Pandora (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'asteroide, vedi 55 Pandora.
Pandora
(Saturno XVII)
Pandora PIA07632.jpg
Satellite di Saturno
Scoperta ottobre 1980
Scopritore Stewart A. Collins, Voyager 1
Parametri orbitali
(all'epoca 31 dicembre 2003)
Semiasse maggiore (141 720 ± 10) km
Periodo orbitale 0,628504213 giorni
Inclinazione rispetto
all'equat. di Saturno
0.050 ± 0.004
Eccentricità 0.0042
Dati fisici
Dimensioni 103×80×64 km
Massa
(1,356 ± 0.022) × 1017 kg
Densità media (0,49 ± 0.08) g/cm³
Acceleraz. di gravità in superficie ~0,0034 m/s²
Periodo di rotazione Rotazione sincrona
Inclinazione assiale 0
Temperatura
superficiale
~78 K (media)
Albedo ~0,60

Pandora è un satellite naturale di Saturno. Venne scoperto nel 1980 dalle fotografie riprese dalla sonda Voyager 1 e venne chiamato 1980 S 26.

Pandora ripresa dalla sonda Cassini nel 2005; sullo sfondo sono presenti gli anelli di Saturno

Pandora è una luna pastore dell'Anello F di Saturno ed è maggiormente craterizzata rispetto al vicino satellite Prometeo. Possiede almeno due grandi crateri da impatto di circa 30 km di diametro.

Come per Prometeo, anche i dati di Pandora sulla sua densità molto bassa e il suo relativamente elevato albedo, ipotizzano che sia un corpo celeste ghiacciato e poroso. Tuttavia questi dati non sono sicuri e devono essere confermati.

L'orbita di Pandora appare caotica, a causa della risonanza del moto con Prometeo e presenta modifiche apprezzabili ogni 6,2 anni, quando il periasse di Pandora si allinea con l'apoasse di Prometeo e le lune si avvicinano a meno di 1400 km. Pandora possiede anche una risonanza con il satellite Mimante.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare