Maserati 8CTF

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maserati 8CTF
1938 Maserati 8CTF.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Maserati
Produzione Dal 1938 al 1939
Squadra Maserati Squadra Corse
Progettata da Ernesto Maserati
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Due longheroni in profilati d'acciaio con traverse
Motore Maserati, 8 cilindri verticali in linea benzina, 2991,4 cc
Trasmissione 4 rapporti più la retromarcia
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4100 mm
Larghezza 1520 mm
Altezza 1100 mm
Passo 2720 mm
Peso 780[1] kg
Altro
Pneumatici Pirelli, Firestone
Risultati sportivi
Debutto 15 maggio 1938, Gran Premio di Tripoli
Piloti Wilbur Shaw

La 8CTF è una autovettura monoposto da competizione costruita dalla Maserati dal 1938 al 1939[1]. È stata l'unica vettura italiana a vincere la 500 Miglia di Indianapolis (esclusa la Dallara, che fornisce solo i telai, ma non le motorizzazioni).

Il contesto generale e le competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il modello nacque dopo che Adolfo Orsi rilevò la Maserati, risolvendo in questo modo i problemi economici che la Casa automobilistica del tridente possedeva. Ernesto Maserati non fu più così vincolato da questioni di bilancio nella progettazione dei suoi modelli, e concepì un 3 litri sovralimentato dove, per questa tipologia di alimentazione, aveva accumulato una buona esperienza[1]. La sigla “8CTF” significava[1]:

  • 8C: il numero totale dei cilindri, che erano otto;
  • T: “testa”;
  • F: “fissa”.

La sua caratteristica principale era nell'avere un gruppo d'alimentazione indipendente per ogni serie di quattro cilindri. Montava quindi due compressori di tipo Roots. Dopo successivi miglioramenti, nel 1939, il motore arrivò ad erogare una potenza di ben 366 CV[1]. Un'altra peculiarità che la 8CTF possedeva, era che il serbatoio dell'olio fungeva anche da traversa centrale del telaio.

Il modello debuttò il 15 maggio 1938 al Gran Premio di Tripoli con ottime prestazioni ma fallendo nel risultato finale. A causa dell'avvicinarsi della seconda guerra mondiale, le gare si diradarono notevolmente, compromettendo così lo sviluppo della vettura[1].

Con alla guida Wilbur Shaw, la 8CTF conquistò due edizioni della 500 Miglia di Indianapolis, nel 1939 e nel 1940[1]. La vettura che si aggiudicò le due edizioni della prestigiosa competizione fu soprannominata Boyle Special[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

L'accensione era singola con magnete tipo Scintilla. L'alimentazione era forzata con due compressori tipo Roots accoppiati a due carburatori di marca Memini e di modello MA12, montati a monte dei compressori stessi. La distribuzione era a due valvole per cilindro disposte a 90°, con doppio albero a camme in testa. La lubrificazione era forzata con pompe di mandata e recupero. Il sistema di raffreddamento era a circolazione d’acqua con pompa centrifuga[1].

Il motore era un otto cilindri in linea verticali di 2991,4 cm³ di cilindrata. L'alesaggio e la corsa erano rispettivamente di 69 mm e 100 mm, mentre il rapporto di compressione era di 6,5:1. La potenza massima erogata era compresa tra i 350 ed i 366 CV a 6300 giri al minuto[1].

I freni erano a tamburo sulle ruote con comando idraulico. Le sospensioni anteriori erano a ruote indipendenti e barre di torsione, mentre quelle posteriori erano con balestre. Entrambe montavano anche una barra stabilizzatrice e ammortizzatori a frizione (idraulici per le seconde). Lo sterzo era a vite senza fine con settore dentato, mentre la trasmissione era formata da un cambio a quattro rapporti più la retromarcia[1].

La carrozzeria era monoposto in alluminio, mentre il telaio era formato da due longheroni in profilati d'acciaio con traverse[1].

La 8CTF raggiungeva una velocità massima di 290 km/h[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Dal sito ufficiale Maserati – Specifiche tecniche della 8CTF, su maserati.it. URL consultato il 14 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2011).
  2. ^ Dal sito ufficiale Maserati – La "Boyle Special", su maserati.it. URL consultato il 16 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti