Monolophosaurus jiangi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Monolophosaurus jiangi
Monolophosaurus jiangi White Background.jpg
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Sauropsida
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Clade Neotheropoda
Clade Averostra
Clade Tetanurae
Genere Monolophosaurus
Currie & Zhao, 1993
Specie M. jiangi
Nomenclatura binomiale
Monolophosaurus jiangi
Currie & Zhao, 1993[1]

Il monolofosauro (Monolophosaurus jiangi), noto anche con il nome informale di "Jiangjunmiaosaurus", era un dinosauro carnivoro vissuto nel Giurassico superiore (Oxfordiano) in Cina.

Una strana cresta sul capo[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione computerizzata di Monolophosaurus
Ricostruzione di Monolophosaurus

La caratteristica predominante di questo predatore era una cresta davvero bizzarra, che percorreva tutto il cranio longitudinalmente dalla punta delle narici fino alla regione degi occhi. La cresta era cava e molto leggera, compressa lateralmente. Il cranio stesso, in effetti, sembrerebbe essere stato eccezionalmente stretto visto frontalmente; questo fatto, però, potrebbe essere dato da una compressione delle ossa durante il processo di fossilizzazione.

La funzione della cresta non è nota; potrebbe essere stato un richiamo sessuale e, in vita, essere ricoperta da vivaci colori, ma la struttura ossea così complicata ma relativamente poco appariscente suggerisce che essa avesse una qualche altra funzione. Di certo, il monolofosauro era un predatore di media grandezza (5 metri di lunghezza) e probabilmente attaccava animali delle sue stesse dimensioni, come gli stegosauri o gli ornitopodi.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Tre recenti studi filogenetici (Carrano et al., 2012,[2] Zanno & Makovicky, 2013[3] ed Hendrickx et al., 2015[4]) posizionano Monolophosaurus alla base di Tetanurae, fuori da Orionides.

Il cladogramma seguente risale al 2015 ed è tratto dall'analisi di Hendrickx et al.;[4] qui Monolophosaurus è rappresentato come il più diretto sister-taxon di Orionides.

Neotheropoda
Coelophysidae
 

Panguraptor


 

Coelophysis



 
 

Liliensternus


 
 

Zupaysaurus


 
Dilophosauridae
 

Dilophosaurus


 

Dracovenator



Averostra
 

Ceratosauria


Tetanurae
 

Cryolophosaurus


 

Sinosaurus


 
 

Monolophosaurus


Orionides
 

Megalosauroidea


Avetheropoda
 

Carnosauria


 

Coelurosauria











Quest'altro cladogramma, invece, tratto da Carrano et al., 2012[2] lo rappresenta in tricotomia con Orionides e Chuandongocoelurus (anche Zanno & Makovicky, 2013[3] sostengono questa collocazione).

Tetanurae
 

CryolophosaurusCryolophosaurus in Japan White Background.jpg


 

"Dilophosaurus" sinensis (Sinosaurus)  Sinosaurus triassicus white background.JPG


 
 

Chuandongocoelurus


 

MonolophosaurusMonolophosaurus jiangi White Background.jpg


Orionides
Megalosauroidea
 

Piatnitzkysauridae


Megalosauria
 

MegalosauridaeComplete skeleton of Torvosaurus white background.jpg


 

Spinosauridae Suchomimus white background.jpg




Avetheropoda
Carnosauria
 

Metriacanthosauridae


Allosauria
 

AllosauridaeAllosaurus AMNH White Background.jpg


Carcharodontosauria
 

Neovenatoridae


 

CarcharodontosauridaeAcrocanthosaurus white background.jpg





Coelurosauria
 

Lourinhanosaurus


 

Altri celurosauri FMNH Deinonychus white background.JPG







Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Xi-Jin Zhao e Philip J. Currie, A large crested theropod from the Jurassic of Xinjiang, People's Republic of China, in Canadian Journal of Earth Sciences, vol. 30, nº 10, 1993, pp. 2027-2036, Bibcode:1993CaJES..30.2027Z, DOI:10.1139/e93-178.
  2. ^ a b (EN) Matthew T. Carrano, Roger B. J. Benson e Scott D. Sampson, The phylogeny of Tetanurae (Dinosauria: Theropoda), in Journal of Systematic Palaeontology, vol. 10, nº 2, Taylor & Francis Group, 16 maggio 2012, pp. 211-300, DOI:10.1080/14772019.2011.630927.
    Versione PDF.
  3. ^ a b (EN) Lindsay E. Zanno e Peter J. Makovicky, Neovenatorid theropods are apex predators in the Late Cretaceous of North America, in Nature Communications, vol. 4, nº 2827, 23 novembre 2013, Bibcode:2013NatCo...4E2827Z, DOI:10.1038/ncomms3827, PMID 24264527.
    Versione PDF.
  4. ^ a b (EN) Christophe Hendrickx, Scott A. Hartman e Octávio Mateus, An Overview of Non-Avian Theropod Discoveries and Classification (PDF), in PalArch’s Journal of Vertebrate Palaeontology, vol. 12, nº 1, 2015, pp. 1-73, ISSN 1567-2158 (WC · ACNP).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]