Mortal Kombat: Deadly Alliance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortal Kombat: Deadly Alliance
Mkda.jpg
Shang Tsung e Quan Chi sanciscono l'Alleanza Mortale
Sviluppo Midway
Pubblicazione Midway
Data di pubblicazione 20 novembre, 2002
Genere Picchiaduro a incontri
Modalità di gioco Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma PlayStation 2, Nintendo GameCube, Xbox, Game Boy Advance

Mortal Kombat: Deadly Alliance è un videogioco della categoria picchiaduro prodotto da Midway Games nel 2002.

È il primo capitolo completamente in tre dimensioni (MK4 aveva grafica 3D, ma nel gameplay si poteva usare la terza dimensione solo per evasioni laterali) e sviluppato esclusivamente per console. La grafica realistica dei precedenti episodi viene totalmente rielaborata, mentre viene mantenuto lo stesso livello di violenza grafica.

Nuovi personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Bo' Rai Cho - maestro di Liu Kang e Kung Lao, originario dell'Outworld.
  • Drahmin - uno dei due Oni (demone) che sono al servizio dell'Alleanza Mortale.
  • Frost - allieva di Sub-Zero.
  • Hsu Hao - braccio destro di Mavado.
  • Kenshi - un guerriero cieco che cerca vendetta.
  • Li Mei - partecipa al torneo nel tentativo di liberare il suo paese.
  • Mavado - leader del clan del Dragone Rosso, rivale del Dragone Nero (che ha come leader il nemico Kabal).
  • Moloch - uno dei due Oni (demone) al servizio dell'Alleanza Mortale. Boss di fine livello.
  • Nitara - una vampira dell'Outworld che cerca la libertà del suo popolo.
  • Blaze - un guerriero elementale a guardia dell'uovo del drago.
  • Mokap - controfigura di Johnny Cage, vestito come sul set per motion capture.

Vecchi personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Cyrax - Cyber ninja appartenente al clan dei Lin-Kuei, ora membro delle Forze speciali U.S.A. insieme a Jax Briggs e Sonya Blade.
  • Jax Briggs - Compagno di squadra di Sonya Blade. Fa parte delle Forze Speciali U.S.A.
  • Johnny Cage - Star del cinema d'azione hollywoodiano.
  • Kano - Membro della società del Dragone Nero (nemico giurato di Sonya).
  • Kitana - Principessa di Edenia.
  • Kung Lao - Monaco Shaolin e amico di Liu Kang. Vuole vendicare la morte del suo compagno.
  • Quan Chi - Ex-arcistregone di Shinnok, adesso si è alleato con Shang Tsung creando l'Alleanza Mortale.
  • Raiden - Dio del Tuono.
  • Reptile - Rettile umanoide, ha servito in passato dei, stregoni o imperatori oscuri e adesso è alla ricerca dei resti del suo popolo.
  • Scorpion - Ninja morto e risorto, adesso cerca vendetta per la morte del suo clan causata da Quan Chi.
  • Shang Tsung - Ex-stregone di Shao Kahn, ha stretto l'Alleanza Mortale con Quan Chi.
  • Sonya Blade - Tenente della Squadra delle Forze Speciali U.S.A. Compagna di squadra di Jax e Cyrax.
  • Sub-Zero - Gran Maestro del nuovo clan dei Lin-Kuei, votato al bene.

In questo episodio Reptile si è involuto ancora ed ora ha le sembianze di una specie di iguana su due zampe.

Novità dell'episodio[modifica | modifica sorgente]

  • I modelli tridimensionali hanno subito grosse variazioni di design rispetto agli episodi precedenti e naturalmente, grazie alle nuove console di sesta generazione sono fatti da molti più poligoni.
  • Attraverso la pressione di un tasto è possibile cambiare stile di combattimento. Esistono 3 stili uno dei quali prevede l'utilizzo di un'arma. Ogni stile ha le sue mosse e le sue combo, anche se come apporto alla giocabilità è piuttosto limitato.
  • Mortal Kombat: Deadly Alliance ha introdotto il Konquest Mode, una modalità in cui controlliamo un personaggio in un ambiente tridimensionale e impariamo i suoi stili di combattimento guadagnando nel frattempio i Koins, monete da spendere nella Kripta.
  • Introdotta la Kripta, luogo in cui spendere i Koins guadagnati acquistando filmati, disegni e altri inserti speciali.
  • In questo episodio sono state reintrodotte le prove di forza del primo Mortal Kombat.
  • Per la prima volta non è presente Liu Kang come personaggio giocabile.

La trama[modifica | modifica sorgente]

Inseguito da Scorpion, Quan Chi fugge dal Netherrealm e trova una tomba antica contenente l'armata mummificata del Dragon King, il primo imperatore dell'Outworld (il logo di Mortal Kombat deriverebbe da questa entità). Propone quindi a Shang Tsung di allearsi chiedendogli di fornirgli le anime necessarie a far risvegliare l'armata e conquistare i reami.

Unendo le forze riescono ad uccidere Shao Kahn e Liu Kang, gli unici ostacoli ancora in vita ai loro piani di conquista. Raiden, di fronte a questa nuova minaccia, rinuncia al suo titolo di dio Anziano e riunisce i guerrieri della Terra per portarli ad affrontare e sconfiggere l'Alleanza Mortale prima che essi risveglino l'antica armata.

Versioni alternative[modifica | modifica sorgente]

Esistono due versioni del gioco per Game Boy Advance:

  • Nella prima, che porta lo stesso nome della versione per console, vi sono alcuni personaggi in meno, la kripta ha meno casse ed una sola valuta per le koins ed i personaggi non hanno armi in combattimento. Rimangono comunque le fatality, i due stili di combattimento e le mosse speciali. La grafica è notevolmente peggiorata.
  • La seconda è Mortal Kombat: Tournament Edition sostanzialmente simile al predecessore, ma con qualche personaggio diverso ed in più la valuta rubino. I combattimenti sono sostanzialmente simili al predecessore, tuttavia i personaggi ora hanno due fatality e sono presenti tre personaggi (Noob Saibot, Sareena e Sektor) assenti anche nella versione per console.

Nelle 2 versioni per Game Boy Advance i personaggi non hanno le armi, ma nel gioco esistono delle mosse dove i personaggi colpiscono con le armi.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

Le immagini del gioco sono state usate nel video musicale della canzone immortal del gruppo Adema.

Giochi correlati[modifica | modifica sorgente]