Ruislip Manor (metropolitana di Londra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Underground.svg Ruislip Manor
Ruislip Manor tube station 1.jpg
La stazione di Ruislip Manor
Stazione della metropolitana di Londra
Gestore Transport for London
Inaugurazione 1912 Metropolitan Railway, 1933 Piccadilly Line
Stato in uso
Linea Piccadilly line
Metropolitan line
Localizzazione Ruislip Manor
Tipologia Stazione di superficie
Interscambio vedi sotto
Flusso passeggeri 2010 Increase2.svg 1.57 milioni[1]
2011 Increase2.svg 1.60 milioni[1]
2012 Increase2.svg 1.69 milioni[1]
2013 Increase2.svg 1.77 milioni[1]
2014 Increase2.svg 1.98 milioni[1]
Mappa di localizzazione: Londra
Ruislip Manor
Ruislip Manor
Metropolitane del mondo

Coordinate: 51°34′23.53″N 0°24′46.7″W / 51.573202°N 0.412973°W51.573202; -0.412973

Ruislip Manor è una stazione della metropolitana di Londra situata a Ruislip Manor, nel borgo londinese di Hillingdon, lungo Victoria Road. La stazione si trova sulla diramazione di Uxbridge della Piccadilly line e della Metropolitan line, tra le stazioni di Eastcote e Ruislip, nella sesta zona tariffaria della metropolitana londinese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Binario ovest, guardando verso est

La stazione della MR[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1904 la Metropolitan Railway (MR, allora la Harrow and Uxbridge Railway) ha costruito la linea di collegamento tra Harrow on the Hill e Uxbridge, che comprendeva come unica fermata intermedia quella di Ruislip. A marzo del 1910 è stata aperta una diramazione della District line da South Harrow a Rayners Lane, per connettersi alla Metropolitan Railway. La stazione di Ruislip Manor è stata aperta ad agosto 1912 come un punto di arresto del treno denominato Ruislip Manor Halt[2].

La stazione della Piccadilly Line[modifica | modifica wikitesto]

A ottobre 1933 i treni della District line sono stati sostituiti da quelli della Piccadilly line. Per gestire il numero di passeggeri sempre crescente negli anni '30 (da 17.000 nel 1931 a 1,25 milioni nel 1937), è stata aperta una nuova stazione a giugno 1938. La stazione è stata nuovamente rimodernata nel 2005-2006.

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Per la stazione passano i bus n. 114, H13 e 398[3].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Multi-year station entry-and-exit figures (XLS), in London Underground station passenger usage data, Transport for London, 2017. URL consultato il 15 dicembre 2018.
  2. ^ DR.
  3. ^ (EN) Buses nearby Ruislip Manor Underground Station, su tfl.gov.uk. URL consultato il 16 dicembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Douglas Rose, The London Underground, A Diagrammatic History, 7ª ed., Douglas Rose/Capital Transport, 1999 [1980], ISBN 1-85414-219-4.
  • (EN) J.E. Connor, London's Disused Underground Stations, 2ª ed., Capital Transport, 2006 [1999], ISBN 1-85414-250-X.
  • (EN) John R. Day, John Reed, The Story of London's Underground, 11ª ed., Capital Transport, 2010 [1963], ISBN 978-1-85414-341-9.
  • (EN) Tony Beard, By Tube Beyond Edgware, Capital Transport, 2002, ISBN 978-1-85414-246-7.
  • (EN) R.V.J. Butt, The Directory of Railway Stations, Patrick Stephens Ltd, 1995, ISBN 1-85260-508-1.
  • (EN) Christian Wolmar, The Subterranean Railway: How the London Underground Was Built and How It Changed the City Forever, Atlantic Books, 2005 [2004], ISBN 978-1-84354-023-6.
  • (EN) Joe Brown, London Railway Atlas, 3ª, Ian Allan Publishing, 2013, ISBN 978-0-7110-3728-1.
  • Anthony Sutcliffe, London: An Architectural History, Yale University Press, 2006, ISBN 978-0-300-11006-7. URL consultato il 17 novembre 2018.
  • Cyril M. Harris, What's in a name?, 4a, Capital Transport, 2001 [1977], ISBN 978-1-85414-241-2.
  • Antony Badsey-Ellis, Underground Heritage, Capital Transport, 2012, ISBN 978-1-85414-360-0.
  • David Bownes, Oliver Green e Sam Mullins, Underground: How the Tube Shaped London, Allen Lane, 2012, ISBN 978-1-84614-462-2.
  • Mike Horne, The Northern Line: An Illustrated History, 3a, Capital Transport, 2009 [1990], ISBN 978-1-85414-326-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]