Mortal Kombat II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mortal Kombat II
videogioco
Mkii.jpg
Liu Kang sta sconfiggendo Kung Lao in un incontro
PiattaformaArcade, Super Nintendo, Game Boy, Sega Saturn, Sega 32X, Sega Mega Drive, Sega Game Gear, Sega Master System, PlayStation, MS-DOS, Amiga
Data di pubblicazione1993 (arcade)
GenerePicchiaduro a incontri
OrigineStati Uniti
SviluppoMidway
PubblicazioneMidway, Acclaim Entertainment (conversioni)
Modalità di giocoSingolo giocatore, multigiocatore (2)
Periferiche di inputjoystick 8 vie, 5 pulsanti (HP, LP, BLOCK, HK, LK)
Distribuzione digitalePlayStation Network
Preceduto daMortal Kombat
Seguito daMortal Kombat 3

Mortal Kombat II è un videogioco arcade della categoria picchiaduro a incontri prodotto da Midway Games nel 1993. È il seguito pluriacclamato del famoso Mortal Kombat, che un anno prima aveva raggiunto picchi di violenza grafica mai sfiorati prima da altri videogiochi. Questo sequel mantiene ed esalta ancor più le "clamorose" caratteristiche del primo titolo, consacrando così il marchio Mortal Kombat come un autentico fenomeno di massa a livello mondiale. MK II venne convertito per numerose piattaforme domestiche, edito principalmente dalla Acclaim Entertainment, ed è stato più volte definito dalla critica uno dei più influenti picchiaduro di sempre.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitto da Liu Kang al termine del primo torneo, Shang Tsung torna dal suo imperatore Shao Kahn chiedendo di risparmiargli la vita. Lo convince anzi a tenere un nuovo Mortal Kombat, ma questa volta nell'Outworld obbligando così i guerrieri della Terra a seguirlo nel suo mondo, in cui ha il vantaggio di conoscere il territorio e poter escogitare delle trappole mortali per i terrestri. Shao Kahn rigenera lo stregone donandogli la giovinezza e invita Raiden ad accompagnare al torneo i nuovi guerrieri prescelti. Liu Kang, alla fine, vince il torneo sconfiggendo l'imperatore Kahn e salvando ancora una volta la Terra dalla minaccia di Outworld.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Le novità rispetto al primo Mortal Kombat:

  • Il nuovo gameplay è in generale più rapido e scattante, e si ha un feedback più immediato quando si eseguono i comandi di mosse semplici o speciali. Ciò fa di MK2 uno dei più veloci e dinamici giochi di lotta della sua epoca. È noto che Mortal Kombat 1 traeva invece il proprio fascino dalla prerogativa (intenzionale o no) di far agire i combattenti a ritmi più moderati, o, se vogliamo, "umani", con meno frenesia ma maggior senso del calcolo e della premeditazione. In sintesi, i due classici MK1 e MK2 risultano entrambi efficaci ed amatissimi dai fans, ciascuno con la propria diversa giocabilità. Il seguente MK3 segnerà un ulteriore incremento nel ritmo di gioco, azzerando totalmente i tempi di studio/riflessione in favore della rapidità totale [esempio: introdurrà il tasto "corsa"].
  • Viene qui introdotta una nuova mossa semplice, comune a tutti i combattenti, detta "roundhouse kick", un calcio "a rotazione" che spazza via l'avversario (indietro + calcio alto) come un uppercut/montante. In generale, è stata sviluppata una maggiore differenziazione tra colpi alti, colpi bassi (è ora possibile un "crouch punch", un pugno sferrato da accovacciati) e colpi aerei; sono infatti possibili molti più attacchi aerei (in volo) e mosse speciali effettuabili in aria. I combattimenti assumono quindi dinamiche più complesse ed articolate, "a tutto schermo".
  • La risoluzione della grafica è aumentata rispetto al precedente capitolo e inoltre la trama si fa sempre più complessa. La definizione degli effetti sonori e dei brani della soundtrack è notevolmente incrementata, con un campionario molto più vasto di voci/grida di combattimento ed un repertorio musicale rinnovato che accompagna gli incontri in modo molto più avvolgente e profondo rispetto alla semplicità dei sottofondi di MK1.
  • L'ambientazione generale del gioco è il regno di Outworld, governato da Shao Kahn. Gli eventi si spostano dunque dalla Terra (la solitaria isola di Shang Tsung ospitava MK 1) ad un'altra realtà, dominata da scenari surreali ed evocativi.
  • Benché non più tenuto sulla Terra, il secondo torneo mantiene le caratteristiche "orientali" e tribali che dominavano MK 1. Sono presenti figure come monaci, ninja e guerrieri appartenenti a qualche "ordine" o codice. Le musiche di accompagnamento sfruttano ancora motivi orientali, ricchi di gong e droni/tappeti sonori che evocano culture orientali.
  • La vera novità è data da alcuni elementi ultraterreni e favolistici (relativi all'Outworld), come oggetti volanti o presenze eteree fluttuanti nell'aria, che inquadrano il gioco in un contesto ben più "fantasy" rispetto a MK 1.
  • I guerrieri hanno più di una Fatality ciascuno e sono state introdotte in maggior numero le Stage Fatality in cui lo scenario aiuta ad uccidere il perdente in modo spettacolare.
  • In questo episodio sono state introdotte le Babality (l'avversario si trasforma in neonato) e le Friendship (il vincitore, anziché infierire sul perdente, regala un atto di amicizia nei confronti dell'avversario, esibendosi in una scenetta dal tono comico). Inoltre, nella versione Mega Drive, tramite un codice, Raiden può utilizzare la Fergality (l'avversario diventa un omino sorridente, caricatura di Fergus McGovern, che curò il porting del gioco per tale console).
  • Non ci sono più le prove di forza ("Test Your Might") e l'Endurance durante il torneo come nel precedente episodio. Il nuovo Battle Plan (piano di combattimento) prevede di affrontare tutti i 12 combattenti standard presenti nel menu di selezione, l'ultimo dei quali (il 12°) è sempre Shang Tsung. (Prima di S.Tsung è possibile affrontare Jade, indicata da una casella con punto interrogativo). Dopo S.Tsung, si affrontano i due boss finali: Kintaro e Shao Kahn.
  • Reptile e Shang Tsung sono stati aggiunti come personaggi giocabili e con mosse speciali proprie. (Lo stregone S.Tsung, che in MK 1 era un anziano demone dai lunghi capelli grigi, ha ora assunto le sembianze di un giovane guerriero). Sono inoltre stati aggiunti Kitana, Mileena, Jax, Baraka, Kung Lao. Sono invece stati rimossi Sonya Blade e Kano perché prigionieri di Shao Kahn. I personaggi segreti sono Jade, Smoke e Noob Saibot.
  • Oltre che per le eccellenti novità nel gameplay e sul piano grafico/sonoro, MK2 è diventato famoso anche per essere considerato uno dei più difficili Mortal Kombat mai realizzati (se non il più difficile in assoluto) nell'ambito del Giocatore Singolo (contro la CPU), specialmente nella classica versione Arcade, ovvero quella presente nelle sale giochi. L'intelligenza artificiale guidata dalla CPU, infatti, non lascia minimamente spazio a errori o a lievi esitazioni del giocatore, che viene contrastato alla perfezione nel 99% delle mosse che egli esegue, semplici o speciali che siano. È ipotizzabile che i programmatori della Midway tennero conto del fatto che nelle sale giochi [si parla della metà degli anni '90] gli utenti non dovevano soffermarsi più di qualche minuto su un singolo gioco, e, per dare ricambio continuo agli utenti (ed anche per indurre gli stessi ad inserire più monete possibili nella macchina), svilupparono una CPU eccezionalmente robotica, di impietosa difficoltà. Dopo i primi 1 o 2 avversari che appaiono piuttosto abbordabili, il giocatore noterà un drastico incremento di difficoltà che renderà pressoché impossibile al principiante proseguire la (lunga) scalata verso Kintaro e Shao Kahn, a meno che non si ricorra a tattiche "astute", mirate a sfruttare i pochissimi punti deboli dello stile robotico dei guerrieri mossi dalla CPU.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nuovi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Baraka - Guerriero della specie tarkatan, una razza nomade dell'Outworld assoldato da Shao Kahn
  • Jax - compagno di squadra di Sonya Blade in cerca della compagna scomparsa.
  • Kitana - assassina personale di Shao Kahn, in realtà principessa di Edenia figlia di Sindel ed alleata dei terrestri.
  • Mileena - altra assassina personale di Shao Kahn, sorella gemella di Kitana, in realtà un grottesco clone di Kitana creato da Shang Tsung, ibrido tra la principessa e un tarkatan, con lo scopo di osservarla.
  • Kung Lao - monaco Shaolin e discendente del Grande Kung Lao.
  • Sub Zero II - Ninja del clan Lin-Kuei, fratello minore del Sub-Zero del primo Mortal Kombat assassinato da Scorpion.
  • Kintaro - boss di fine livello, di razza Shokan come Goro.
  • Shao Kahn - imperatore illegittimo dell'Outworld, padre adottivo di Kitana e padrone di Mileena. È il boss conclusivo del gioco.
  • Skarlet - errore grafico giocabile tramite Kitana (è una semplice ricolorazione rossa della suddetta ninja, che è solitamente blu). Skarlet non è tuttavia considerabile un personaggio realmente presente nel torneo, né un personaggio 'segreto'. Si tratta di un "glitch" (imperfezione tecnica).

Vecchi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Johnny Cage - Attore di Hollywood esperto di arti marziali, ha partecipato al primo torneo per dimostrare le sue abilità.
  • Liu Kang - Campione del Mortal Kombat e monaco shaolin. Discendente del grande Kung Lao, ex campione, ucciso da Goro nel primo torneo
  • Scorpion - Anima reincarnata in cerca di vendetta per la sua prematura morte per mano di Sub-Zero.
  • Raiden - dio del tuono e del fulmine, protettore del regno della terra.
  • Shang Tsung - Capo Stregone di Shao Kahn, nemico principale di Liu Kang e boss finale del precedente capitolo, qui ringiovanito da Shao Khan.
  • Reptile - guardia del corpo di Shang Tsung, personaggio segreto del primo capitolo.

Personaggi segreti[modifica | modifica wikitesto]

Come per il primo Mortal Kombat, i personaggi segreti sono dei ninja (due maschi e una femmina) che risultano essere una semplice ricolorazione di altri ninja presenti nel normale schermo di selezione. Sia Smoke (un ninja grigio) che Noob Saibot (un ninja nero) derivano infatti dal modello grafico di Scorpion (di cui assumono anche le stesse azioni d'attacco), mentre dal modello di Kitana ne deriva Jade, una guerriera dalla divisa verde. Inoltre, come accadeva nel primo titolo per Reptile, i tre personaggi segreti di questo secondo capitolo della saga utilizzano le stesse mosse speciali dei personaggi selezionabili da cui essi derivano. I personaggi segreti risultano inoltre essere più veloci e resistenti degli altri, quindi più difficili da sconfiggere; questi combattenti si possono affrontare a patto di aver compiuto delle azioni particolari.

  • Smoke - alleato del Lin Kuei e di Sub-Zero. Si può affrontare premendo tasto Giù + START nella stage The Portal quando Dan Forden dice "Toasty!". Smoke usa le mosse di Scorpion (ad esempio il celebre arpione).
  • Jade - amica ed alleata di Kitana. Si può affrontare sconfiggendo l'avversario prima del punto di domanda nel Battle Plan con soli calci bassi o attacchi che utilizzino questo colpo. Jade usa le mosse di Kitana (ad esempio il lancio del ventaglio).
  • Noob Saibot - Personaggio misterioso, si verrà a scoprire, in seguito, che si tratta del Sub-Zero originale, morto per mano di Scorpion durante il precedente torneo. Lo si può affrontare solo vincendo 50 partite consecutive nella modalità Versus (2 giocatori). Noob Saibot usa le mosse di Scorpion. Il nome "Noob Saibot" deriva dai cognomi dei due principali creatori del gioco (Ed Boon e John Tobias), scritti al contrario.
  • Tutti e tre questi guerrieri segreti portano il giocatore (nella versione Arcade di MK2) a combattere nella Tana di Goro (Goro's Lair), un tetro scenario reso celebre da MK1. Nelle versioni per console, invece, viene utilizzato lo scenario Blue Portal.

Arene[modifica | modifica wikitesto]

  • The Pit II (la stage fatality è la stessa di The Pit del primo episodio, con la differenza che vi è una diversa inquadratura della caduta e il terreno sottostante è privo di spuntoni)
  • The Dead Pool (la stage fatality si presenta quando il vincitore colpisce lo sconfitto con un uppercut e lo fa finire nell'acido)
  • Living Forest
  • Kahn's Arena. È possibile vedere Kano e Sonya Blade incatenati nell'arena di Shao Kahn. È in quest'arena che si combattono i due incontri con i boss finali, Kintaro e Kahn.
  • The Tower
  • Wasteland
  • The Armory
  • Goro's Lair (accessibile solo quando si lotta contro un personaggio segreto, nella versione di Mortal Kombat II Giapponese, invece si può scegliere come luogo in cui combattere)
  • Kombat Tomb (la stage fatality si presenta quando il vincitore colpisce lo sconfitto con un uppercut e lo fa finire contro gli spuntoni sopra. Normalmente l'avversario rimane incastrato sugli spuntoni e sanguina, mentre con un cheat è possibile che vi rimanga per qualche secondo, per poi ricadere a terra)
  • Blue Portal (accessibile al posto della Tana di Goro solo in Sega Mega Drive e Genesis quando si lotta contro un personaggio segreto)
  • The Portal

Fatality[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco ogni personaggio possiede più di una Fatality. Di seguito ne verranno descritte alcune.

  • Liu Kang: si trasforma in un drago e divora la parte superiore dell'avversario. In MK3 questa diventa un'Animality.
  • Kung Lao: lancia il suo cappello verso la testa dell'avversario, decapitandolo.
  • Johnny Cage: stacca il busto dell'avversario con le sole mani.
  • Reptile: si toglie la maschera rivelando la sua vera faccia Zatterian e mangia la testa dell'avversario.
  • Sub-Zero: congela l'avversario, dopodiché lo colpisce con un montante distruggendogli la parte superiore.
  • Shang Tsung: si trasforma in Kintaro e con un pugno distrugge il busto dell'avversario.
  • Kitana: taglia la testa dell'avversario con il suo Tessen.
  • Jax: strappa le braccia dell'avversario lasciandolo morire dissanguato.
  • Mileena: si toglie la maschera, risucchia l'avversario e poi ne risputa le ossa.
  • Scorpion: si toglie la maschera rivelando un teschio e sputa fuoco verso l'avversario (la Fatality è rimasta immutata rispetto al titolo precedente).
  • Raiden: con un potente montante, riduce l'avversario in brandelli.
  • Baraka: infilza l'avversario al ventre con le sue lame taglienti, lo solleva in alto e lo osserva mentre le lame lo trafiggono interamente.

Non è possibile essere uccisi o uccidere i personaggi segreti tramite Fatality. Nemmeno i due boss finali, Kintaro e Shao Kahn, possono subire o effettuare Fatality (né altre mosse finali)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb16975044t (data)
PlayStation Portale PlayStation: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di PlayStation