Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Giovanni Damasceno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giovanni Damasceno
SanGiovanniDamasceno.jpg

Dottore della Chiesa

Nascita 676 ?
Morte 749
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 4 dicembre
Patrono di Pittori, monchi e farmacisti.

San Giovanni Damasceno (latino Iohannes Damascenus; in arabo: يوحنا ابن ﺳﺮﺟﻮﻥ ‎, Yuḥannā ibn Sarjūn ; Damasco, 676 circa – Mar Saba, 4 dicembre 749) è stato un santo e teologo arabo.

Di famiglia araba di fede cristiana, figlio di Sarjūn ibn Manṣūr e nipote di Manṣūr - il primo della famiglia ad assumere alte responsabilità amministrative sotto il governo omayyade del califfo Mu‘āwiya b. Abī Sufyān e dei suoi due primi successori - è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa. Papa Leone XIII lo ha dichiarato Dottore della Chiesa nel 1890.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In giovane età, per le sue doti intellettuali e grazie alla posizione della sua famiglia, diviene consigliere del Califfo della sua città che, in un'epoca caratterizzata da convivenza e tolleranza religiosa in Palestina, lo nomina responsabile dell'amministrazione (ḥāǧib) a Damasco dove era ritenuto amico dell'Islam poiché in realtà vedeva nel dogma islamico dell'eternità del Corano una forma dell'insegnamento cristiano sul Logos. Caduto in disgrazia presso il suo protettore, viene processato per tradimento e gli viene amputata la mano sinistra. Si allontana dunque da Damasco e si fa monaco a Mar Saba, monastero fra Betlemme e Gerusalemme, dove è fatto presbitero. Predica e scrive moltissimo, guadagnandosi la fama di "San Tommaso d'Oriente" e muore secondo la tradizione nel 749, all'età di 73 anni.

La sua opera principale è il De Fide Orthodoxa dove, da devoto della Madonna, sostiene la verginità della stessa sant'Anna, madre di Maria, ma è ricordato anche il De haeresibus, sulle eresie del Cristianesimo. Impegnato contro l'iconoclastia decretata dall'imperatore di Costantinopoli Leone III nel 726, le sue tesi prevalgono, insieme a quelle di san Germano di Costantinopoli, nel Secondo concilio di Nicea (787, dopo la sua morte).

Nella Dialectica (cap. 43) Giovanni dà una definizione di persona che completa quella di Severino Boezio: "La persona, esprimendo se stessa attraverso le sue operazioni e proprietà, pone di sè una manifestazione che la distingue dalle altre della stessa specie."

Fatto santo e Dottore della Chiesa, è ricordato tradizionalmente il 4 dicembre (con memoria facoltativa), nel Nuovo Calendario del Concilio Vaticano II; per chi segue la forma straordinaria del rito romano (cosiddetta Messa tridentina) la sua ricorrenza è il 27 marzo.

Icona della Vergine Tricherusa

Sull'amputazione della mano nasce una leggenda devozionale molto diffusa: Giovanni avrebbe offerto la mano tagliata ad un'immagine della Madonna, senza chieder nulla. Dall'icona sarebbe uscita una mano della Vergine, che avrebbe riattaccato l'arto offeso. Allora Giovanni fece applicare all'icona una mano votiva d'argento. Col successo delle tesi del Santo, crebbe anche la fama di questa Madonna con tre mani, detta Tricherusa, frequente nell'iconografia ortodossa, di cui si conserva una copia presso il Monastero di Hilandar, nella penisola del Monte Athos, repubblica monastica in territorio greco. Una grande immagine di san Giovanni Damasceno si trova nella chiesa di San Blandano di Bronte, ai piedi dell'Etna, dove è ritratto nella pala destra dell'altare con tre braccia, due protese a venerare la Vergine, una nell'atto di scrivere.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Fons cognitionis, opera composta da tre parti
    • Dialectica
    • De haeresibus
    • De fide ortodoxa
  • De natura composita contra acephalos
  • De fide contra Nestoriano
  • Adversos Nestoriano
  • Dialogus contra Manichaeos

Opere apocrife[modifica | modifica wikitesto]

A San Giovanni Damasceno è attribuita la traduzione in greco di una leggenda ispirata alla vita di Buddha. Circolò nella cristianità come "storia di Barlaam e Josaphat". Gli studiosi moderni sono concordi nel ritenere che si tratti di un testo apocrifo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bonifatius Kotter (a cura di), Die Schriften des Johannes von Damaskos, cinque volumi, Berlino 1969–1988 (edizione critica delle opere).
  • Giovanni Damasceno, Esposizione della fede = De fide orthodoxa, testo, traduzione e commento filosofico a cura di Matteo Andolfo, Bologna, Edizioni Studio Domenicano 2013.
  • Johannes Quasten, Patrologia, Dal Concilio di Calcedonia (451) a Giovanni Damasceno (+ 750): i Padri orientali (volume V), a cura di Angelo Di Berardino, Roma, Marietti, 2000.
  • Giovanni Damasceno, [Opere], Parisiis, [Compagnie de la Grand Navire], 1603.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN545145858074623021988 · LCCN: (ENn80032173 · ISNI: (EN0000 0001 1918 6739 · GND: (DE118557971 · BNF: (FRcb13091499p (data) · NLA: (EN36232000 · CERL: cnp00748431