Men in Black: International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Men in Black International)
Jump to navigation Jump to search
Men in Black: International
Men in Black - International.jpg
I due protagonisti Agente H (Chris Hemsworth) e Agente M (Tessa Thompson) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata115 min
Genereazione, fantascienza, commedia, avventura
RegiaF. Gary Gray
SoggettoLowell Cunningham, Sandy Currethers
SceneggiaturaArt Marcum, Matt Holloway
ProduttoreLaurie McDonald, Walter F. Parkes
Produttore esecutivoSteven Spielberg, Karim Debagh, Erik Paoletti, Barry Sonnenfeld
Casa di produzioneSony Pictures Entertainment
FotografiaStuart Dryburgh
MontaggioChristian Wagner
MusicheDanny Elfman
ScenografiaJohn Bush
TruccoAnita Burger, Nikita Race, Liz Reilly, Adrian Rigby, Noriko Watanabe
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Men in Black: International (stilizzato come MIB: International in materiale promozionale) è un film d'azione-fantascienza americano del 2019 diretto da F. Gary Gray e scritto da Art Marcum e Matt Holloway. È uno spin-off della serie di film Men in Black, ed è liberamente ispirato ai fumetti Marvel con lo stesso nome di Lowell Cunningham. Il film vede la partecipazione di Chris Hemsworth, Tessa Thompson, Kumail Nanjiani, Rebecca Ferguson, Rafe Spall, Laurent e Larry Bourgeois e Liam Neeson. Emma Thompson riprende il suo ruolo dal terzo film, mentre Tim Blaney torna a dare la voce a Frank il carlino dai primi due film.

Il quarto film Men in Black è iniziato dopo l'uscita di Men in Black 3 nel 2012. Nel febbraio 2018, Hemsworth ha firmato per dirigere uno spin-off mentre Gray è stato assunto per dirigere, e la Thompson si è unita al cast il mese successivo. Le riprese si sono svolte a New York, in Marocco, in Italia e a Londra da luglio a ottobre 2018.

Men in Black: International è stato distribuito negli Stati Uniti il 14 giugno 2019 dalla Sony Pictures Releasing, con il marchio Columbia Pictures. Il film ha incassato oltre 235 milioni di dollari in tutto il mondo e ha ricevuto recensioni generalmente sfavorevoli da parte della critica, che ha criticato "l'azione poco brillante e la trama dimenticabile", anche se la chimica tra Hemsworth e la Thompson è stata elogiata.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Brooklyn, 1996. Molly Wright vede i suoi genitori essere neuralizzati dagli agenti Men in Black mentre aiuta un alieno in fuga, evitando la neuralizzazione mentre i suoi genitori credevano che fosse addormentata.

Ventitré anni dopo, essendo state respinte le richieste dalle agenzie governative sulla base delle sue "esperienze" riguardo alle prove della vita aliena, Molly riesce a scoprire uno sbarco alieno e a penetrare nel quartier generale dell'MiB di New York. Anche se viene catturata entrando nell'agenzia, Molly fa colpo sull'Agente O, dimostrandole di essere stata abile nel trovare informazioni sull'esistenza dell'organizzazione e dichiarando di non avere alcuna vita sociale, il che fa di lei un candidato ideale per lavorare nell'agenzia. Viene quindi assunta in prova come "agente M" e assegnata alla filiale londinese dell'organizzazione.

Una volta a Londra, M incontra High T, il capo della filiale di Londra, e riesce ad affiancare l'agente H nel suo incontro con Vungus il Brutto, membro di una famiglia reale aliena amico intimo di H. Durante la loro notte con Vungus, vengono avvicinati da misteriosi gemelli alieni in grado di manifestarsi come pura energia, i quali feriscono a morte Vungus. Prima di morire, Vungus affida di nascosto uno strano cristallo a M, dicendo che non può fidarsi di H perché è cambiato dall'ultima volta che si sono incontrati. Sebbene l'agente C si dica deluso per come H sta affrontando la situazione, M fa notare che poche persone conoscevano la posizione di Vungus quando fu attaccato, perciò Vungus deve essere vittima di un tradimento a opera di uno degli agenti dell'MiB che era al corrente della missione affidata a H di proteggerlo. Temendo la presenza di una talpa nell'MiB, High T assegna l'indagine a C e a M, mentre H è retrocesso a un lavoro da scrivania; dall'indagine emerge che nei gemelli ci sono tracce del DNA dell'Hive, una razza parassitaria che invade altri pianeti fondendosi con il DNA delle specie conquistate. M apprende che nel 2016 H e High T avevano già respinto un'invasione aliena alla Torre Eiffel, quando l'Hive si era servito di un portale già utilizzato per la sua prima migrazione sulla Terra. Da quel momento H ha sviluppato un complesso di onnipotenza, sottraendosi ai propri doveri e mantenendo il lavoro solo grazie al profondo rispetto che l'agenzia nutre nei suoi confronti.

H convince M a unirsi a lui nel seguire una traccia a Marrakesh, dove recuperano "Pedino", l'ultimo sopravvissuto di un piccolo gruppo di alieni che sono stati attaccati dai gemelli. Pedino promette fedeltà a M, ma sono successivamente accerchiati dagli agenti del MiB coordinati da C, che intanto ha recuperato le riprese video di Vungus che passa il cristallo ad M e crede che sia lei la traditrice. Con l'aiuto di uno dei suoi contatti alieni, H si impadronisce di una moto a razzo e fugge con M e Pedino; in questa occasione i tre scoprono che il cristallo di Vungus è un'arma alimentata da una potentissima energia blu. Mentre riparano la moto danneggiata, il contatto alieno di H riesce a rubare l'arma e a portarla a Riza Stavros, una trafficante d'armi aliena ed ex fidanzata di H.

Viaggiando verso la fortezza dell'isola di Riza, il trio tenta di infiltrarsi nella base e recuperare l'arma, ma viene catturato da Riza e dalla sua guardia del corpo. Tuttavia, si scopre che quest'ultimo è l'alieno che M aveva salvato da bambina, il quale le restituisce il favore permettendo loro di andarsene con l'arma mentre tiene Riza immobilizzata. I tre sono nuovamente attaccati dai Gemelli, che però vengono uccisi da High T e da un gruppo di agenti.

Il caso sembra risolto, ma riesaminando le prove, H e M comprendono che i Gemelli intendevano usare l'arma contro l'Hive e non a suo favore, tanto più che l'unica prova di DNA è stata fornita da High T. L'agente C riconosce che gli indizi sembrano indicare un inganno di High T, e consente a H e M di seguire High T alla Torre Eiffel. Mentre si dirigono al portale, M mette in dubbio il ricordo di H riguardo alla sua vittoria sull'Hive e gli insinua il dubbio che sia stato neuralizzato. Il successivo confronto con High T conferma la sua ipotesi. L'Hive ha "inglobato" High T e ha neuralizzato H per farlo apparire come un eroe e nascondere come si sono svolti i fatti. L'ibrido "High T/Hive" è in grado di attivare un portale che attirerà l'Hive sulla Terra, ma H smaschera High T e riesce a usare l'arma per annientarlo e scongiurare l'invasione dell'Hive.

Svelata ufficialmente la verità sul conto di High T, l'agente O incontra H e M a Parigi, dove nomina M agente operativo e H capo provvisorio della filiale londinese dell'MiB.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2018, è stato riferito che Chris Hemsworth avrebbe recitato nel film, diretto da F. Gary Gray.[1] Il mese seguente, Tessa Thompson si unì al cast.[1] Nel maggio 2018, è stato riferito che Liam Neeson era in trattative per recitare nel film come capo della filiale britannica dell'agenzia.[2] Il film è stato scritto da Art Marcum e Matt Holloway e prodotto da Laurie MacDonald e Walter Parkes.[3] Nel giugno 2018, Kumail Nanjiani, Rafe Spall e Les Twins sono stati aggiunti al cast.[4] Danny Elfman, che ha realizzato i primi tre film Men in Black, è tornato a comporre la colonna sonora del film insieme a Chris Bacon.[5] Steven Spielberg è stato produttore esecutivo, come ha fatto per le prime tre voci del MIB, insieme a Barry Sonnenfeld, che ha diretto tutti i film precedenti.

Le riprese del film sono iniziate il 9 luglio 2018, presso i Leavesden Studios a Londra, e proseguita in Marocco, Italia e New York.[6] Emma Thompson è stata annunciata mentre riprendeva il suo ruolo di agente O nel film a fine mese.[7] Nell'agosto 2018, Rebecca Ferguson si unì al cast del film.[8] Il 17 ottobre, Hemsworth ha confermato che le riprese si erano concluse.[9]

Gli effetti visivi del film sono stati forniti da Double Negative e supervisionati da Alessandro Ongaro con l'aiuto di Rodeo FX, Sony Pictures Imageworks e Method Studios.[10]

Il film subì una produzione travagliata a causa dei frequenti scontri tra il regista Gray e il produttore Parkes, che iniziò quando il direttore esecutivo della Sony, David Beaubaire, uscì dallo studio nell'estate del 2018 e non fu sostituito. Una prima stesura della sceneggiatura, che Sony aveva inizialmente elogiato, e che aveva ricevuto l'attenzione delle stelle Hemsworth e Thompson, aveva un tono più spigoloso del film finito; conteneva commenti sociopolitici sull'attuale dibattito sull'immigrazione. I principali antagonisti dovevano essere un gruppo musicale alieno ispirato ai Beatlescon i quattro membri che si fondono in un cattivo durante il climax. Parkes, che ha avuto il taglio finale del film, ha avuto una mano pesante nella supervisione delle riscritture durante la pre-produzione e le riprese. Le nuove pagine di sceneggiature di Parkes hanno strappato via la sensibilità moderna della prima bozza, e sono state recentemente inviate a Hemsworth e Thompson, che erano entrambe così confuse da assumere i propri scrittori di dialoghi. Parkes non solo ha dettato le riscritture, ma è intervenuto nel dirigere i compiti, anche se nessuna regola della Guild of America è stata violata. Gray ha cercato di uscire più volte dalla produzione, ma è stato convinto di rimanere da Sony. Parkes e Gray si sono scontrati anche durante il processo di correzione del colore durante la post-produzione. Lo studio ha testato due tagli, uno messo insieme da Gray, l'altro da Parkes, con la versione di Parkes scelta come taglio teatrale.[11]

Il costo della produzione del film si aggira intorno ai 110 milioni di dollari, rendendolo relativamente economico rispetto non solo agli altri successi del 2019, ma anche ai suoi predecessori. Nel 2012  Men in Black III è costato 225 milioni di dollari, mentre nel 2002  Men in Black II ha sfoggiato un prezzo di 140 milioni di dollari. Il primo  Men in Black è costato 90 milioni di dollari, ma i 22 anni di inflazione tra esso e  International hanno più che compensato la differenza. Adattato per il 2019, il primo  Men in Black sarebbe costato circa 143 milioni di dollari.[12]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato diffuso il 20 dicembre 2018.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 14 giugno 2019, mentre sarà distribuita in quelle italiane dal 25 luglio dello stesso anno.

Partnership con Lexus[modifica | modifica wikitesto]

Lexus aveva una partnership con la Sony Pictures per utilizzare i loro veicoli per il film, la RC e la RX, tutti nelle loro varianti F Sport. L'azienda automobilistica ha anche progettato un'astronave dall'aspetto alieno nello stesso corpo del modello RC.[13]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Box office[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 7 luglio 2019, Men in Black: International ha incassato 72,1 milioni negli Stati Uniti e in Canada, e 163 milioni in altri territori, per un totale mondiale di 235,1 milioni.[14] Con un budget di produzione di 110 milioni e altri 120 milioni spesi per il marketing, si stima che il film dovrà incassare 300 milioni in tutto il mondo per raggiungere il pareggio.[15]

Negli Stati Uniti e in Canada, Men in Black: International è stato distribuito insieme a Shaft, così come l'ampia espansione di Late Night , ed è stato proiettato al lordo di 30-40 milioni da 4.224 sale nel suo weekend di apertura.[16] Il film ha incassato 10,4 milioni nel suo primo giorno, compresi 3,1 milioni da anteprime di giovedì sera. Andò a debuttare a 30 milioni, in cima al botteghino ma arrivando sotto le aspettative. È diventato il primo film della serie a non aprire oltre 50 milioni.[17] L'apertura deludente è stata attribuita al franchise datato, le scarse recensioni critiche e l'attesa del pubblico per le altre grandi uscite imminenti Toy Story 4 e Spider-Man: Far from Home.[15] Il film è caduto del 64% nel suo secondo fine settimana a 10,7 milioni, finendo al quarto posto, e poi ha incassato 6,7 milioni nel suo terzo weekend, chiudendo al sesto posto.[18]

In tutto il mondo, il film è stato distribuito in concomitanza con gli Stati Uniti in altri 56 paesi e si prevede che abbia incassato 70-85 milioni, per un esordio mondiale di 100-115 milioni.[19] Finì per guadagnare 73,7 milioni oltremare e 102,2 milioni a livello globale, finendo primi in 36 mercati. Ha sotto performato in paesi asiatici come la Cina ($ 26,3 milioni) e la Corea del Sud ($ 4,9 milioni) a causa del passaparola scadente, simile agli Stati Uniti, sebbene sia stato il primo in Messico ($ 3,9 milioni), il Brasile ($ 1,8 milioni), la Russia ($ 5,1 milioni), il Regno Unito ($ 3,4 milioni), l'Australia ($ 2,6 milioni) e la Francia ($ 2,5 milioni).[20]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Su Rotten Tomatoes, il film ha un punteggio di approvazione del 22% basato su 285 recensioni, con un punteggio medio di 4,47/10. Il consenso critico del sito web recita: "Amabile eppure dimenticabile, MiB International macina la sostanziale chimica delle sue stelle attraverso gli ingranaggi di un franchising che sta per scadere, con le ragioni per continuare".[21] Su Metacritic, il film ha un punteggio medio ponderato di 38 su 100, basato su 50 critici, che indica "recensioni generalmente sfavorevoli".[22] Le audience intervistate da CinemaScore hanno dato al film un voto medio di "B" su una scala da A + a F, il punteggio più basso della serie, mentre quelle su PostTrakgli ha dato un punteggio complessivo positivo del 72% e un "consiglio definito" del 46%.[15]

Peter Bradshaw di The Guardian lo ha definito "Meh in Black, creando un'altra intensa e fastidiosa ricomparsa", e ha assegnato al film 1 su 5 stelle.[23] Peter DeBruge di Variety ha dichiarato che "La connessione tra Tessa Thompson e Hemsworth è ciò che salva la giornata, non tutto ciò che i loro personaggi fanno sullo schermo" e ha definito il film stesso "divertente, se non uniforme". Michael Phillips del Chicago Tribune ha dato il film 2,5 su 4 stelle, scrivendo: " Men in Black: International non è male, è un miglioramento rispetto a Men in Black II (2002) e Men in Black 3 (2012), sequel che anche i suoi produttori potrebbero aver dimenticato. Come specie, sembriamo destinati a rivisitare questo concetto di base e rinnovare la ricerca di nuove variazioni sullo zingy, disarmante primo film, che ha portato i fumetti di Lowell Cunningham sullo schermo in modo così accorto e intelligente nel 1997."[24]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chris Hemsworth Circling to Star in 'Men in Black' Spinoff (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 9 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Liam Neeson in Talks to Join ‘Men in Black’ Spinoff (EXCLUSIVE), su Variety, 22 maggio 2018. URL consultato il 9 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Sony Sets ‘Men In Black’ Spinoff For Summer, 2019; Script by ‘Iron Man’ Team Holloway & Marcum, su Deadline, 29 settembre 2017. URL consultato il 9 luglio 2019.
  4. ^ (EN) Rafe Spall, Kumail Nanjiani Join Sony's 'Men in Black' Spinoff, su TheWrap, 29 giugno 2018. URL consultato il 9 luglio 2019.
  5. ^ (EN) Dylan E. says, Danny Elfman & Chris Bacon to Score F. Gary Gray’s ‘Men in Black: International’ | Film Music Reporter, su filmmusicreporter.com. URL consultato il 9 luglio 2019.
  6. ^ (EN) Chris Hemsworth Set Photos from the New Men in Black Movie!, su ComingSoon.net, 9 luglio 2018. URL consultato il 9 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Emma Thompson Joining 'Men in Black' Spinoff (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 9 luglio 2019.
  8. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, ‘Mission: Impossible’ Fallout For Rebecca Ferguson: Locks ‘Men In Black’ Spinoff & ‘Doctor Sleep’ Villainess, su Deadline, 2 agosto 2018. URL consultato il 9 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Chris Hemsworth Confirms 'Men in Black' Wraps Filming, su Movies. URL consultato il 9 luglio 2019.
  10. ^ (FR) MEN IN BLACK INTERNATIONAL, su The Art of VFX, 25 aprile 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Rewrites, Infighting and No "Urgency": Behind Sony's Lackluster 'Men in Black' Relaunch, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 9 luglio 2019.
  12. ^ (EN) Men In Black: International Has The Lowest Budget Of All 4 Movies, su ScreenRant, 12 giugno 2019. URL consultato il 5 agosto 2019.
  13. ^ Lexus Stars in Sony Pictures’ Men in Black™: International / Discover the Global World of Lexus, su discoverlexus.com. URL consultato il 9 luglio 2019.
  14. ^ Men in Black International (2019) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 9 luglio 2019.
  15. ^ a b c (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, How ‘Men In Black: International’s Domestic Passport Got Revoked With $28M+ Opening, But Was Cleared Abroad With $102M+ WW Take, su Deadline, 16 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  16. ^ (EN) Can 'Men In Black: International' Bring in Moviegoers Without Will Smith?, su TheWrap, 12 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  17. ^ 'Men in Black' & 'Shaft' Become Latest Summer Sequels to Disappoint - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 9 luglio 2019.
  18. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, ‘Toy Story 4’ Holds Down No. 1 With $58M Before ‘Spider-Man’ Mania, ‘Annabelle 3’ Jump Scares To 31M+, ‘Yesterday’ $17M+ – Sunday Final, su Deadline, 30 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  19. ^ (EN) Anthony D'Alessandro,Nancy Tartaglione, Anthony D'Alessandro, Nancy Tartaglione, Can ‘Men In Black: International’ Travel To $100M+ Worldwide Opening?, su Deadline, 12 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  20. ^ (EN) Nancy Tartaglione, Nancy Tartaglione, ‘Men In Black: International’ Zaps $74M Overseas; ‘Aladdin’ Tops $700M WW – International Box Office, su Deadline, 16 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  21. ^ (EN) Men in Black International (2019). URL consultato il 9 luglio 2019.
  22. ^ Men in Black: International. URL consultato il 9 luglio 2019.
  23. ^ (EN) Peter Bradshaw, Men in Black: International review – a galactically gormless fall to earth, in The Guardian, 12 giugno 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  24. ^ Chicago Tribune - We are currently unavailable in your region, su www.tribpub.com. URL consultato il 9 luglio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]