Mortal Kombat 4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortal Kombat 4
Mortalkombat4.jpg
Sviluppo Midway Games
Pubblicazione Midway Games
Data di pubblicazione 1997 (Arcade)
24 giugno 1998 (PlayStation)
Genere Picchiaduro a incontri
Modalità di gioco Singolo giocatore, doppio
Piattaforma Arcade, Game Boy Color, Microsoft Windows, PlayStation, Nintendo 64
Periferiche di input joystick 8 vie, 6 pulsanti

Mortal Kombat 4 è un videogioco della categoria picchiaduro prodotto da Midway Games nel 1997. È il primo capitolo in tre dimensioni ed è l'ultimo della serie ad essere stato sviluppato come arcade prima di essere convertito per il mercato casalingo.

Nuovi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Jarek - l'ultimo membro del clan Black Dragon, di cui facevano parte Kano e Kabal, sta scappando da Sonya. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Kai - monaco guerriero amico di Liu Kang. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Tanya - figlia dell'ambasciatore di Edenia. Viene corrotta dalle promesse del dio decaduto e lo aiuta a far entrare le sue armate nel regno di Edenia. Combatte al fianco delle armate di Shinnok;
  • Reiko - un demone del Netherrealm che fa parte del gruppo dei demoni della Fratellanza dell'Ombra. E uno dei generali delle armate di Shinnok;
  • Fujin - dio del vento, incaricato dagli dei antichi di riunire insieme a Raiden i guerrieri della terra per far fronte alla minaccia di Shinnok. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Quan Chi - stregone malvagio, è l'elemento di spicco della Fratellanza dell'Ombra. Libererà Shinnok dalla sua prigionia e diventerà suo braccio destro;
  • Shinnok - dio decaduto, liberatosi grazie a Quan Chi dalla sua prigionia nel Netherrealm, guida un esercito di demoni e guerrieri per conquistare i 6 regni dell'universo di Mortal Kombat. È il boss finale.

In realtà, Shinnok, Quan Chi e Fujin sono apparsi per la prima volta in Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero, ma questo è il primo gioco della serie in cui possono essere selezionati dal giocatore. I combattenti segreti variano a seconda delle versioni. Nella versione Arcade c'è Meat (uno scheletro vivente). Nella versione Playstation, oltre a Meat, troviamo Noob Saibot e Goro. Nelle versioni PC e Nintendo 64 si aggiunge, oltre ai sopracitati Meat, Goro e Noob Saibot, anche Kitana, sbloccabile solo attraverso dei codici GameShark (Nintendo 64) o tramite un'apposita patch non ufficiale (PC).

Tra i personaggi introdotti in Mortal Kombat 4 solo Quan Chi comparirà nel successivo capitolo.

Vecchi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Goro - ex campione del Mortal Kombat ed ex protettore di Shang Tsung, ora è la guardia del corpo di Shinnok. È presente come personaggio segreto;
  • Liu Kang - campione del Mortal Kombat e monaco shaolin. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Jax - compagno di Sonya Blade, appartiere alla Squadra di agenti speciali U.S.A. Insieme alla sua collega, dà la caccia a Jarek. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Sub-Zero - ex ninja del clan Lin-Kuei, fratello minore del Sub-Zero del primo torneo Mortal Kombat. In passato, suo fratello maggiore (l'originale Sub Zero) aveva recuperato e dato a Quan Chi il medaglione col quale ha liberato Shinnok. Conoscendo quindi la chiave per sconfiggere definitivamente il dio decaduto, si unisce ai guerrieri della terra;
  • Sonya Blade - tenente della Squadra degli agenti speciali U.S.A. Insieme al suo collega Jax, dà la caccia a Jarek. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Johnny Cage - attore e karateka, morto e risorto per aiutare i suoi amici. Combatte al fianco dei guerrieri della terra;
  • Raiden - dio del tuono. Migliaia di anni prima dei fatti di Mortal Kombat, sconfigge Shinnok e lo confina nel Netherrealm. Guida i guerrieri della terra contro le armate di Shinnok;
  • Reptile - rettile umanoide, guardia del corpo di parecchie divinità, stregoni o imperatori oscuri, si allea con Shinnok e diventa uno dei suoi generali, in cambio della salvezza della sua gente;
  • Scorpion - ninja risorto, è uno dei generali delle armate di Shinnok. Egli accetta tale incarico perché Quan Chi gli promette la vita in cambio dei suoi servigi. Nel corso della battaglia, verrà a sapere che il fratello minore del Sub-Zero che sconfisse nel primo torneo di Mortal Kombat si è alleato con i guerrieri della terra. Cercherà di sconfiggerlo per ottenere soddisfazione personale;
  • Noob Saibot - ninja completamente nero, è la reincarnazione del Sub-Zero del primo Mortal Kombat. Shinnok ne fa di lui un suo subordinato e gli affida l'incarico di spiare lo svolgimento della battaglia tra il regno dell'Outworld e quello della Terra (avvenimenti di Mortal Kombat 3) e di rapportare tutto al suo nuovo leader che attende il momento più propizio per iniziare l'invasione. È presente come personaggio segreto.

In questo episodio Reptile non indossa l'uniforme da ninja dei precedenti episodi, mostrando così il suo vero aspetto di rettile-umanoide. Molti giocatori hanno criticato la ripetizione nella trama per quanto riguarda Sonya Blade, ancora una volta in missione per recuperare un membro del clan Black Dragon.

Novità dell'episodio[modifica | modifica wikitesto]

  • I personaggi costruiti in tre dimensioni risultano molto meno realistici degli episodi precedenti, anche se in realtà le texture per i loro volti sono state prese direttamente da persone in carne ed ossa (al contrario dei capitoli successivi, molto più cartooneschi).
  • In Mortal Kombat 4 sono state introdotte le armi. Ogni personaggio ha una propria arma (spade, martelli, balestre, ecc) e può tirarla fuori durante il combattimento.
  • In alcuni scenari sono presenti alcuni oggetti, ad esempio dei teschi, che possono essere raccolti e scagliati contro l'avversario.
  • Questo è il primo episodio di Mortal Kombat ad avere l'introduzione e i finali animati in computer grafica al posto di semplici schermate, e fino ad oggi è anche l'unico insieme al suo upgrade Mortal Kombat Gold.
  • Essendo in tre dimensioni vengono introdotti i movimenti di lato, anche se in realtà servono solo per schivare i colpi mentre il combattimento vero e proprio rimane praticamente ai livelli degli episodi in due dimensioni.
  • È il primo episodio in cui viene introdotto Quan Chi, personaggio che influenzerà fortemente l'evolversi della trama degli episodi successivi.
  • Se si esclude Mortal Kombat Trilogy, è il primo episodio della serie che permette di selezionare i boss finali, ovvero Quan Chi e Shinnok.
  • È possibile, tramite la combinazione di alcuni tasti nella schermata di selezione, cambiare l'abbigliamento dei personaggi. Oltre a quello base e alla canonica "seconda uniforme", alcuni hanno quella "classica" dei precedenti giochi o addirittura nuove uniformi inedite (ad esempio Scorpion ha l'uniforme azzurra ed è smascherato, mostrando perciò il teschio).
  • In oltre alla schermata di selezione personaggio premendo il tasto Hidden, è possibile scegliere Goro, Noob Saibot, un altro tipo di Sub-Zero, Inferno Scorpion, Rain e Smoke.

La trama[modifica | modifica wikitesto]

Migliaia di anni prima che le vicende di Mortal Kombat iniziassero, Shinnok, uno degli antichi dei che controllavano i sei regni dell'universo di Mortal Kombat, spinto dalla sete di potere, tentò di conquistarli tutti. Il dio del tuono Raiden, riuscì a sconfiggerlo dopo una battaglia durata molti secoli e a confinarlo e sigillarlo nel Netherrealm. Qui Shinnok venne torturato dai demoni comandati da Lucifer, l'entità governatrice del posto fino a quando non incontrò lo stregone Quan Chi. Grazie al suo aiuto, riuscì a sconfiggere l'entità e a diventare così l'imperatore del Netherrealm, elaborando intanto nella sua mente un modo per fuggire e vendicarsi di Raiden, ma senza successo. La grande svolta avverrà quando Quan Chi libererà il dio decaduto dalla sua prigione dimensionale, grazie ad un potente amuleto che romperà il sigillo inferto da Raiden. Per ringraziare lo stregone, Shinnok gli promette un posto d'onore nell'impero che costruirà. Dopo la sconfitta di Shao Kahn in Mortal Kombat 3, l'Outworld si sgretola e il regno di Edenia rinasce e Kitana ne è la nuova regina. Shinnok approfitta dello stato di debolezza in cui versano i due regni per invaderli e conquistarli: l'Earthrealm a causa della tentata e recente invasione da parte di Shao Kahn ed Edenia a causa della sua recente rifondazione, al cui interno vi sono ancora conflitti tra i sostenitori dell'Outworld e i sostenitori del regno attualmente presente. Organizza così un esercito di demoni chiamato Fratellanza dell'Ombra e, contemporaneamente, viene appoggiato dai guerrieri che furono fedeli a Shao Kahn e da altri provenienti dal Netherrealm e da Edenia. Sistemato il tutto, il dio decaduto si prepara a conquistare i due regni, e gli dei antichi incaricano Raiden e Fujin (dio del vento e fratello di Raiden), di riunire i guerrieri di Edenia e della Terra ed affrontare la minaccia di Shinnok e Quan Chi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Una volta sbloccato il personaggio segreto Meat, lo stesso prende le mosse del personaggio che si è selezionato nella schermata di selezione.
  • Selezionando il costume segreto di Scorpion, lo stesso sarà smascherato mostrando il teschio. Durante la mossa e la fatality della fiammata, però, farà per togliersi la maschera, mostrando, sulla mano, la maschera gialla del costume base.

Giochi correlati[modifica | modifica wikitesto]