Museo archeologico statale Vincenzo Laviola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo archeologico statale Vincenzo Laviola
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàAmendolara
IndirizzoPiazza Giovanni XXIII
Caratteristiche
TipoArcheologia
Visitatori2 152 (2015)[1]
Sito web

Coordinate: 39°57′08.7″N 16°34′49.6″E / 39.952417°N 16.580444°E39.952417; 16.580444

Il Museo Archeologico Statale "Vincenzo Laviola" è il museo archeologico statale di Amendolara, in provincia di Cosenza. Conserva numerosi reperti rinvenuti nella zona. L'ingresso è gratuito.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta venne istituita nel 1996, a partire da un nucleo della collezione di Vincenzo Laviola assieme al materiale rinvenuto negli scavi del colle San Nicola.

L'allestimento è composto da quattro sezioni, divise secondo un criterio cronologico: protostoria, due per la Magna Grecia, e una per i reperti bizantini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La prima sezione si apre coi reperti più antichi della collezione: vasi in terracotta, strumentiin metallo, armi e gioielli databili al XII secolo a.C. Provengono da uno scavo eseguito in città, che ha messo in luce le tracce di un insediamento a cavallo tra la tarda età del Bronzo e la prima età del Ferro. Vicini per datazione sono anche i reperti dalla necropoli presso Agliastroso.

Al periodo della Magna Grecia arcaica risalgono oggetti di corredi funebri databili tra l'VIII e il VI secolo a.C., provenienti dalle necropoli di Mancosa-Paladino. Vi si trova ceramica corinzia e protocorinzia, materiale in bronzo e altri reperti, che dimostrano la colonizzazione greca attraverso Sibari. Altri oggetti provengono dall'antica città scavata al pianoro di San Nicola e nella piana sottostante, dove sono state individuate le tracce di una vera e propria città con templi e una necropoli. Tra i reperti statuette votive, monete bronzee, pesi fittili da telaio, anche decorati a labirinto, che testimoniano la produzione intensiva di tessuti di lana.

La sezione bizantina ospita frammenti architettonici di marmo e altri arredi liturgici provenienti dalle chiese cittadine di San Giovanni e dell'Annunziata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati visitatori 2015 (PDF), su beniculturali.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Custodero, Antichi popoli del Sud: Apuli, Bruzii, Lucani, Messapi, Sanniti e Greci prima della conquista romana, Lecce 2000.
  • E. Greco, Magna Grecia, Guide Archeologiche Laterza, Bari 1995.
  • G. Tagliamonte, I figli di Marte: mobilità, mercenari e mercenariato italici in Magna Grecia e Sicilia, Roma 1994.
  • R. Laviola, I beni culturali di Amendolara, Reggio Calabria 1986.
  • G. Roma, Ricerca su un insediamento di epoca bizantina nel territorio del comune di Amendolara, 1978.
  • C. Turano, La Calabria antica, Reggio Calabria 1977.
  • V. Laviola, Necropoli e città preelleniche, elleniche e romane di Amendolara, Cosenza 1967.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]