Principe Akishino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fumihito
秋篠宮文仁親王
Prince and Princess Akishino during their visit to México City (2014) (cropped).jpg
Il principe in 2014
Principe Akishino
Stemma
In carica dal 29 giugno 1990
Principe Aya
In carica 30 novembre 1965 –
29 giugno 1990
Nascita Ospedale dell'Agenzia della Casa Imperiale, Tokyo, 30 novembre 1965 (52 anni)
Dinastia Dinastia Imperiale del Giappone
Padre Imperatore Akihito
Madre Imperatrice Michiko
Consorte Kiko Kawashima
Figli Principessa Mako di Akishino
Principessa Kako di Akishino
Principe Hisahito di Akishino
Religione Shintoismo

Il principe Akishino (秋篠宮文仁親王 Akishino-no-miya Fumihito Shinnō?), noto anche come Principe Fumihito (文仁親王 Fumihito Shinnō?) (Tokyo, 30 novembre 1965) è un principe giapponese, secondogenito dell'imperatore Akihito e dell'imperatrice Michiko. È il secondo nella linea di successione al trono del crisantemo dopo il suo fratello maggiore principe Naruhito.[1] Al momento del suo matrimonio, nel giugno 1990, ha assunto il titolo di principe Akishino (Akishino-no-miya), generando un proprio ramo della famiglia imperiale giapponese.[2]

Primi anni di vita e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Il principe è nato nell'Ospedale dell'Agenzia della Casa Imperiale di Tokyo, il 30 novembre 1965. Il suo nome è Fumihito. Il suo appellativo, fino alle nozze, è stato principe Aya (Aya-no-miya). Ha frequentato le scuole primarie e secondarie nell'istituto Gakushūin.

Nel mese di aprile dell'1984 è entrato nel dipartimento di legge dell'Università Gakushūin, dove ha studiato legge e biologia. Dopo la laurea in scienze politiche, dall'ottobre del 1988 al giugno del 1990, ha studiato la tassonomia dei pesci al St John's College di Oxford.

Alla morte del nonno, l'imperatore Hirohito, nel gennaio 1989, è diventato secondo nella linea di successione al trono dopo suo fratello maggiore, il principe ereditario Naruhito.

Nell'ottobre del 1996, ha ricevuto un dottorato di ricerca in ornitologia dall'Università di Studi Avanzati del Giappone. La sua tesi di dottorato era dedicata al genere gallus. Ha condotto ricerche sul campo in Indonesia nel 1993 e in Cina, nello Yunnan, nel 1994. Quando il padre era ancora principe ereditario, ha introdotto in Thailandia i pesci tilapia come fonte importante di proteine, facili da allevare. Il principe è conosciuto come "specialista del pesce gatto" ed è riuscito a mantenere ed espandere gli studi sull'acquacoltura con il popolo tailandese.

È un grande fan dei Beatles e un accanito giocatore di tennis. Da studente, il principe Fumihito si è classificato tra i primi dieci giocatori di tennis in coppia della regione di Kantō.

È anche conosciuto per il suo impegno nella scuola di calligrafia Arisugawa.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il principe e la principessa Akishino nel dicembre 2005.

Il 29 giugno 1990, il principe ha sposato Kiko Kawashima, figlia di Tatsuhiko Kawashima, professore di economia all'Università Gakushūin e di sua moglie Kazuyo.

La coppia si è conosciuta quando erano entrambi studenti alla Gakushūin. Come suo padre, l'attuale imperatore, il principe ha trovato moglie fuori dall'aristocrazia e dai rami cadetti della famiglia imperiale. Al momento del matrimonio, ha ricevuto il titolo di Principe Akishino (Akishino-no-miya) e l'autorizzazione da parte del Consiglio economico della famiglia imperiale di formare un nuovo ramo della famiglia imperiale.

Il principe e la principessa Akishino hanno due figlie e un figlio:[2]

  • Mako (眞子内親王 Mako Naishinnō, nata il 23 ottobre 1991);
  • Kako (佳子内親王 Kako Naishinnō, nata il 29 dicembre 1994);
  • Hisaito (悠仁親王 Hisahito Shinno, nato il 6 settembre 2006).

Dal momento che il terzo figlio è un maschio, egli è terzo nella linea di successione al trono imperiale ed è probabile che riuscirà ad ascendere al trono, a meno che lo zio di Hisahito, il principe ereditario Naruhito, non abbia un erede maschio, o che le leggi di successione vengono modificate.[3]

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

La Principessa ed il Principe Akishino con il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e la figlia Laura

Il principe Akishino serve come presidente dell'Istituto Yamashina per l'ornitologia e dell'Associazione giapponese di zoo e acquari. È anche presidente onorario del WWF giapponese, dell'Associazione di tennis del Giappone e dell'Associazione Giappone-Paesi Bassi.[2] È visiting professor dell'Università dell'Agricoltura di Tokyo.

Il principe e la principessa Akishino favoriscono le relazioni amichevoli con l'estero rappresentando il loro paese presso i migliori eventi internazionali.[4] Per esempio, si sono recati nei Paesi Bassi nell'agosto 2009 per commemorare i 400 anni di relazioni commerciali tra i Paesi Bassi e il Giappone. Essi sono stati invitati dal governo olandese e sono stati ospitati dalla regina Beatrice a L'Aja. Hanno incontrato gli studenti di lingua giapponese, visitato il museo nazionale di etnologia, un ospedale universitario e altri due musei. Agli archivi nazionali, hanno partecipato all'apertura di una grande mostra di cimeli giapponesi intitolata "Da qui a Tokyo, 400 anni di scambio con il Giappone"; sono stati accompagnati dalla principessa Laurentien che ha vissuto e studiato in Giappone, in giovinezza. Inoltre, questa visita ufficiale ha compreso anche colloqui con il premier olandese.

Il principe ha svolto anche funzioni pubbliche per conto dell'Imperatore quando era ricoverato in ospedale.[5] Lui e gli altri membri della famiglia imperiale hanno visitato le zone colpite dal terremoto e maremoto del Tōhoku del 2011.[5]

Cariche onorifiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Membro di riserva del Consiglio della Casa Imperiale.
  • Presidente dell'Istituto Yamashina per l'orintologia.
  • Presidente dell'Associazione giapponese di zoo e acquari.
  • Presidente della Società per la protezione del Mitera Sennyuji.
  • Patrono onorario del WWF del Giappone.
  • Patrono onorario dell'Associazione di tennis del Giappone.
  • Patrono onorario dell'Associazione Giappone-Paesi Bassi.
  • Presidente onorario del Comitato del Premio dell'acqua.
  • Vicepresidente onorario della Fondazione Waksman INC.
  • Vicepresidente onorario della Società Siam.
  • Ricercatore straordinario del Museo dell'Università di Tokyo.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Principe Akishino del Giappone Padre:
Akihito del Giappone
Nonno paterno:
Hirohito
Bisnonno paterno:
Taisho
Trisavolo paterno:
Meiji
Trisavola paterna:
Nobile Yanagihara Naruko
Bisnonna paterna:
Imperatrice Teimei
Trisavolo paterno:
Principe Kujō Michitaka
Trisavola paterna:
Nobile Ikuko Noma
Nonna paterna:
Imperatrice Kōjun
Bisnonno paterno:
Principe Kuniyoshi Kuni
Trisavolo paterno:
Principe Kuni Asahiko
Trisavola paterna:
Nobile Makiko Izumi
Bisnonna paterna:
Principessa Chikako Shimazu
Trisavolo paterno:
Principe Shimazu Tadayoshi
Trisavola paterna:
Nobile Sumako Yamazaki
Madre:
Michiko Shōda
Nonno materno:
Hidesaburō Shōda
Bisnonno materno:
Teiichirō Shōda
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Bisnonna materna:
Kinu Shōda
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Nonna materna:
Fumiko Soejima
Bisnonno materno:
Tsunatake Soejima
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Bisnonna materna:
Aya
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze giapponesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo
— 30 novembre 1985[6][7]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 12 aprile 1998[8]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)
— 26 marzo 2007
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 8 novembre 2008[9]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (perù) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (perù)
— 27 gennaio 2014[10]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi)
— 29 ottobre 2014[11]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio)
— 11 ottobre 2016[12]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo)
— 27 novembre 2017[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imperial Household Agency (Kunaicho): Their Imperial Highnesses Prince and Princess Akishino; personal histories Principe Akishino, su kunaicho.go.jp, 25 luglio 2007. (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2007).
  2. ^ a b c Kunaicho: personal histories
  3. ^ "Japan royal baby named Hisahito," BBC News. 12 September 2006.
  4. ^ Kunaicho: Fostering friendly relations with foreign countries
  5. ^ a b Natsuki Komatsu, Prince Akishino's remarks show Imperial family crisis, in The Daily Yomiuri, 1º dicembre 2011. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  6. ^ Mad Hattery, Group photo
  7. ^ Ebook Library
  8. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  9. ^ Bollettino ufficiale dello Stato
  10. ^ [1], Prince Akishino wearing the Order
  11. ^ Copia archiviata, su koninklijkhuis.nl. URL consultato l'8 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2014)., Elenco delle decorazioni conferite nella visita di stato in Giappone del 2014
  12. ^ Blogspot
  13. ^ Luxarazzi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Kunaicho, su kunaicho.go.jp. URL consultato il Their Imperial Highnesses Prince and Princess Akishino.
  • Kunaicho, su kunaicho.go.jp. URL consultato il Press Conference by Their Imperial Highnesses Prince and Princess Akishino on the Occasion of the Birthday of His Imperial Highness Prince Akishino (2003).
  • The Japan Times, su search.japantimes.co.jp. URL consultato il Prince Akishino regrets brother's remarks on Masako.
Predecessore Linea di successione al trono del Giappone Successore Japanese Imperial Seal.svg
Naruhito 2ª posizione Principe Hisahito di Akishino
Controllo di autoritàVIAF: (EN195187249 · LCCN: (ENno00102542