Mortal Kombat: Deadly Alliance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mortal Kombat: Deadly Alliance
videogioco
Mkda.jpg
Shang Tsung e Quan Chi sanciscono l'Alleanza Mortale
PiattaformaPlayStation 2, Nintendo GameCube, Xbox, Game Boy Advance
Data di pubblicazione20 novembre 2002
GenerePicchiaduro a incontri
OrigineStati Uniti
SviluppoMidway
PubblicazioneMidway
Modalità di giocoSingolo giocatore, multiplayer
Preceduto daMortal Kombat Gold
Seguito daMortal Kombat Deception

Mortal Kombat: Deadly Alliance è un videogioco della categoria picchiaduro prodotto da Midway Games nel 2002.

È il primo capitolo completamente in tre dimensioni (MK4 aveva grafica 3D, ma nel gameplay si poteva usare la terza dimensione solo per evasioni laterali) e sviluppato esclusivamente per console. La grafica realistica dei precedenti episodi viene totalmente rielaborata, mentre viene mantenuto lo stesso livello di violenza grafica. Il gameplay viene rinnovato profondamente e la trama si infittisce.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sconfitta di Shinnok, Scorpion scopre che l'assassino della sua famiglia e del suo clan è Quan Chi e non Sub-Zero. Lo stregone così, inseguito da Scorpion in cerca di vendetta, fugge dal Netherealm attraverso un portale e trova una tomba antica contenente l'armata mummificata del Dragon King, il primo imperatore dell'Outworld. Propone quindi a Shang Tsung di allearsi chiedendogli di fornirgli le anime necessarie a far risvegliare l'armata e conquistare i reami.

Unendo le forze riescono ad uccidere Shao Kahn e Liu Kang, gli unici ostacoli ancora in vita ai loro piani di conquista. Raiden, di fronte a questa nuova minaccia, rinuncia al suo titolo di dio Anziano e riunisce i guerrieri della Terra per portarli ad affrontare e sconfiggere l'Alleanza Mortale prima che essi risveglino l'antica armata.

Novità dell'episodio[modifica | modifica wikitesto]

  • I modelli tridimensionali hanno subito grosse variazioni di design rispetto agli episodi precedenti e naturalmente, grazie alle nuove console di sesta generazione sono fatti da molti più poligoni e sono molto più realistici.
  • Attraverso la pressione di un tasto è possibile cambiare stile di combattimento. Ogni personaggio possiede 3 stili, di cui uno prevede l'utilizzo di un'arma. Ogni stile ha le sue mosse e le sue combo, anche se come apporto alla giocabilità è piuttosto limitato.
  • Mortal Kombat: Deadly Alliance ha introdotto il Konquest Mode, una modalità in cui controlliamo un personaggio in un ambiente tridimensionale e impariamo i suoi stili di combattimento guadagnando nel frattempo i Koins, monete da spendere nella Kripta.
  • Introdotta la Kripta, un luogo in cui è possibile spendere i Koins guadagnati acquistando personaggi, costumi alternativi, concept art, filmati e altri inserti speciali.
  • In questo episodio sono state reintrodotte le prove di forza del primo Mortal Kombat.
  • Per la prima volta non è presente Liu Kang come personaggio giocabile.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nuovi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Bo' Rai Cho - maestro di Liu Kang e Kung Lao, originario dell'Outworld. Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Drahmin - uno dei due Oni (demone) al servizio dell'Alleanza Mortale. Sbloccabile.
  • Frost - allieva di Sub-Zero. Sbloccabile.
  • Hsu Hao - braccio destro di Mavado. Sbloccabile.
  • Kenshi - un guerriero cieco che cerca vendetta contro Shang Tsung. Giocabile nella versione GBA ma assente nella Tournament Edition.
  • Li Mei - partecipa al torneo nel tentativo di liberare il suo paese. Giocabile nella versione GBA ma assente nella Tournament Edition.
  • Mavado - leader del clan del Dragone Rosso, rivale del Dragone Nero (che ha come leader il nemico Kabal). Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Moloch - uno dei due Oni (demone) al servizio dell'Alleanza Mortale. Sub-boss, non giocabile se non tramite un'alterazione del gioco.
  • Nitara - una vampira dell'Outworld che cerca la libertà del suo popolo. Sbloccabile. Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Blaze - un guerriero elementale a guardia dell'uovo del drago. Personaggio segreto.
  • Mokap - controfigura di Johnny Cage, vestito come sul set per motion capture. Personaggio segreto.

Vecchi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Cyrax - Cyber ninja appartenente al clan dei Lin-Kuei, ora membro delle Forze speciali U.S.A. insieme a Jax Briggs e Sonya Blade. Sbloccabile. Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Jax Briggs - Compagno di squadra di Sonya Blade. Fa parte delle Forze Speciali U.S.A. Sbloccabile.
  • Johnny Cage - Star del cinema d'azione hollywoodiano. Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Kano - Membro del clan del Dragone Nero (nemico giurato di Sonya). Sbloccabile nella versione GBA ma assente nella Tournament Edition.
  • Kitana - Principessa del regno di Edenia. Sbloccabile. Sbloccabile nella versione GBA ma assente nella Tournament Edition.
  • Kung Lao - Monaco Shaolin e amico di Liu Kang, vuole vendicare la morte del suo compagno.
  • Quan Chi - Ex-arcistregone di Shinnok, adesso si è alleato con Shang Tsung creando l'Alleanza Mortale. Sbloccabile nella versione GBA e giocabile nella Tournament Edition.
  • Raiden - Dio del Tuono, protettore del regno della Terra. Sbloccabile. Assente nella versione GBA ma giocabile nella Tournament Edition.
  • Reptile - Rettile umanoide adesso involuto, ha servito in passato dei, stregoni o imperatori oscuri e adesso è alla ricerca dei resti del suo popolo. Sbloccabile.
  • Scorpion - Ninja morto e risorto, adesso cerca vendetta per la morte del suo clan causata da Quan Chi. Unico personaggio presente in tutte le versioni del gioco.
  • Shang Tsung - Ex-stregone di Shao Kahn, ha stretto l'Alleanza Mortale con Quan Chi. Sbloccabile nella versione GBA e giocabile nella Tournament Edition.
  • Sonya Blade - Tenente della Squadra delle Forze Speciali U.S.A. Compagna di squadra di Jax e Cyrax.
  • Sub-Zero - Gran Maestro del nuovo clan dei Lin-Kuei, adesso votato al bene. Sbloccabile nella versione GBA ma assente nella Tournament Edition.

Epiloghi[modifica | modifica wikitesto]

Tutti gli epiloghi sono narrati da Raiden, tranne quello di Mokap, che non viene narrato.

  • Dopo un periodo di schiavitù imposta da Shang Tsung, che lo ha imposto a fare da guarda ad una camera d'incubazione, Blaze viene finalmente reso libero con la schiusa dell'uovo. Blaze inizia subito a continuare il lavoro che gli era stato incaricato prima di essere stato catturato.
  • Con la vittoria contro l'Alleanza Mortale, Bo' Rai Cho, malgrado gli anni passati ad addestrare il suo ultimo studente, si dimostra utile, e, al fianco di Kung Lao, libera il Regno Esterno. Dopo ciò, Kung Lao invita il suo maestro a tornare sulla Terra, come maestro all'Accademia Wu Shi. In merito al successo dell'apprendista, che gli dona nuova confidenza nelle sue abilità e, per la prima volta nella sua vita, un vero e proprio scopo nella vita, Bo' Rai Cho accetta, conscio di poter contare sulla difesa dei guerrieri della Terra, oltre che al fatto che il vino di riso della Terra supera di gran lunga il liquore del Regno Esterno.
  • Non appena Cyrax entra nella lava della camera d'incubazione dove si trova la Sfera che Nitara lo ha incaricato di recuperare, i circuiti di Cyrax bruciano quasi subito, ma il cyborg riesce ad emergere con la Sfera. Nitara, grato per il suo aiuto, evoca un portale che rispedisce il cyborg sulla Terra.
  • Mandati dallo stregone Shang Tsung, Drahmin e Moloch affrontano Quan Chi, furiosi in quanto quest'ultimo aveva provato ad abbandonare i due oni sul Regno Occulto. Nel corso della battaglia, Drahmin si getta addosso a Quan Chi, ed entrambi cadono nella Camera del Santuario Interiore. Qualche momento dopo, Drahmin emerge dalla camera, anche se non è dato sapere come è stato alterato.
  • Mentre ritornano al portale che li riporterà sulla Terra, Sub-Zero rivela a Frost che questa è stata parte integrante nella distruzione dell'Alleanza Mortale, e di essere fiero di averla come membro del clan Lin Kuei. Ma Sub-Zero è ignaro che il vero motivo di Frost per entrare nel Lin Kuei è diventare Gran Maestro. Pertanto, Frost immobilizza temporaneamente il maestro e gli strappa di mano il Medaglione del Drago. Non riesce però a controllare l'immenso potere del medaglione, in quanto non possiede la forza e la disciplina richieste per farlo.
  • Hsu Hao fa rapporto al suo superiore Mavado informandolo del suo successo nel distruggere l'Agenzia Investigativa del Regno Esterno delle Forze Speciali. Mavado, contento del successo del suo sottoposto, lo incarica di eliminare Shang Tsung prima che i due Oni, Drahmin e Moloch, elimini Quan Chi, alleato del Dragone Rosso, in quanto Shang Tsung aveva assunto appunto i due Oni sospettando un tradimento di Quan Chi.
  • Per vendicarsi di Hsu Hao, che si era infiltrato nell'Agenzia Investigativa del Regno Esterno delle Forze Speciali e l'aveva distrutto con un'arma nucleare miniaturizzata, Jax lo acciuffa e gli strappa il reattore dal petto, lasciandolo agonizzante.
  • Deluso dal modo in cui è stato ritratto nel passato, Johnny Cage trova una scappatoia nel suo contratto e abbandona la MCM Studios durante la produzione di "Mortal Kombat: The Death of Johnny Cage". In seguito, egli utilizza il suo denaro per fondare la produzione del suo prossimo film, "Mortal Kombat: Deadly Alliance", che racconta la vera storia di come Johnny Cage, da solo, salvò il mondo dalla minaccia dell'Alleanza Mortale di Quan Chi e Shang Tsung. Il film, superando ogni record nella sua prima settimana d'uscita, rende Cage ricco sfondato.
  • Desideroso di vendicarsi delle umiliazioni subite per mano di Sonya Blade, Kano, dopo aver rubato l'amuleto di Quan Chi su richiesta di Shang Tsung, si rivela in grado di controllare l'armata invincibile del Re Dragone. Così, invece di concedere amuleto ed armata a Shang Tsung, Kano se li tiene per sé, usa l'armata per tendere un'imboscata a Sonya e termina la loro faida una volta per tutte.
  • Volendosi vendicare di come Shang Tsung lo ingannò e lo lasciò a morire in una tomba, da cui riuscì a sopravvivere grazie alla spada dei suoi antenati, Kenshi raggiunge Shang Tsung e fa a pezzi. Ne escono gli spiriti dei re guerrieri, che furono assorbiti dallo stregone quando quest'ultimo ingannò Kenshi, e che vengono ora assorbiti dalla sua spada.
  • Dopo la morte di Shao Kahn, e la sconfitta di Shang Tsung e Quan Chi, Kitana piange la morte di Goro, principe degli Shokan, ora divenuto amico e alleato dei terrestri. Nella cerimonia funebre che segue nel palazzo Kuatan, il corpo di Goro viene messo in una bara che viene immersa nel magma. Durante la cerimonia, Kitana piange in silenzio anche per Liu Kang.
  • Reso furioso dalla memoria della visione del corpo di Liu Kang a terra dell'Accademia Wu Shi, Kung Lao si accanisce senza pietà contro Shang Tsung, il suo assassino, non prima di aver padroneggiato l'attacco insegnatogli da Bo' Rai Cho. Dopo aver distrutto lo stregone, Kung Lao ritorna sulla Terra, e prega di fronte all'altare costruito in onore di Liu Kang dagli iniziati del Wu Shi durante la sua assenza nel regno Esterno.
  • Gli stregoni Quan Chi e Shang Tsung avevano promesso a Li Mei che il suo popolo sarebbe stato libero dalla schiavitù se avesse vinto il torneo tenuto dall'Alleanza Mortale. Ma dopo la vittoria di Li Mei, i due stregoni svelano l'inganno, le rubano l'anima e la usano per rivivere al completo l'armata perduta del Re Dragone.
  • Dopo aver eliminato Kenshi per conto dell'Alleanza Mortale, Mavado, il capo del Dragone Rosso, ottiene il diritto di combattere contro Kano, l'ultimo membro noto del Dragone Nero, contro cui emerge vittorioso dopo una battaglia brutale. Stupito dalla disciplina e dalle abilità di Mavado e di tutto il Drago Rosso, Quan Chi apre un portale verso la Terra, e incarica al Dragone Rosso il Lin Kuei come primo bersaglio.
  • Dopo che Cyrax emerge dalla lava con la Sfera in mano, Nitara la prende, e rispedisce il cyborg sulla Terra. Volendo usare la Sfera per liberare il suo popolo dal giogo di Shao Kahn. Spaccando la Sfera a terra, Nitara viene investita dall'esplosione che ne segue, e perde conoscenza, per poi risvegliarsi di nuovo sul suo suolo natio.
  • Quan Chi e Shang Tsung riescono a riportare in vita l'armata invincibile del Re Dragone, ma non appena Shang Tsung riporta in vita l'ultimo guerriero, Quan Chi chiude il portale per il Paradiso, dimora degli Dei Anziani, e interrompe l'infinita scorta di anime di Shang Tsung. Poi, ordina Kano di assassinare Shang Tsung a sorpresa; l'attacco riesce e le migliaia di anime che questi assorbì in passato si librano libere. Conscio che Kano si rivolterà anche contro di lui, Quan Chi gli strappa l'essenza vitale, ma subito dopo una delle anime vaganti entra nel corpo di Kano. Con grande sorpresa di Quan Chi, l'anima si rivela essere quella di Liu Kang.
  • Con la sconfitta dell'Alleanza Mortale, Raiden è ormai incerto sul futuro che verrà. Non sono poche le variabili: il ritorno del Re Dragone, gli Oni che invaderanno dal Regno Occulto, oppure i Vampiri, pronti a minacciare la pace ora che il Regno Esterno è nel caos. Una cosa è però certa: la Terra va protetta. Raiden, pertanto, abbandona il suo stato di Dio Anziano per aiutare i mortali, atto sgradevole agli Dei Anziani.
  • Nonostante il forte odore di zolfo che riempe la camera, Reptile è certo che Nitara e Cyrax sono passati proprio di lì. Viene però attratto da un uovo che all'improvviso si schiude, e da esso un raggio di energia colpisce Reptile, il cui corpo si deforma e si trasforma. L'antica profezia si compie: il Re Dragone è tornato.
  • Durante la sua ricerca per Quan Chi, Scorpion finisce nel palazzo di Shang Tsung attraverso un passaggio segreto, ma è in seguito costretto ad affrontare Drahmin e Moloch, i due Oni al servizio di Quan Chi. Sopraffatto dai due Oni, Scorpion, pur non potendo essere da essi divorato, viene portato al portale del Paradiso, che Shang Tsung usa come fonte di anime infinite. Il corpo di Scorpion viene così distrutto dalla purezza del reame dei Cieli.
  • Mentre i due stregoni stanno resuscitando l'esercito del Re Dragone, Shang Tsung capisce che una volta terminato tale compito, i due stregoni tornerebbero nemici tra di loro. Pertanto, egli, in gran segreto, istruisce Kano nel rubare l'amuleto di Quan Chi per prendere il controllo dell'armata. Siccome parte del sortilegio di trasferimento delle anime include anche il comando di obbedire a "colui che possiede l'amuleto", l'armata potrebbe obbedire solo a Shang Tsung, e non a Quan Chi, nel caso l'amuleto fosse in suo possesso. Shang Tsung ordina così all'esercito di distruggere Quan Chi. Ora è libero di conquistare i reami, compresa la Terra.
  • Dopo la distruzione dell'Alleanza Mortale, Sonya Blade si dirige alla ricerca di Kenshi, suo alleato e compagno, e lo trova in fin di vita con ferite che sembrano provenire da spade uncinate. Sonya lo porta poi al punto di raduno dove Raiden li riporta sulla Terra. Sonya viene in seguito promossa a Generale, e costruisce una squadra, di cui Kenshi in persona farà parte, con la quale combattere nuove minacce sulla Terra, tra cui il Dragone Rosso.
  • Dopo la sconfitta dell'Alleanza Mortale, Sub-Zero ritorna al nuovo tempio Lin Kuei, con una Frost gravemente ferita. Viene poi congratulato da Raiden che gli esprime la sua gratitudine per aver aiutato la Terra.

Versioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due versioni del gioco, sviluppate entrambe per Game Boy Advance:

  • Nella prima, che porta lo stesso nome della versione per console, vi sono alcuni personaggi in meno, la kripta ha meno casse ed una sola valuta per le koins ed i personaggi non hanno armi in combattimento. Rimangono comunque le fatality, i due stili di combattimento e le mosse speciali. La grafica è notevolmente peggiorata.
  • La seconda è Mortal Kombat: Tournament Edition. Sostanzialmente simile al predecessore, ma con qualche personaggio diverso ed in più la valuta rubino (quindi vi sono due valute rispetto alla versione originale per GBA). I combattimenti sono simili al predecessore, ma i personaggi hanno ora due Fatality e sono presenti tre personaggi (Noob Saibot, Sareena e Sektor) assenti anche nella versione per console. La Kripta è stata anche espansa con più tombe.

Nelle 2 versioni per Game Boy Advance i personaggi non hanno le armi, ma nel gioco esistono delle mosse dove i personaggi colpiscono con le armi.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le immagini del gioco sono state usate nel video musicale della canzone Immortal del gruppo Adema.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb16974372n (data)
PlayStation Portale PlayStation: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di PlayStation