Museo archeologico di Monasterace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo Archeologico di Monasterace
Museo archeologico dell'Antica Kaulon (agosto 2018).jpg
Esterno del MAK (agosto 2018)
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMonasterace
IndirizzoS.S. 106
Caratteristiche
TipoArcheologia, etnografia, arte
Sito web

Coordinate: 38°27′00.72″N 16°34′43.68″E / 38.4502°N 16.5788°E38.4502; 16.5788

Mosaico del Drakon
Parco archeologico dell'antica Kaulon (2018)

Il museo archeologico di Monasterace o Museo archeologico dell'Antica Kaulon o MAK è il museo sorto intorno al parco archeologico "Paolo Orsi", il quale conserva i resti dell'antica città magnogreca di Kaulon.

Dal dicembre 2014 il Ministero per i beni e le attività culturali lo gestisce tramite il Polo museale della Calabria, nel dicembre 2019 divenuto Direzione regionale Musei.

Le sale[modifica | modifica wikitesto]

É composto da 7 sale. La prima mostra reperti della fondazione della città di Kaulon tra cui tra cui 3 corredi tombali, una incinerazione di località Bavolungi di Stilo e un corredo tombale di località Franchi di Stilo. Sono presenti anche dei khantaroi di tipo Itaca, materiale dell'Eubea ed acheo. La seconda espone i corredi della necropoli dell'area di nord-ovest di Kaulon al di fuori delle mura con reperti risalenti tra il VI ed il IV secolo A.C. tra cui di attività produttive. Nella terza sala c'è il materiale trovato nel santuario di Punta Stilo, tra cui anche la Tabula Cauloniensis in bronzo, il più lungo testo scritto acheo in Italia risalente al V secolo A.C. Nella quarta sala è allestita la ricostruzione del recinto e delle terme ellenistiche di "Casamatta". La quinta sala mostra i reperti dei resti delle case dell'area San Marco e il mosaico del Drago. La sesta sala è dedicata alla ricostruzione di una casa di Kaulon ed infine nela settima c'è la ricostruzione del santuario di Passoliera nonché rocchi di colonne frutto di rinvenimenti subacquei[1].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Mollo, Guida archeologica della Calabria antica, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2018, pp. 384-403, ISBN 978-88-498-5393-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]