Gregorio di Narek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Gregorio di Narek
Narekatsi portret.jpg
Miniatura (XVI secolo).
 

Dottore della Chiesa armena

 
Nascita951
Morte1003
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza27 febbraio
Gregorio di Narek ritratto in un francobollo armeno, da una miniatura seicentesca

Gregorio di Narek (in lingua armena: Գրիգոր Նարեկացի; 9511003) è stato un poeta, monaco cristiano, teologo e filosofo mistico armeno. Considerato santo dalla Chiesa cattolica che lo ricorda il 27 febbraio con il titolo di dottore della Chiesa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gregorio di Narek nacque in una famiglia di scrittori. Suo padre, Khosrov, fu un arcivescovo. Avendo perso sua madre molto presto, fu educato da suo cugino, Anania di Narek, fondatore della scuola e del villaggio. Visse gran parte della sua vita nei monasteri di Narek (nella Grande Armenia, attualmente in Turchia) dove insegnava presso la scuola monastica. Fu uno dei più importanti poeti della storia della letteratura armena.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica lo ricorda il 27 febbraio.

Martirologio Romano:

«Nel monastero di Narek in Armenia, san Gregorio, monaco, dottore degli Armeni, insigne per la dottrina, gli scritti e la scienza mistica.»

Il 21 febbraio 2015 papa Francesco ha confermato la sentenza affermativa della sessione plenaria dei cardinali e vescovi, membri della Congregazione delle cause dei santi, annunciando il prossimo conferimento del titolo di dottore della Chiesa a san Gregorio[1]; la proclamazione a dottore della Chiesa è avvenuta con apposita lettera apostolica di papa Francesco il 12 aprile 2015[2], e annunciata solennemente lo stesso giorno durante la celebrazione nella Basilica di San Pietro in occasione del centenario del genocidio degli armeni. Gregorio è il 36° Dottore della Chiesa proclamato dalla Chiesa cattolica.

Influenze sulla poesia armena[modifica | modifica wikitesto]

Non solo per la sua dottrina, ma anche per la capacità poeta Gregorio di Narek è un modello per la poesia armena di ogni tempo. Nel XX e XI secolo con la riscoperta della mistica nella poesia armena egli è ritornato ad essere un modello e un esempio per molti poeti che lo hanno citato più o meno velatamente nella loro opera. Tra cui coloro che lo hanno preso maggiormente ad esempio ricordiamo il poeta Hrand Nazariantz[3] e la poetessa Anahit Ghazakhetsyan.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ San Gregorio di Narek Dottore della Chiesa Universale, Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 23 febbraio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  2. ^ Lettera Apostolica per la proclamazione di San Gregorio di Narek a Dottore della Chiesa, su w2.vatican.va, 12 aprile 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  3. ^ Hrand Nazariantz, il grande Canto della Cosmica tragedia, ed. la Gioconda, Bari, 1954

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19678304 · ISNI (EN0000 0001 1821 4400 · SBN IT\ICCU\SBLV\109829 · LCCN (ENn81027872 · GND (DE119161435 · BNF (FRcb11905910v (data) · NLA (EN50414932 · BAV ADV12352392 · CERL cnp00404338 · WorldCat Identities (ENn81-027872