Pietro Crisologo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Pietro Crisologo
Saint Peter Chrysologus.jpg
San Pietro Crisologo (anonimo, scuola guercinesca). Imola, museo diocesano.
 

Vescovo e dottore della Chiesa

 
NascitaImola, fine sec. IV
MorteImola, 2 dicembre 450
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleSantuario di Padova
Ricorrenza30 luglio
AttributiBastone pastorale
Pietro I
vescovo della Chiesa cattolica
Pedro crisologo01.jpg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Ravenna
dal 433 al 450
 
Natofine IV secolo, ad Imola
Deceduto2 dicembre 450, a Ravenna
 

Pietro Crisologo (Imola, fine IV secolo – Imola, 2 dicembre 450) è stato vescovo di Ravenna; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica che nel 1729 (regnante papa Benedetto XIII), l'ha proclamato dottore della Chiesa. È festeggiato il 30 luglio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu battezzato ed educato da Cornelio, vescovo di Imola († 446), che poi lo avviò a studi letterari e giuridici a Ravenna e a Bologna. Ordinato diacono sempre da Cornelio, lo affiancò durante il suo episcopato.

Papa Sisto III lo nominò vescovo di Ravenna nel 433, quando la città era capitale dell'Impero romano d'Occidente. Ravenna in questo periodo era già diventata sede metropolitana.

La sua pietà e il suo zelo gli fecero guadagnare l'ammirazione dei fedeli e, grazie alla sua arte oratoria e alla sua eloquenza pastorale, fu soprannominato Crisologo (dal greco, "dalle parole d'oro"). Godette della fiducia di papa Leone I e della protezione dell'imperatrice Galla Placidia. Durante il suo vescovado fu edificata la prima chiesa cristiana a Ravenna (la diocesi aveva avuto sede a Classe fino al 378).

Il teologo monofisita Eutiche tentò, invano, di avere il suo appoggio dopo essere stato condannato dal Sinodo di Costantinopoli del 448.

Morì a Imola il 2 dicembre 450. È sepolto nel Duomo di Imola. Il suo sarcofago si trova nella navata di sinistra della cripta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Felice, vescovo di Ravenna dal 709 al 724, compilò una raccolta delle sue omelie, per un totale di centosettantasei; alcune di esse sono delle interpolazioni. Altre omelie scritte da Pietro sono invece incluse in altre raccolte sotto nomi diversi. In gran parte esse sono commenti brevi e concisi dei testi biblici. Pietro Crisologo spiegò in maniera molto efficace il mistero dell'Incarnazione, le eresie di Ario e di Eutiche, il Credo apostolico. Ha inoltre dedicato una serie di omelie alla Vergine Maria e a san Giovanni Battista.

Dopo l'invenzione della stampa a caratteri mobili, le sue opere furono pubblicate dapprima da Agapito Vicentino (Bologna, 1534) e, successivamente da Domenico Mita (Bologna, 1634) e Sebastiano Paoli (Venezia, 1775). Quest'ultima opera fu ristampata nella Patrologia latina, tomo LII. In seguito Francesco Liverani[1] pubblicò 9 nuove omelie e varie altre prediche da manoscritti trovati nelle biblioteche italiane[2].
Molte omelie furono tradotte in tedesco da Marcellus Held (Kempten, 1874).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia di mons. Francesco Liverani
  2. ^ Spicilegium Liberianum, Firenze, 1863, pp. 125 seg.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti medievali
Fonti contemporanee
  • (EN) St. Peter Chrysologus, in Catholic Encyclopedia, New York, Encyclopedia Press, 1913.
  • Otto Bardenhewer, Patrology, tr. Shanan, pp. 526 seg.
  • Dapper, Der hl. Petrus von Ravenna Chrysologus, Posen, 1871
  • Looshorn, Der hl. Petrus Chrysologus und seine Schriflen in Zeitschrift f. kathol. Theol., III, 1879, pp. 238 seg.
  • Wayman, Zu Petrus Chrysologus in Philologus, LV (1896), pp. 464 seg.
  • San Pietro Crisologo, Sermoni, in due volumi, Città Nuova, Roma 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88069141 · ISNI (EN0000 0001 2096 1528 · LCCN (ENn82239262 · GND (DE118993631 · BNF (FRcb13327855p (data) · BAV ADV10003140 · CERL cnp00945294