Nestore (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nestore
Fiume Nestore.jpeg
La piena del 2014 a Morcella
StatoItalia Italia
RegioniUmbria Umbria
ProvincePerugia Perugia
Terni Terni
ComuniMonteleone d'Orvieto,
Città della Pieve,
Panicale,
Piegaro,
Perugia,
Marsciano.
Lunghezza64 km
Portata mediaa Marsciano: 11 m³/s
Bacino idrografico924 km²
Altitudine sorgente484 m s.l.m.
NasceMonteleone d'Orvieto
AffluentiCaina (fiume), Fersinone, Genna (fiume), Torrente Calvana, Torrente Cestola, Fossatone (fiume), Torrente Rigo,Rento, Fosso Ierna, Fosso delle Lame, Rigalto, Fosso di Sant'Andrea e Santa Margherita.
SfociaFiume Tevere presso Marsciano
42°54′21.1″N 12°22′35.26″E / 42.90586°N 12.37646°E42.90586; 12.37646Coordinate: 42°54′21.1″N 12°22′35.26″E / 42.90586°N 12.37646°E42.90586; 12.37646
La valle del Nestore

Il Nestore è un fiume dell'Umbria. Costituisce per portata il maggiore affluente di destra del Tevere, insieme al Paglia. È il 65º fiume più grande d'Italia, per copiosità di acque. Nasce a Monteleone d'Orvieto, in Provincia di Terni, e, dopo aver attraversato i territori comunali di Città della Pieve, Panicale, Piegaro, Perugia e Marsciano in provincia di Perugia, confluisce nel Tevere poco oltre la stessa Marsciano, dopo un percorso di 64 km.

Regime idraulico[modifica | modifica wikitesto]

Il Nestore ha un carattere prevalentemente torrentizio anche se non soffre di magre totali nei periodi estivi. Il suo bacino idrografico, tra i maggiori dell'Italia centrale, conta l'apporto di numerosi torrenti e fossi sia in destra che in sinistra idrografica. Il massimo della portata questo fiume la raggiunge nei mesi autunnali e invernali, andando in secca in estate. La portata media è di 11 m³/s, nonostante il suo corso si svolge, a linea d'aria, in 45–50 km. La sua lunghezza è dovuta a numerose curve, talvolta così importanti da diventare pericolose per l'alveo del fiume. Il Nestore forma una valle che comprende il suo bacino idrografico (Valle del Nestore).

Affluenti[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli affluenti significativi vi sono:

Fra questi il più importante è il Caina, che ha un bacino idrografico di 222 km². Nasce a quota 350 m s.l.m., scorre a est del lago Trasimeno.

Il torrente Fersinone,secondo maggior tributario,con un bacino idrografico di 207 km² e con una portata media di 1,4 m³/s sviluppa il suo corso nella parte meridionale del bacino del Nestore. Ha origine a circa 750 m s.l.m. e scorre per circa 27 km. Confluisce nel Nestore poco dopo la frazione marscianese di Morcella.

Il torrente Cestola tocca il paese di Mugnano. Ha una lunghezza di circa 12 km.

Il Calvana nasce al Monte Peglia 780 m s.l.m. circa e scorre per 18 km.

Il Rigo si getta a Mercatello nel Nestore dopo un percorso di 6 km. Il carattere è torrentizio.

Il Fossatone nasce a Collelungo (San Venanzo) e giunge nel Nestore nei pressi del quartiere marscianese di Ammeto.

Tra i vari affluenti minori vi sono:

Fosso Rigalto, Fosso delle Lame(di Morcella) Fosso di Sant'Andrea(di Cerqueto), Rio Compignano (o S.Margherita) ecc.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna che si presenta lungo gli argini del fiume è costituita da:

Fauna Ittica[modifica | modifica wikitesto]

La fauna ittica del fiume Nestore comprende le seguenti specie: (in corsivo quelle scomparse o quasi assenti)

Portata[modifica | modifica wikitesto]

Portata Media Mensile[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : Marsciano (2013)
Fonte : Analisi a monte della confluenza con il Tevere

Dati portata Fiume Nestore (Stagione 2013).

Le piene che hanno fatto la storia del Nestore[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1866, anno in cui il Regno d'Italia ha cominciato a censire le piene e gli eventi calamitosi il Nestore ha fatto cinque piene significative:

  • La prima nel 1896, quando morirono affogate 8 persone sorprese nel sonno dalla piena del fiume a Marsciano (Piena paragonata a quella del 2012)
  • La seconda, tra le maggiori, verificata l'8 ottobre del 1937, quando la piena arrivò in collina portando via una casa con la famiglia che vi abitava nei pressi di Compignano; la piena toccò il picco massimo a Marsciano, con 558 m³/s.
  • La terza il 9 luglio 1956, quando, a causa della piena del Fersinone la piena raggiunse Marsciano attraverso il Nestore.
  • La quarta, la più importante di tutti i tempi, verificata nel 12 novembre 2012, quando il fiume toccò la portata massima a Marsciano alle ore 11.50 di mattina alla foce di 1002 m³/s sancendo il record storico di portata massima per un fiume umbro, dopo Tevere, Nera e Paglia.
    • A Morcella è stata distrutta la deviazione edificata nel 1917, poi riedificata regolarmente nel 2015.
    • In tutto il comune di Marsciano sono stati provocati ingenti danni all'agricoltura ed agli argini del fiume.
    • Nel capoluogo le abitazioni ed i negozi hanno visto i propri scantinati essere sommersi. Le strade di raccordo sono state inondate. Per circa sei ore la circolazione è stata bloccata.
    • Poi,nel suo bacino idrografico i torrenti Fersinone, Caina e Genna hanno provocato innumerevoli danni all'agricoltura ed alle vie di comunicazione. Il Fersinone ha distrutto i campi a lui limitrofi, il Genna ha allagato Via Settevalli ed il Caina ha provocato seri danni all'agricoltura nel perugino e nel marscianese.
  • La quinta il 31 gennaio 2014, quando ha rievocato quel novembre 2012 seminando panico nel comune di Marsciano per la paura di ripetere quel triste evento. In questa occasione la portata del fiume toccò il pericoloso valore di 337 metri cubi d'acqua al secondo.

Lo sbarramento di Morcella[modifica | modifica wikitesto]

Il Nestore fino al 12 novembre 2012, giorno della storica piena, ha avuto uno sbarramento del suo corso a Morcella, nel comune di Marsciano. Questo muro fu edificato nel 1917 con lo scopo di deviare il corso del fiume, che formava una palude, e canalizzare il corso d'acqua in un alveo. Ma il 12 novembre 2012, il muro è crollato a causa della potenza del Nestore, che ha lasciato 500 tonnellate di cemento spezzate, e gettate in mezzo ai campi, un cratere profondo sei metri, ed allagamenti in tutta la piana di Morcella. Nei mesi successivi fu edificato un muro provvisorio con dei massi, che il 31 gennaio 2014, giorno in cui si è verificata una nuova piena è stato spazzato via dalla veimenza del fiume.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Umbria Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Umbria