Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Go-Sakuramachi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Go-Sakuramachi
後桜町天皇
Empress Go-Sakuramachi.jpg
Imperatrice del Giappone
Stemma
In carica 15 settembre 1762 - 23 maggio 1771
Incoronazione 15 settembre 1762
Predecessore Momozono (fratello)
Successore Go-Momozono (nipote)
Nascita 1740
Morte 1813 (73 anni)
Sepoltura Tsuki no wa no misasagi, Kyoto
Casa reale Periodo Edo
Padre Sakuramachi
Madre Nijō Ieko

Go-Sakuramachi (後桜町天皇, Go-Sakuramachi-tennō; 23 settembre 174024 dicembre 1813) è stata la 117° imperatrice del Giappone secondo il tradizionale ordine di successione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regnò dal 1762 sino al 1771.[1] Il suo nome personale era Toshiko (智子 Toshiko?). Fu l'ultima sovrana regnante: dal 1889, infatti, la legge della casa imperiale non permise più alle principesse l'accesso al trono.

Prima di lei solo altre sette donne nella storia nazionale giunsero ai vertici del potere in Giappone: Jito, Suiko, Kogyoku, Gensho, Koken, Gemmei e Meisho. Sua madre era Nijō Ieko (二条 舎子), mentre suo padre era l'imperatore Sakuramachi, dei quali era la secondogenita. La famiglia imperiale risiedeva fino al 1868 nel Palazzo imperiale, nell'odierna Kyoto.

Sembra abbia scritto un libro, una raccolta di poemi, intitolato 禁中年中の事, Kinchū-nenjū no koto. Alla sua morte, all'età di 73 anni, il corpo venne sepolto nel Tsuki no wa no misasagi a Kyoto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Titsingh, Isaac. (1834). Annales des empereurs du japon, p. 419-420

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frédéric Louis Nussbaum, Japan Encyclopedia, Harvard University Press, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatrice del Giappone Successore Imperial Seal of Japan.svg
Momozono 15 settembre 1762 - 23 maggio 1771 Go-Momozono
Controllo di autorità VIAF: (EN7172492 · LCCN: (ENno2007077891