Maserati Tipo 4CTR/4CS 1100

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maserati 4CTR/4CS 1100
Maserati 4CTR-4CS.jpg
Una Maserati 4CTR/4CS durante una competizione
Descrizione generale
Costruttore Italia  Maserati
Produzione dal 1931 al 1936
Esemplari prodotti 5[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3680 mm
Larghezza 1480 mm
Altezza 1350 mm
Passo 2450 mm
Massa 700[1] kg

La 4CTR/4CS 1100 è una autovettura biposto da competizione costruita dalla Maserati dal 1931 al 1936[1]. L'esordio nelle gare è stato il 12 aprile 1931 alla Mille Miglia[1].

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Una nuova serie di competizioni per le auto di piccole dimensioni aveva soppiantato la classe cyclecar, e così Alfieri Maserati decise di progettare un modello leggero e scattante che fosse fornito di un propulsore da quattro cilindri di facile manutenzione[1].

La prima versione del motore fu denominata “4CTR”, sigla che voleva dire “quattro cilindri testata riportata” (ciò significava che la testata del cilindro poteva essere tolta)[1]. Il prototipo guidato dai piloti Tuffanelli-Bertocchi vinse nella propria classe e risultò ventesimo nella classifica generale della Mille Miglia del 1932[1]. Nello stesso anno furono introdotte due varianti, la monoposto 4CM e la biposto sportiva 4CS[1]. La versione da strada fu studiata per competere in gare come la Mille Miglia, dove conquistò quattro vittorie di categoria[1]. Nel 1934 il pilota Piero Taruffi arrivò quinto in classifica generale, battendo anche avversari con veicoli più potenti[1].

Il propulsore sovralimentato da 4 cilindri aveva la corsa lunga, un doppio albero a camme in testa ed erogava una potenza compresa tra i 90 ed 115 CV da 5300 a 6000 giri al minuto[1]. Sulle ruote da 17 pollici erano montati pneumatici di marca Pirelli[1]. Nel 1935 furono installati freni idraulici e fu presentata una nuova carrozzeria con l'innalzamento dei tubi di scarico[1]. Il consumo di benzina era di 25 L ogni 100 km[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

L'accensione era singola con magnete Scintilla o Bosch[1]. L'alimentazione era forzata con compressore tipo Roots[1]. Il motore era in linea a quattro cilindri con una cilindrata di 1088,4 cm³[1]. L'alesaggio e la corsa erano rispettivamente di 65 e 82 mm[1]. La distribuzione era a due valvole per cilindro disposte a V di 90°, con doppio albero a camme in testa[1]. Il rapporto di compressione era compreso tra 5,1 e 5,6 a uno[1]. Il sistema di raffreddamento era a circolazione d’acqua con pompa centrifuga[1].

I freni erano a tamburo con comando meccanico, dal 1935 idraulico[1]. La lubrificazione era forzata con pompe di mandata e recupero[1]. Le sospensioni erano a balestra con ammortizzatori a frizione[1]. Lo sterzo era a vite senza fine con settore dentato[1]. La trasmissione era provvista di un cambio a quattro velocità più la retromarcia[1].

La carrozzeria era biposto o corsa in alluminio.[1]. Il telaio era formato da due longheroni e traverse in profilati d'acciaio[1].

Il modello raggiungeva la velocità massima di 150 km/h[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac Dal sito ufficiale Maserati – Specifiche tecniche della 4CTR/4CS 1100, su maserati.it. URL consultato l'11 aprile 2010.
Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili