Polluce (satellite)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Polideuce
(Saturno XXXIV)
Polydeuces.jpg
Satellite diSaturno
Scoperta24 ottobre 2004
ScopritoreCassini Imaging Science Team
Parametri orbitali
Semiasse maggiore377 396 km[1]
Periodo orbitale2,736915 giorni[1]
Inclinazione rispetto
all'equat. di Saturno
0,1774 ± 0,0015°[2]
Eccentricità0,0192[2]
Dati fisici
Diametro medio3,5 km[3]
Massa
1 ÷ 5 × 1013 kg
Densità mediasconosciuta
Acceleraz. di gravità in superficiesconosciuta
Periodo di rotazioneRotazione sincrona (presunta)
Inclinazione assialesconosciuta
Albedosconosciuto

Polluce (AFI: /polˈluʧe/[4]), o Polideuce (dal greco Πολυδεύκης), è un satellite naturale di Saturno molto piccolo, co-orbitale con Dione e situato nel punto di Lagrange L5 della sua orbita (mentre un altro satellite, Elena, orbita nel punto L4). Il suo diametro è stato stimato in 3,5 km[3].

Il nome Polideuces è stato approvato dallo IAU Working Group per la nomenclatura planetaria il 21 gennaio 2005. Nella mitologia, Polideuce è il nome greco di Polluce, il fratello gemello di Castore, figlio di Zeus e Leda.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Polluce venne scoperto il 24 ottobre 2004 grazie alle immagini riprese tre giorni prima dalla sonda Cassini e ricevette il nome temporaneo di S/2004 S 5; il satellite venne poi individuato anche nelle immagini riprese dalla sonda Cassini il 9 aprile 2004 dal Cassini Imaging Science Team[5]. Polideuce è anche conosciuto come Saturno XXXIV.

Parametri orbitali[modifica | modifica wikitesto]

Polluce giace nel punto di Lagrange più lontano occupato dai satelliti co-orbitali Lagrangiani del sistema di Saturno. La sua librazione fa muovere questo satellite lontano dal punto L5 fino a 31,4° in direzione opposta a Dione e 26,1° in direzione di questo satellite, con un periodo di 790,931 giorni (per comparazione, il punto L5 segue Dione di 60°)[2]. Anche il raggio orbitale varia di circa ±7660 km rispetto a quello di Dione[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il semiasse maggiore medio e il periodo sono identici a quelli di Dione.
  2. ^ a b c J.N. Spitale et al, The orbits of Saturn's small satellites derived from combined historic and Cassini imaging observations (PDF), in The Astronomical Journal, vol. 132, 2006, p. 692.
  3. ^ a b C. C. Porco et al. (2005), Cassini Imaging Science: Initial Results on Saturn's Rings and Small Satellites. Science 307 (5713): 1226-1236.
  4. ^ Luciano Canepari, Polluce, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  5. ^ a b C.D. Murray et al, S/2004 S 5: A new co-orbital companion for Dione, in Icarus, vol. 179, 2005, p. 222.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare