow on the Hill e Uxbridge, che comprendeva come unica fermata intermedia quella di Ruislip. Rayners Lane è stata aperta a maggio del 1906, come un punto di arresto del treno denominato Rayners Lane Halt, dal nome di Daniel Rayner, il proprietario di una fattoria nella zona[2] A marzo del 1910 è stata costruita una diramazione della District line da South Harrow a Rayners Lane per connmettersi alla Metropolitan line.

La stazione della Piccadilly Line[modifica | modifica wikitesto]

A ottobre 1933 i treni della District line sono stati sostituiti da quelli della Piccadilly line. La stazione è stata ricostruita nei primi anni ‘30[3], su progetto di Charles Holden e Reginald Uren. L'edificio include una biglietteria a forma di cubo in mattoni e vetro, con una lastra di cemento armato per tetto. Nel 1964 ha chiuso lo scalo merci[4]. A maggio 1994 l'edificio della stazione è diventato un Monumento classificato di grado II[5].

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Per la stazione passano i bus n. 398, H9, H10 e H12[6].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Multi-year station entry-and-exit figures (XLS), in London Underground station passenger usage data, Transport for London, 2017. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Cyril M. Harris, What’s in a name?, 4aª ed., Capital Transport, 2001 [1977], ISBN 1-85414-241-0.
  3. ^ (EN) David Lawrence, Bright Underground Spaces, Capital Transport, 2008.
  4. ^ Brian Hardy, How it used to be – freight on The Underground 50 years ago, in Underground News, nº 591, London Underground Railway Society, marzo 2011, pp. 175–183.
  5. ^ (EN) Rayner's Lane London Regional Transport Underground station including shops and platforms (including Rayner's Lane station, alexandra avenue), National Heritage List for England. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Buses nearby Rayners Lane Underground Station, su tfl.gov.uk. URL consultato il 18 dicembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Douglas Rose, The London Underground, A Diagrammatic History, 7ª ed., Douglas Rose/Capital Transport, 1999 [1980], ISBN 1-85414-219-4.
  • (EN) J.E. Connor, London's Disused Underground Stations, 2ª ed., Capital Transport, 2006 [1999], ISBN 1-85414-250-X.
  • (EN) John R. Day, John Reed, The Story of London's Underground, 11ª ed., Capital Transport, 2010 [1963], ISBN 978-1-85414-341-9.
  • (EN) Tony Beard, By Tube Beyond Edgware, Capital Transport, 2002, ISBN 978-1-85414-246-7.
  • (EN) R.V.J. Butt, The Directory of Railway Stations, Patrick Stephens Ltd, 1995, ISBN 1-85260-508-1.
  • (EN) Christian Wolmar, The Subterranean Railway: How the London Underground Was Built and How It Changed the City Forever, Atlantic Books, 2005 [2004], ISBN 978-1-84354-023-6.
  • (EN) Joe Brown, London Railway Atlas, 3ª, Ian Allan Publishing, 2013, ISBN 978-0-7110-3728-1.
  • Anthony Sutcliffe, London: An Architectural History, Yale University Press, 2006, ISBN 978-0-300-11006-7. URL consultato il 17 novembre 2018.
  • Cyril M. Harris, What's in a name?, 4a, Capital Transport, 2001 [1977], ISBN 978-1-85414-241-2.
  • Antony Badsey-Ellis, Underground Heritage, Capital Transport, 2012, ISBN 978-1-85414-360-0.
  • David Bownes, Oliver Green e Sam Mullins, Underground: How the Tube Shaped London, Allen Lane, 2012, ISBN 978-1-84614-462-2.
  • Mike Horne, The Northern Line: An Illustrated History, 3a, Capital Transport, 2009 [1990], ISBN 978-1-85414-326-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]