Marshall Law

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marshall Law
Lawmtk.png
Marshall Law nel suo finale in Tekken 5
UniversoTekken
Lingua orig.Giapponese
StudioNamco
1ª app.9 dicembre 1994
1ª app. inTekken
app. it.novembre 1995
Interpretato daCung Le Tekken (film)
Voci orig.
SpecieTerrestre
SessoMaschio
EtniaAmericana
Luogo di nascitaStati Uniti
Data di nascita5 maggio 1959
AbilitàJeet Kune Do

Marshall Law è un personaggio immaginario della serie di videogiochi Tekken. Marshall appare in tutti i capitoli della saga salvo in Tekken 3 dove è sostituito dal figlio.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tekken[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Marshall Law, chiamato anche "il drago leggendario", lavora in un ristorante a San Francisco e sogna di aprire il proprio dojo; difatti lui è un esperto di arti marziali. Law partecipa al torneo per aprire la sua palestra e diventare famoso.

Sub-boss di Law è Wang Jinrei. Law è sub-boss di stage 8 Wang Jinrei.

[modifica | modifica wikitesto]

Marshall vince il torneo e ottiene il suo dojo.

Tekken 2[modifica | modifica wikitesto]

Prologo[modifica | modifica wikitesto]

Anche se ha pareggiato con Wang Jinrei nel torneo precedente Marshall riuscì ad aprire il suo dojo. Tuttavia i suoi studenti furono attaccati da un brigante assunto dalla Mishima Zabaiatsu(Baek Doo San). Law si iscrive al King of Iron Fist 2 per sconfiggere Baek e vendicare i suoi studenti.

Sub-boss di Law é Baek Doo San.Law è sub-boss di stage 8 Baek Doo San.

Epilogo[modifica | modifica wikitesto]

Marshall e Paul sono nel suo dojo. Marshall esegue un calcio roteante e lo fa perfettamente, Lo fa anche Paul, ma mentre prova a farlo atterra sullo stomaco e si fa male.

Tekken 3[modifica | modifica wikitesto]

È confermato che in Tekken 2 è riuscito a sconfiggere Beak Do San. Qui Marshall appare come in tutti i capitoli e si presume che in tekken tag tournement c'è anche suo figlio Forest Law, anche amico di Paul Phoenix.

Tekken 4[modifica | modifica wikitesto]

Prologo[modifica | modifica wikitesto]

Il dojo e la catena di ristoranti di Marshall falliscono, ed egli, abbandonato anche dal figlio Forest, si dà alcool e all'ozio. Un giorno gli viene recapitato un volantino pubblicitario, contenente l'annuncio dell'imminente "The King of Iron Fist Tournament 4", o Tekken 4, al quale decide di iscriversi per riacquistare la fama di una volta.

Epilogo[modifica | modifica wikitesto]

Marshall vince il torneo riuscendo a riaprire la catena di ristoranti che però, per colpa di alcuni clienti difficili che gli fanno perdere la calma, deve nuovamente chiudere. Ma Marshall ritrova lo stesso spirito di una volta riaprendo il suo dojo.

Tekken 5[modifica | modifica wikitesto]

Prologo[modifica | modifica wikitesto]

Il dojo di Marshall subisce un calo di iscrizioni, sommergendolo di debiti, e il figlio Forest fa un incidente con la motocicletta di Paul. Marshall non ha i soldi per curare suo figlio, ma sente parlare del "The King of Iron Fist Tournament 5", o Tekken 5. Marshall decide di iscriversi, e usare i soldi vinti per annullare i debiti e curare suo figlio.

Sub-boss di Law é Paul Phoenix. Marshall Law è sub-boss di Stage 4 Beak Doo San.

Epilogo[modifica | modifica wikitesto]

Marshall uccide Jinpachi Mishima, e riesce ad annullare i debiti e a salvare suo figlio spendendo tutti i soldi vinti. Quando Marshall spende i suoi ultimi soldi, gli si presenta Paul su una bicicletta malandata con i debiti per la sua motocicletta andata distrutta nell'incidente. Marshall, ormai senza soldi, lo colpisce e scappa via terrorizzato sapendo di non aver più soldi.

Tekken 6[modifica | modifica wikitesto]

Prologo[modifica | modifica wikitesto]

Avendo saputo del sesto torneo del Pugno d'Acciaio, Marshall, Paul e Steve Fox decidono di iscriversi e di dividere il premio, in caso di vittoria da parte di uno di loro.

I Sub-boss di Law sono messi a caso: Beak Doo San, Craig Marduk, Zafina e Ganryu.

Epilogo[modifica | modifica wikitesto]

Marshall vince il torneo e si reca in una casa di montagna con Paul e Steve per festeggiare. Ma nel preparare la pizza vi versa un lassativo molto potente; così i due amici, avendola mangiata, corrono in bagno mentre Marshall se la svigna con tutti i soldi del premio.

Tekken (film)[modifica | modifica wikitesto]

Da quel che si sa fu il lottatore prediletto dalla gente nel torneo precedente, nel quale sconfisse Paul in 28 secondi. Viene sconfitto da Jin Kazama.

Nota: Questi finali sono di Marshall Law, e potrebbero non valere nei seguenti Tekken.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Marshall Law è ispirato al famoso attore statunitense, cresciuto a Hong Kong, esperto di arti marziali, Bruce Lee. Possiede, inoltre, una vasta gamma di vestiti bonus:
  • Marshall è l'unico personaggio ad apparire in Tekken e Tekken 2 a non apparire in Tekken Tag Tournament e poi apparire nei capitoli successivi.
  • Nel suo finale in Tekken 5 Marshall e Paul combattono come nel gioco, e Law lo sconfigge con un unico colpo.
  • Marshall e suo figlio Forest in Tekken 3 hanno molte mosse in comune.
  • In Tekken 5 e Dark Resurection Marshall ha i baffi, in Tekken 6 gli sono stati tolti per farlo somigliare di più a Bruce Lee, ma ciò nonostante, i suoi baffi sono acquistabili tramite il suo editor.
  • Nome e cognome, letti in inglese, sono praticamente uguali all'inglese "martial law", cioè "legge marziale".
  • Per la prima volta nella serie in Tekken Tag Tournament 2 vede riuniti Marshall Law e suo figlio Forest (anche se si tratta di un capitolo spin-off).
  • Nel videogioco Urban Reign è presente Marshall Law come personaggio giocabile. Prima di usarlo, però, bisognerà sbloccarlo.
  • Marshall Law, come il figlio Forest, pratica Jeet Kune Do, stile inventato dallo stesso Bruce Lee.
  • È apparso in tutti tranne che in un gioco canonico, un atto di valore condiviso con Anna, Kazuya, Lee e Lei.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi