Atrofia da denervazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'atrofia da denervazione (o neurogena) consiste in una forte riduzione delle dimensioni delle fibre muscolari a seguito dell'interruzione parziale o totale delle connessioni nervose che le servono, a causa di un trauma o di una patologia, ad esempio la poliomielite.

Il motoneurone α (alfa), che assieme alle fibrocellule che innerva costituisce la cosiddetta unità motoria, esercita infatti un effetto trofico essenziale sul muscolo, promuovendo la sintesi proteica in loco. Le fibre muscolari private dell'innervazione assumono una caratteristica forma raggrinzita ed angolata[1]. Benché il processo atrofico sia un fenomeno non del tutto chiarito, soprattutto nel lungo termine[2], la progressione è piuttosto rapida nella fase iniziale: gli effetti sono visibili in pochi giorni e la perdita di massa cellulare può superare l'80% in pochi mesi, in casi estremi la fibra si riduce ad un ammasso di nuclei cellulari con pochissimo sarcoplasma[3]. Parte del tessuto muscolare perso viene sostituito in tempi relativamente brevi da tessuto adiposo e fibroso, mentre una vera e propria scomparsa delle miofibrille (probabilmente per apoptosi) è stata dedotta da biopsie solo in archi temporali molto più lunghi[4].

Un fenomeno compensatorio che avviene a seguito di denervazione è la reinnervazione incrociata. Gli assoni prossimi alle fibre denervate le reinnervano, convertendone il tipo nel caso sia diverso e mutandone perciò le caratteristiche fisiologiche. Questo causa il formarsi distintivo di raggruppamenti di fibre dello stesso tipo (type-grouping), quelle servite dalle vie nervose rimaste integre e quelle convertite dalla reinnervazione[5], differente dalla normale distribuzione a scacchiera.

Il type-grouping e il fatto che vengano interessati entrambi i tipi di fibra muscolare (I e II) permettono di differenziarla in ambito bioptico sia dalla atrofia da disuso (dal decorso più lento e che interessa in prevalenza le fibre di tipo II), sia da altre patologie che comportano atrofia selettiva[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dubowitz, Sewry, pp.276-281
  2. ^ (EN) Anna Jakubiec-Puka, Hanna Chomontowska, Kazimierz Krawczyk, Donatella Biral, Ultrastructure of the 2-months denervated rat leg muscle (PDF), in European Journal of Translational Myology, vol. 15, 5&6, 2005, ISSN 2037-7452 (WC · ACNP). URL consultato il 23 ottobre 2010.
  3. ^ (EN) Dimitri P.Agamanolis, Myopathology, Northeastern Ohio Universities College of Medicine, gennaio 2010. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  4. ^ Ugo Carraro, Biologia delle miofibre e loro adattamento a lungo termine ai traumi spinali(...) (PDF), in European Journal of Translational Myology, vol. 17, nº 1, 2007, ISSN 2037-7452 (WC · ACNP). URL consultato il 23 ottobre 2010.
  5. ^ Roberto Scelsi, Morfologia del muscolo scheletrico normale e patologia muscolare nella paraplegia da lesione del primo motoneurone (PDF), in European Journal of Translational Myology, vol. 17, nº 1, 2007, ISSN 2037-7452 (WC · ACNP). URL consultato il 23 ottobre 2010.
  6. ^ in teoria sarebbe possibile un'atrofia per denervazione selettiva, visto che i motoneuroni si differenziano in tipo I e II parallelamente al tipo di fibra innervata, ma non è mai stato osservato nell'uomo, vedi Dubowitz, Sewry, pp.276-281

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina