Morcella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Morcella
frazione
Morcella – Veduta
Veduta del Borgo dalla Valnestore.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Umbria-Stemma.svg Umbria
ProvinciaProvincia di Perugia-Stemma.svg Perugia
ComuneMarsciano-Stemma.png Marsciano
Territorio
Coordinate42°56′09.78″N 12°18′25.42″E / 42.93605°N 12.30706°E42.93605; 12.30706 (Morcella)Coordinate: 42°56′09.78″N 12°18′25.42″E / 42.93605°N 12.30706°E42.93605; 12.30706 (Morcella)
Altitudine221 m s.l.m.
Superficie6,70 km²
Abitanti307 (01/06/2021)
Densità45,82 ab./km²
SottodivisioniSanta Croce,San Fortunato in Sigillo,Vocabolo Montefreddo Primo,Vocabolo Poggetto, Vocabolo Lame e Vocabolo Giardino
Frazioni confinantiCompignano, Migliano, Poggio Aquilone, Civitella dei Conti, Cerqueto.
Altre informazioni
LingueItaliano
Cod. postale06055
Prefisso075
Fuso orarioUTC+1
TargaPG
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[1]
Nome abitantimorcellesi

morcellini

Patronosan Silvestro papa
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Morcella
Morcella

Morcella è una frazione del comune di Marsciano (PG).

È popolata da 307 persone. Il paese si trova 5 km a nord-ovest del capoluogo, a 221 m s.l.m., sulle colline circostanti la valle solcata dal fiume Nestore, lungo la strada che porta da Migliano alla strada statale marscianese. L'attività più importante della frazione è l'agricoltura, grazie alle aziende agricole con sede nel territorio periferico del paese.

Porta e campanile di Morcella
La chiesa di San Silvestro
La chiesa della Madonna del Ponte

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La modesta parte del territorio marscianese che occupa Morcella è caratteristica del paesaggio umbro. Il borgo medievale infatti sorge su un rilievo e la dolce valle del Nestore forma una piccola piana sotto alle colline circostanti.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima di Morcella è temperato, con inverni non troppo freddi, la cui temperatura media è 3,9°; e con estati umide e abbastanza calde a causa dell'umidità derivante dal fiume Nestore, la temperatura media del periodo è 28,1°. Le precipitazioni sono scarse in estate e massicce in autunno (850/900 mm).

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vicinanze del borgo scorrono diversi affluenti del Nestore. Oltre al torrente Fersinone sono presenti i seguenti tributari:

  • Fosso di Sant'Andrea, che ha inizio tra Cerqueto e il quartiere Schiavo. Sfocia nel Nestore in Vocabolo Montefreddo.
  • Fosso del Patollo, che nasce al confine tra il territorio di Morcella e quello di Compignano. Scorre per 2 km circa e sfocia nel Nestore ai piedi del borgo.
  • Fosso di San Fortunato che nasce ai piedi del cantinone di San Fortunato in Sigillo e scorre fino a Poggio Aquilone, dove sfocia nel Fersinone.
  • Fosso delle Lame, nasce a quota 229 s. l. m. e sfocia ai piedi dell'abitato di Morcella.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del paese di Morcella è remota e citata già nel 900 a.C. Secondo alcune ipotesi, il nome deriverebbe da quello della dea Murcia. Sono state rinvenute nel periodo del Risorgimento anche delle tombe appartenute a generazioni molto remote. Nel 1027 la chiesa del paese viene citata in un documento di Corrado il Salico, che la conferma possesso del monastero di San Pietro di Perugia. Il castello di Morcella venne donato nel 1328 da Ludovico il Bavaro ai conti di Marsciano, per ringraziarli dell'aiuto offerto durante il conflitto con Arrigo VII. Nel 1310 venne respinto un assalto portato dal perugino Libriotto di Portasole; risulta comunque che il castello ricadesse sotto la giurisdizione del contado perugino di Porta San Pietro, che lo dispensò a più riprese dal pagamento delle tasse, per poterne finanziare la riparazione. Altri assedi avvennero nel 1534, ad opera di Baldassarre della Staffa, e nel 1643, con i fiorentini di Mattia de Medici accampati a San Biagio della Valle: da questo, in particolare, gli abitanti dovettero liberarsi dietro il pagamento di un riscatto. La storia recentissima ci parla della caduta dello sbarramento edificato nel 1917 per modificare il corso del fiume Nestore. L'esondazione del 12 novembre 2012 ha distrutto il muro, ricostruito nel 2015.

Storia del cimitero[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero di Morcella ha una storia molto tormentata. Un tempo, nel 1840 circa (Il borgo faceva parte dello Stato Pontificio), il cimitero si trovava a monte del paese. Venne smantellato intorno al 1880 (il borgo faceva già parte del Regno d'Italia) e spostato ai piedi del paese, appena il Ponte sul Nestore, edificato nel 1946, alla fine del secondo conflitto mondiale. Si suppone che ciò sia avvenuto per ragioni di potere, ma non vi sono certezze a riguardo.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Economia e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno vi si tiene, dal 1985, durante la settimana che precede Ferragosto, la sagra denominata Mezz'agosto a Morcella.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello, costruito in laterizi, di cui sono ancora visibili le mura e le strutture, inglobate nelle più recenti costruzioni del centro storico del paese.
  • "Teatrino", in piazza San Silvestro.
  • Chiesa parrocchiale di San Silvestro (XI secolo), nel centro storico: contiene un quadro del 1780 di Cristoforo Gasperi (Magione 1716 - Perugia 1804), un organo del XVIII secolo, e un confessionale intagliato del 1790.
  • Mulino della Morcella (XV secolo), di pianta rettangolare, che si trova sulla pianura ai piedi del paese, lungo il corso del Nestore ed è dotato di una torre. Tra i mulini presenti nel territorio marscianese è quello meglio conservato.
  • Chiesa della Madonna del Ponte (1914), costruita sui resti di un precedente edificio seicentesco, in prossimità dell'attraversamento del Nestore; detta anche Chiesa della Madonna Massolare.
  • Chiesa di Santa Croce (XII secolo), lungo la strada per Migliano;
  • Chiusa sul Nestore (1917), alla sinistra del borgo, percorrendo una strada comunale, che la piena del 2012 ha distrutto, ricostruita nel 2015.
  • Villa di San Fortunato in Sigillo (1706), con un "cantinone" storico e la vecchia fornace ottocentesca.
  • Ponte della Morcella (1946), edificato per permettere la traversata del fiume Nestore, appena finito il 2° conflitto mondiale. Nel 2011, siccome il ponte è a senso unico, è stato installato un semaforo, a causa dei numerosi incidenti registrati gli ultimi anni. Il semaforo in questione è ad oggi l'unico presente nel comune di Marsciano. Nella notte tra il 30 e 31 dicembre 2020 il semaforo è stato distrutto da un ordigno artificiale[3].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

- Campo di calcetto.

- Campo da calcio a 9.

Ogni anno viene organizzata la corsa ciclistica "Mediofondo Valle del Fersinone".

Associazioni sportive[modifica | modifica wikitesto]

  • A.R.CU.S. Morcella, Associazione Ricreativa CUlturale Sportiva (calcio)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 01 gennaio 2021.
  3. ^ Botti a Marsciano (Morcella, Schiavo e Centro Storico).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Cavallucci, Marsciano, Milano, Electa, 1984 (pag. 105-106).
  • Pietro Caruso, Marsciano, le sue frazioni, la sua gente ieri, oggi e domani, La Vera Umbria, 1997 (pag. 92-95).
  • Gaetana Luchetti, Dal Verde al Giallo, Crace, 2013 (Enzo Alessandri, pag. 111-114).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]