Maserati Ghibli (1992)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maserati Ghibli II
Ghibli2av.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Maserati
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1992 al 1997
Sostituisce la Maserati Racing
Sostituita da Maserati 3200 GT
Esemplari prodotti 2.380[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4223 mm
Larghezza 1775 mm
Altezza 1310 mm
Passo 2514 mm
Massa 1365 kg
Altro
Assemblaggio Modena
Stile Marcello Gandini
Altre antenate Maserati Shamal
Karif
Stessa famiglia Maserati Biturbo, Karif, Shamal e Racing
Auto simili BMW M3
Ghibli2ar.jpg

La Maserati Ghibli introdotta nel 1992 è una coupé sportiva prodotta dalla casa automobilistica italiana Maserati basata su un'evoluzione della precedente Maserati Biturbo, la quale va a sostituire. La Ghibli è stata prodotta fino al 1997 in 2.380 esemplari e riprende lo storico nome dell'omonimo modello presentato nel 1967.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Interni di una Ghibli

Nel 1992 le 222, 2.24V, 422, 4.24V, 430 e Spider (tutte figlie del modello Biturbo) uscirono di listino[1], mentre un ulteriore restyling (dovuto sempre a Marcello Gandini) della Maserati Racing diede origine alla ripresentazione dello storico nome Ghibli[2]: nuovo frontale, nuova coda più alta, nuove appendici aerodinamiche, cerchi specifici e gamma motori rinnovata.

Due i propulsori disponibili, entrambi V6 biturbo 24 valvole. Il potente, un 1996 cm³ da 306 CV (che permetteva di raggiungere i 260 km/h), l'altro meno prestazionale derivato dalla coupé 228i di 2790 cm³ e con 284 CV (250 km/h di velocità massima e 0-100 in 5,7 secondi).

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Ghibli M.Y. 1994[modifica | modifica wikitesto]

Dopo due anni dall'inizio della produzione viene introdotto il M.Y. 1994, che presenta diverse modifiche tecniche ed estetiche rispetto alla "1ª serie":

  • adozione del sistema frenante ABS
  • aggiunta della seconda Sonda Lambda
  • cerchi specifici Millemiglia da 16 pollici
  • modifica dei mozzi ruota con attacchi da 5x108
  • modifica dello stemma Maserati (tridente all'interno dell'ovale)

Diverse versioni speciali sono state prodotte della Ghibli.

Ghibli KS[modifica | modifica wikitesto]

La prima fu la versione KS (acronimo di Kit Sportivo) disponibile dal M.Y. 1994 come pacchetto optional, che comprendeva la sostituzione completa dell'assetto con elementi più sportivi e l'adozione dei cerchi specifici O.Z. Futura da 17 pollici, mentre non erano presenti alcune modifiche al motore.

Ghibli Open Cup[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 1994 viene resa disponibile da Maserati la versione Open Cup, destinata a un trofeo monomarca, che corse assieme alla Ferrari 348 e alla Ferrari F355 Berlinetta, le quali erano presenti nel Ferrari Challenge.

Il trofeo monomarca della Ghibli fu scisso dagli eventi Ferrari dopo che la maggior parte dei clienti che correvano nel Ferrari Challenge si lamentarono delle maggiori prestazioni in pista delle vetture Maserati.

Questo modello, prodotto in 27 esemplari, differiva da quello di serie per una potenza maggiore 330 CV dovuti alla pressione di sovralimentazione dei turbo maggiorata, scarico dedicato, mappatura specifica e pompa della benzina maggiorata. Inoltre erano presenti interni in fibra di carbonio e freni specifici Brembo.

Ghibli Cup[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 nasce la versione stradale Cup, che riprendeva lo stilema della Open Cup, prodotta in versione limitata a 60 esemplari, più 25 con guida a destra e altri altri 3 con motore 2.8, più un esemplare di quest'ultimo con guida destra. Questo modello era riconoscibile per via dei cerchi specifici Speedline a cinque razze da 17 pollici, modifiche all'assetto, interni in fibra di carbonio, gli scarichi a uscita singola ovale per lato. La Cup era l'auto stradale con il rapporto CV/litro (165) più alto al mondo, con una potenza totale di 330 CV, capace di sfiorare i 270 km/h, prima dell'arrivo sul mercato della Mercedes A45 AMG.

Ghibli GT[modifica | modifica wikitesto]

Linea laterale di una Ghibli GT

Sempre nel 1996 nasce il modello GT, che presenta lievi modifiche estetiche, come i cerchi specifici a sette razze da 17 pollici, lo stemma modificato, la sostituzione del differenziale Maserati Ranger con uno di provenienza Ferrari e l'eliminazione del finto bocchettone della benzina sul lato sinistro della carrozzeria, ma non presenta modifiche al motore dove la potenza rimane invariata a 306 CV per il motore da 2.0 e 284 CV per il motore da 2.8.

Ghibli Primatist[modifica | modifica wikitesto]

Infine nel 1997 viene prodotta la Primatist, costruita in 35 esemplari in serie limitata, è stata concepita per celebrare il record di velocità su acqua dello scafo idroplano di Bruno Abbate, motorizzato con il motore da 306 CV.

Questo ultimo allestimento era disponibile con l'unica motorizzazione 2.0 da 306 CV e come unico colore della carrozzeria era lo specifico blu mare e gli interni erano caratterizzati dall'accostamento della pelle blu con inserti di pelle azzurra.

Fine della produzione[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 1997 anche la Ghibli, ultima della stirpe delle Biturbo V6, uscì di scena, dopo 2.380 esemplari costruiti.

Questa coupé due porte cinque posti era costruita per essere veloce e confortevole allo stesso tempo, nel classico stile delle gran turismo prodotte da Maserati.

Tuttavia il numero degli acquirenti fu limitato, e ancora di meno erano quelli che la usavano quotidianamente, per il timore di problemi di affidabilità presenti sulle Maserati che l'avevano preceduta. In effetti la maggior parte dei difetti erano stati superati già con la versione "i" (efficace controllo della pressione di sovralimentazione, componenti interni, carburazione, trattamenti antiruggine etc.), mentre a partire dalla 2.24v, la Biturbo, pur non raggiungendo picchi di affidabilità estrema (ma va tenuto conto della complessità meccanica e delle prestazioni) non aveva più grossi difetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili