Potassic-pargasite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Potassicpargasite)
Potassic-pargasite
Classificazione Strunz 9.DE.15[1]
Formula chimica KCa2(Mg4Al)(Si6Al2O22(OH)2[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico[3]
Sistema cristallino monoclino[3]
Classe di simmetria  
Parametri di cella a=9,9199(4) Å, b=18,0591(8) Å, c=5,3180(3) Å, β=105,36(1)°, V=918,65(5) Å³, Z=2[3]
Gruppo puntuale 2/m[3]
Gruppo spaziale C 2/m[3]
Proprietà fisiche
Densità misurata 3,25(1)[3] g/cm³
Densità calcolata 3,25(1)[3] g/cm³
Durezza (Mohs) 6-6½[3]
Sfaldatura perfetta secondo {110}[3]
Frattura da concoide a scabra[3]
Colore nero[3]
Lucentezza vetrosa[4]
Opacità opaca, traslucida in schegge sottili[3]
Striscio verde brunastro[3]
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La potassic-pargasite è un minerale, un anfibolo classificato in base alla revisione della nomenclatura del 2012 (IMA 2012) come appartenente al sottogruppo degli anfiboli di calcio[2].

La nuova specie di minerale è stata individuata nell'ambito di un'analisi sistematica con la microsonda elettronica degli anfiboli presenti nella collezione del Canadian Museum of Nature di Ottawa, Canada ed approvata dall'IMA nel 1997 con il nome potassicpargasite[5]. Il nome è stato cambiato in potassic-pargasite in base alle regole dettate dalla revisione della nomenclatura del 2012[6].

Il campione analizzato era classificato come "orneblenda" proveniente da Franklin, New Jersey, Stati Uniti d'America ma ulteriori analisi sulla calcite presente nel campione hanno rilevato che probabilmente proviene da Pargas in Finlandia[7].

Campioni di pargasite ricca di potassio erano già stati segnalati in Antartide, Giappone e Scozia ma per questi non era stato richiesto il riconoscimento come nuova specie mineralogica[5].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome riflette l'abbondanza di potassio nella formula e il luogo di rinvenimento: la città finlandese di Pargas[8].

Caratteristiche ottiche[modifica | modifica wikitesto]

La potassic-pargasite è pleocroica, il colore varia dal verde oliva scuro al verde oliva fino al grigio verde chiaro[3]. Non presenta fluorescenza né agli ultravioletti a lunga corta né lunga[3].

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La potassic-pargasite è stata trovata sotto forma di cristalli euedrali concresciuti in maniera irregolare lunghi fino a 2 cm, allungati e leggermente appiattiti. I cristalli più piccoli tendono ad essere più arrotondati[3].

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La potassic-pargasite è stata scoperta in un campione proveniente probabilmente da un giacimento di skarn o di altre rocce di origine metasomatica associata a calcite[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Potassic-pargasite mineral information and data — mindat.org, mindat.org. URL consultato il 12 giugno 2014.
  2. ^ a b Hawthorne, p. 2036
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Robinson, p. 1537
  4. ^ Robinson, p. 1535
  5. ^ a b Robinson, p. 1536
  6. ^ Hawthorne, p. 2033
  7. ^ Robinson, p. 1536-1537
  8. ^ Robert F. Martin, William H. Blackburn, Encyclopedia of mineral names: first update (PDF), in The Canadian Mineralogist,, vol. 37, 1999, pp. 1045-1078. URL consultato il 13 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia