Erma (padre della Chiesa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Erma (in greco: Ἑρμᾶς, Hermâs; Aquileia, II secolo d.C. – ...) è stato uno scrittore greco, uno dei padri della Chiesa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Canone muratoriano[1] fu originario di Aquileia e fratello di papa Pio I.

Pastore[modifica | modifica wikitesto]

È l'autore del Pastore, un testo cristiano del II secolo. Si tratta del più lungo scritto del periodo dei cosiddetti "Padri apostolici" conservatosi; riveste un particolare interesse a causa del suo genere letterario apocalittico, per il messaggio di liberazione a proposito della penitenza post battesimale unica e per il ritratto della Chiesa di Roma verso il 150.

L'opera è annoverata fra i testi del Nuovo Testamento della più antica Bibbia conservatasi, il Codex Sinaiticus, ma non dal Canone muratoriano, che lo pone, pur lodandolo, fuori dai testi sacri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pastorem uero nuperrime temporibus nostris in urbe Roma Herma conscripsit, sedente cathedra urbis Romae ecclesiae Pio episcopo fratre ejus (44).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Carlini, ERMA, in Dizionario biografico dei friulani, Udine, Forum editrice universitaria udinese, 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN268473208 · LCCN: (ENn81012032 · ISNI: (EN0000 0003 8334 1769 · GND: (DE118774131 · BNF: (FRcb12050616h (data) · NLA: (EN35230935