Radicolopatia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Radicolite)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Radicolopatia
Cervical vertebrae lateral.png
Le vertebre C5-C6, seguite da C6-C7, sono la più comune localizzazione delle radicolopatie cervicali-dorsali del collo
Specialità reumatologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 723.4, 724.4 e 729.2
MeSH D011843

La radicolopatia o neuropatia radicolare è una patologia del sistema nervoso periferico (neuropatia) che colpisce la radice di un nervo spinale, solitamente a causa di sindrome da compressione nervosa di varia eziologia (la più comune è l'ernia del disco o comunque una discopatia), o di un'infiammazione da altre cause.

Eziologia e fisiopatologia[modifica | modifica wikitesto]

La radicolopatia è una solitamente una compressione meccanica o infiammazione di una radice nervosa spinale all'uscita dal forame vertebrale o da un recesso laterale. Può essere secondaria a malattie degenerative del disco intervebrale (es. ernia del disco, protrusione o rottura), osteoartrosi spondilosica, artrite (es. spondilite anchilosante), traumi della colonna vertebrale, degenerazione o ipertrofia delle faccette articolari, ipertrofia legamentosa, spondilolistesi o una combinazione di questi fattori. Altre cause rare di radicolopatia possono includere radiazioni, diabete mellito, poliradicolonevrite acuta demielinizzante e autoimmune (e forme croniche come la neuropatia motoria multifocale, con blocchi di conduzione in questo caso situati alla radice nervosa), malattia neoplastica o qualsiasi processo di malattia che coinvolga le meningi spinali. La meningite di Lyme di secondo stadio assomiglia alla meningite asettica e spesso è associata a radicolopatie infiammatorie.[1]

I danni sono, in ordine di frequenza, alle sole fibre sensitive (più comune), alle fibre sensitive e motorie assieme, oppure solo alle fibre motorie (più raro). Se la compressione radicolare è importante, risulta una perdita assonale, che si presenta anche con attività spontanea da denervazione (fibrillazione, la quale può trovarsi, se occasionale, anche in individui sani).[1]

Nelle radicolopatie acute la fibrillazione (come le simili manifestazioni della fascicolazione e miochimia) compare solo 2 o 3 settimane dopo e può divenire più sporadica col passare del tempo. Nelle forme croniche o acute divenute cronicizzate può anche non trovarsi la fibrillazione costante, mentre, in fase diagnostica, i potenziali di unità motoria (PUM) aumentati indicano la degenerazione walleriana assonale a cui segue la rigenerazione (reinnervazione), quindi la sofferenza cronica del nervo stabilizzata e non degenerativa.[1]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La radicolopatia è una diagnosi comunemente fatta dai medici specialisti in ortopedia, fisiatria e neurologia. La diagnosi può essere suggerita da sintomi di dolore, intorpidimento e debolezza in un modello coerente con la distribuzione di una particolare radice del nervo. Può anche essere presente dolore al collo o dolore alla schiena.[2]

Corrispondenza cutanea (dermatomero) tra le radici spinali e l'innervazione superficiale
Segno di Lasègue o test dell'alzamento della gamba.

L'esame fisico può rivelare deficit motori e sensoriali nella distribuzione di una radice nervosa. Nel caso della radicolopatia cervicale, il test di Spurling può suscitare o riprodurre sintomi che irradiano al braccio. Nel caso della radicolopatia lombosacrale, una manovra di sollevamento della gamba diritta (segno di Lasègue) può esacerbare i sintomi radicolopatici, così come il segno di Wasserman. I riflessi tendinei profondi (noti anche come riflessi stretti) possono essere ridotti o assenti nelle aree innervate da una particolare radice nervosa.

Per ulteriore studio, l'American College of Radiology raccomanda che la radiografia proiettiva sia lo studio iniziale più appropriato in tutti i pazienti con dolore cronico del collo.[2] Due test diagnostici aggiuntivi che possono essere d'uso sono le immagini della risonanza magnetica e i test elettrodiagnostici. La risonanza magnetica (MRI) della parte della colonna vertebrale in cui si sospetta la radicolopatia può rivelare prove di cambiamento degenerativo, malattia artritica o altra lesione esplicativa responsabile dei sintomi del paziente. Il test elettrodiagnostico, composto da elettroneurografia (studio fisiologico della velocità di conduzione nervosa) e EMG (elettromiografia), è anche un potente strumento diagnostico che può evidenziare lesioni alla radice del nervo in aree sospette.

I parametri elettrofisiologici sono solitamente nella norma, specialmente la velocità di conduzione e la risposta ai riflessi dell'onda H e dell'onda F (comunque non specifici). Negli studi sulla conduzione del nervo, si può osservare lo schema del potenziale d'azione muscolare e del potenziale d'azione del nervo sensoriale normale in quanto la lesione è prossimale al ganglio radicale posteriore. La conduzione nervosa motoria e sensitiva periferica risulta perciò sempre normale o solo leggermente difforme, a differenza delle neuropatie classiche. Un'alterazione del potenziale d'azione motoria può evidenziarsi solo in caso di grave danno all'assone.[3]

L'elettromiografia ad ago è la parte più significativa; può rivelare:

  • in caso di radicolopatia acuta, atrofia muscolare da denervazione nella distribuzione della radice nervosa coinvolta, con fibrillazioni spontanee numerose, latenza e ampiezza dei potenziali di azione motorio-sensitivi dei nervi leggermente diminuiti, alterazioni dei potenziali delle unità motorie muscolari[4]
  • nelle radicolopatie croniche, segni di sofferenza muscolare neurogena pregangliare delle unità motorie muscolari volontarie, con i potenziali di unità motoria (PUM) che risultano aumentati durante l'attivazione (questo distingue l'origine neurogena e non miogena dell'affezione); a volte il tracciato massimale è di tipo interferenza (ossia non si distinguono più i singoli PUM) e leggermente diminuito, anche se non in maniera consistente come nelle miopatie (ciò è indicante il ridotto reclutamento delle unità motorie a causa di perdita di fibre muscolari, e il rimaneggiamento del tessuto[5]), mentre i potenziali d'azione nervosa sono solitamente normali.[4]

Per quanto riguarda la diagnosi differenziale, nelle radicolopatie acute vi è corrispondenza radicolare tra i muscoli con anomalie e le radici spinali, mentre nelle malattie specifiche del II motoneurone o che coinvolgono il motoneurone anche indirettamente (tra le prime sclerosi laterale amiotrofica e atrofia muscolare spinale, tra le seconde poliomielite e sclerosi multipla, ecc.) la denervazione è diffusa in unità motorie diverse e senza preciso ordine corrispondente già all'esordio. Tuttavia vi sono casi di radicolopatie contemporanee separate (poliradicolopatia) con coinvolgimento di più radici nervose. I potenziali di fibrillazione risultano invece più costanti nelle radicolopatie acute, anche se ugualmente rapidi o lenti, rispetto alle malattie del motoneurone. Sono rilevabili fascicolazioni in entrambi i casi. Le malattie del motoneurone hanno anche progressione rapida e quindi non sono confondibili con la radicolopatia ormai cronica. Inoltre in esse il tracciato massimale non è di interferenza.[6] Altre malattie oggetto di diagnosi differenziale sono le neuropatie ereditarie radicolari e la neuropatia ereditaria con predisposizione alle paralisi da pressione

Il nervo ischiatico, formato da fibre provenienti da tutti i nervi del plesso lombosacrale (L4, L5, S1, S2, S3), si dirama nel nervi peroneo, surale e tibiale, che innervano i muscoli degli arti inferiori come il quadricipite, il retto femorale, il gastrocnemio, il tibiale anteriore-posteriore e i muscoli del piede (es. estensore lungo delle dita, estensore breve dell'alluce...). Essi possono essere soggetti a radicolopatia lombare e sacrale con sciatica.

Dato il ruolo fondamentale dei test elettrodiagnostici nella diagnosi delle radicolopatie acute e croniche, l'Associazione Americana di Medicina Neuromuscolare e Elettrodinamica ha pubblicato delle linee guida pratiche basate sulle prove, per la diagnosi delle radicolopatie cervicali e lombosacrali.[4]

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi e i segni clinici di una radicolopatia si manifestano sia nella zona di origine, sia lungo il nervo sia nella zona muscolare e cutanea corrispondente (dermatomero); essi sono dolore, soprattutto in fase acuta, spesso violento, aggravato dai movimenti della colonna vertebrale dovuto all'infiammazione o alla compressione irritativa (radicolite, come ad esempio la sciatalgia causata da radicolopatia del nervo ischiatico che parte dal plesso lombosacrale), iperestesia, parestesia, disestesia e ipotensie nelle zone innervate interessate, deficit motori, ipostenia, piede cadente, ipotonia muscolare, lieve calo muscolare (ipotrofia), crampi, mioclono, fascicolazioni, tremore cinetico posturale e diminuzione - fino all'abolizione - dei riflessi (areflessia).

I sintomi sono molto più gravi in caso di poliradicolopatia diffusa della zona lombosacrale o sindrome della cauda equina, presentando almeno buona parte dei seguenti disturbi[7][8]: forte debolezza degli arti inferiori fino alla paraplegia, atrofia muscolare, inizialmente ritenzione urinaria (nel 50-70% dei pazienti alla presentazione) che evolve poi in vescica neurogena con incontinenza urinaria, incontinenza fecale, disfunzione erettile nell'uomo, anestesia a sella (a livello del perineo e in regione perianale), dolore e assenza bilaterale del riflesso patellare.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Cambia a seconda della gravità; per il dolore può bastare del semplice riposo con applicazione di ghiaccio nelle zone interessate oppure possono essere necessari degli analgesici e iniezioni di steroidi, se il dolore è troppo forte da sopportare. Infine, per i casi più gravi, è previsto l'intervento chirurgico.

Una compressione radicolare recente è reversibile, se rimossa la causa; se la compressione è cronicizzata la rimozione della causa non può garantire il recupero. La terapia chirurgica è indicata nel primo caso, mentre nei casi con sofferenza cronica si sceglie il trattamento conservativo, come fisioterapia, elettroterapia, mesoterapia, ozonoterapia, rinforzo dei muscoli e supporti di sostegno.[9] In caso di sindrome della cauda equina il trattamento chirurgico è sempre invece considerato.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Raffaele Del Colle, ASPETTI CLINICI E DIAGNOSTICA NEUROFISIOLOGICA NELLE RADICOLOPATIE: UTILITÀ DELL’ELETTROMIOGRAFIA, Unità Operativa Complessa di Neurologia, A.U.S.L.L. n. 21, Legnago (VR)
  2. ^ a b Gerard A Malanga, Cervical Radiculopathy Workup, emedicine.medscape.com. URL consultato il 29 giugno 2017. Updated: Dec 14, 2016
  3. ^ American Association of Electrodiagnostic Medicine. e Y. T. So, Guidelines in electrodiagnostic medicine. Practice parameter for needle electromyographic evaluation of patients with suspected cervical radiculopathy (PDF), in Muscle & Nerve. Supplement, vol. 8, 1999, pp. S209–21, PMID 16921635.
  4. ^ a b c S. Charles Cho, Mark A. Ferrante, Kerry H. Levin, Robert L. Harmon e Yuen T. So, Utility of electrodiagnostic testing in evaluating patients with lumbosacral radiculopathy: An evidence-based review, in Muscle & Nerve, vol. 42, nº 2, 2010, pp. 276–82, DOI:10.1002/mus.21759, PMID 20658602.
  5. ^ P. Pazzaglia, Clinica neurologica, pp. 46-47
  6. ^ EMG nelle RADICOLOPATIE. IL CONTRIBUTO DELL’EMG NELLA DIAGNOSI E NELL’INDIRIZZO TERAPEUTICO
  7. ^ A. Gardner, E. Gardner; T. Morley, Cauda equina syndrome: a review of the current clinical and medico-legal position., in Eur Spine J, vol. 20, nº 5, maggio 2011, pp. 690-7, DOI:10.1007/s00586-010-1668-3, PMID 21193933.
  8. ^ Herkowitz, pp. 462, 2004.
  9. ^ TERAPIA nelle RADICOLOPATIE
  10. ^ Shapiro S, Medical realities of cauda equina syndrome secondary to lumbar disc herniation, in Spine, vol. 25, nº 3, febbraio 2000, pp. 348–51; discussion 352, DOI:10.1097/00007632-200002010-00015, PMID 10703108.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina