Pentagramma (geometria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pentagramma
Pentagramma inscritto in un pentagono

Il pentagramma (dal greco pente, "cinque" e gramma, "linea") è un poligono, intrecciato e stellato, una stella a cinque punte, formata da cinque segmenti intersecantisi. Può essere regolare o irregolare.

Un pentagramma regolare può essere formato da un pentagono regolare o estendendo i suoi lati, o disegnando le sue diagonali. La figura risultante contiene varie lunghezze correlate dalla proporzione aurea. Si tratta del più semplice poligono stellato unicursale.

Il pentagramma come simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Fu una forma geometrica molto cara ai pitagorici, forse anche perché le congiunzioni di Venere col Sole disegnano un pentagramma nel cerchio dello zodiaco, detto "pentagramma di Venere"[1].

In forma irregolare è uno dei simboli bahai.

Pentagramma irregolare bahai

In Italia, negli anni di piombo, il pentagramma, che compariva tra la lettera "B" e la lettera "R", bianca su sfondo rosso, o scura su sfondo chiaro, è stato il simbolo delle Brigate Rosse.

Il Marocco e l'Etiopia hanno pentagrammi come loro simboli nazionali.

I pentagrammi erano usati simbolicamente nell'antica Grecia e in Babilonia, e sono usati oggi come simbolo di fede da molti Wiccan, simile all'uso della croce da parte dei cristiani. Il pentagramma ha associazioni magiche. Molte persone che praticano il paganesimo moderno, con tutti i suoi poteri magici e le sue fedi pagane, indossano gioielli che incorporano il simbolo. Una volta i cristiani usavano comunemente il pentagramma per rappresentare le Sante Piaghe.

Il pentagramma è anche usato come simbolo da altri sistemi di credenze ed è associato alla Massoneria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INAF, su archive.oapd.inaf.it. URL consultato il 16 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hrant Arakelian. The History of the Pentagram, Ch. 6 in Mathematics and History of the Golden Section, p. 207-270, Logos 2014, 404 p. ISBN 978-5-98704-663-0 (rus.).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85099616 · GND (DE4173686-2
Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica