Monastero di Santa Barbara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monastero di Santa Barbara
Mammola - Museo Santa Barbara.jpg
Veduta dell’antico Monastero di Santa Barbara
Stato Italia Italia
Regione Calabria
Località Mammola
Religione Cattolica
Diocesi Locri-Gerace
Inizio costruzione X secolo d.C.

Il monastero di Santa Barbara (noto anche con il suo acronimo Musaba o Parco Museo Santa Barbara), il monastero con il vasto parco, costituito da 7 ha di terreno con alberi di ulivi, agrumi e "giardini mediterranei", ospita sculture ed opere d'arte è situato nel comune di Mammola, in provincia di Reggio Calabria. Ospita attualmente un museo privato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Menzionato anche come "Grancia di San Fantino de Proteriate", fu inizialmente basiliano, quindi, tra il 1193 e il 1514, prima certosino e poi cistercense: i certosini richiesero all'imperatore Carlo V la reintegrazione nel feudo e vi rimasero fino all'abolizione della feudalità nel 1808. La grangia di Santa Barbara possedeva numerosi terreni nei territori di Mammola, di Grotteria, di Gioiosa Ionica, di Siderno, di Canolo, di Gerace e di Caulonia e ospitava all'interno della cinta muraria i magazzini che ne custodivano i prodotti.

La chiesa conserva volta e un'abside, con nicchie disposte sul lato orientale, proprie del rito greco-bizantino. Il chiostro venne costruito sui resti di una cisterna di epoca romana.

Scavi archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi del fiume Torbido, la locale sovraintendenza condusse scavi archeologici, riportando alla luce una necropoli del IX-VIII secolo a.C., alla quale si era sovrapposto un insediamento greco del V-IV secolo a.C.. Nell'area era impiantata una statio (stazione di posta) romana, sul percorso di collegamento tra lo Jonio e il Tirreno.

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Scultura nel Parco museo Santa Barbara

Nel 1969, l'artista Nik Spatari ha realizzato nel monastero il "Parco museo Santa Barbara", un museo privato di arte contemporanea.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Gallucci, "Notizie storiche sul Monastero di San Fantino e sulla Grancia di S.Barbara", in Brutium, 4, 1983.
  • Parco MuSaBa, Museo Laboratorio, Rubettino Editore, 1966.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]