Eckermannite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eckermannite
Classificazione Strunz (ed. 10[1])9.DE.25[1]
Formula chimicaNaNa2(Mg4Al)Si8O22(OH)2[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinotrimetrico[2]
Sistema cristallinomonoclino[2]
Classe di simmetriaprismatica[2]
Parametri di cellaa=9,8087(7) Å, b=17,845(1) Å, c=5,2905(4) Å, β=103,660(1)°[2]
Gruppo puntuale2/m[2]
Gruppo spazialeC2/m
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

L'eckermannite è un minerale (abbreviazione Eck[3]), un anfibolo appartenente, secondo la nomenclatura degli anfiboli del 2012 (IMA 2012), al sottogruppo degli anfiboli di sodio[4].

Il minerale è stato approvato dall'IMA nel 2014 con un nuovo olotipo proveniente nell'area delle miniere di giada nello stato Kachin, Birmania[2] perché quello descritto nel 1942 si è scoperto che in realtà si tratta di fluoro-leakeite[1].

Il nome è stato attribuito in onore del professor Harry von Eckermann per le sue indagini nell'area di Alnö in Svezia[5].

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Eckermannite mineral information and data — mindat.org, su mindat.org. URL consultato il 17 settembre 2014.
  2. ^ a b c d e f g Oberti, p. 553.
  3. ^ (EN) Donna L. Whitney, Bernard W. Evans, Abbreviations for names of rock-forming minerals (PDF), in American Mineralogist,, vol. 95, 2010, pp. 185-187. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  4. ^ Hawthorne, p. 2037.
  5. ^ Adamson, p. 334.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia