Tekken 4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tekken 4
videogioco
Ekken 4.png
PiattaformaArcade, PlayStation 2
Data di pubblicazioneArcade:
Mondo/non specificato luglio 2001
PlayStation 2:
Giappone 28 marzo 2002
Flags of Canada and the United States.svg 23 settembre 2002
Zona PAL 13 settembre 2002
GenerePicchiaduro a incontri, Picchiaduro a scorrimento
SviluppoNamco
PubblicazioneNamco, Namco Hometek (PS2 in Nord America), SCEE (PS2 in Europa)
IdeazioneHajime Nakatani
SerieTekken
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputDualShock 2
Supporto1 DVD
Fascia di etàaDeSe: +13 · CEROB · ELSPA: 11+ · ESRBT · OFLC (AU): M15+ · PEGI: 12 · USK: 12 · VET: 15
Preceduto daTekken 3
Seguito daTekken 5
Specifiche arcade
CPUNamco System 246
SchermoOrizzontale
Periferica di inputJoystick 8 direzioni, 4 pulsanti

Tekken 4 (鉄拳4?) è il quarto capitolo della saga di Tekken, serie di videogiochi appartenente alla categoria picchiaduro.

È il primo capitolo della serie a fornire un testo introduttivo diverso per ciascun personaggio all'inizio della modalità Storia. La Namco concede inoltre il salvataggio degli incontri, in modo da poter rivivere i match più emozionanti. Troviamo una maggior cura dei personaggi e sfondi interattivi, che possono in alcuni punti esser demoliti dai giocatori stessi (riflessi acquatici o colonne di marmo che si frantumano) durante l'incontro.

Inoltre da questa serie in poi, i personaggi non avranno più un loro stage personale, tranne che per i boss.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono passati due anni dal King of Iron Fist Tournament 3: Jin è fuggito in Australia, rinnegando ogni cosa dei Mishima (tra cui lo stile di combattimento), ed Heihachi ha ordinato ai suoi ricercatori di raccogliere il sangue di Ogre, ormai dissoltosi, dai suoi tessuti. Durante la ricerca, gli balza agli occhi una foto vecchia di 20 anni. Questa foto mostra un uomo mezzo bruciato, con delle protuberanze uscenti dalle spalle. Lo riconosce. È Kazuya Mishima, che credeva morto tempo fa. Le scottature sono, evidentemente, l'ultima eredità della caduta nel vulcano.

Kazuya, qualche giorno dopo la finale persa, fu recuperato dagli uomini e scienziati della G-Corporation, che si proponevano di studiare il suo DNA demoniaco. Lo stesso Mishima era interessato a questi studi, poiché egli stesso bramava di conoscere a fondo la potenza del suo gene, per poi magari controllarlo a suo piacimento e farne un'arma letale per battere suo padre. Così, acconsentì a sottoporsi agli esperimenti della G-Corporation. Le ricerche partirono bene, poi si bloccarono ad un punto morto. Anche dopo 20 anni si era in fase di stallo, di attesa.

Così, Heihachi invia un corpo di Tekken Force per rubare i dati su cui Kazuya e la G-Corporation stavano lavorando da tempo. Ma le cose non vanno come da lui previsto, infatti suo figlio, assunte forme semi-demoniache, stermina letteralmente tutta l'armata del padre. I pochi superstiti installano una bomba nel laboratorio della G-Corp. e si lasciano esplodere. Kazuya Mishima, furibondo per la nuova intromissione del genitore, sparisce nelle fiamme e medita vendetta.

Poco tempo dopo, Heihachi prepara una trappola e annuncia il Tekken 4, con il solo scopo di attirare Jin e Kazuya, per catturarli ed impossessarsi del loro gene demoniaco. Quest'ultimo capisce le intenzioni del padre, ma decide di iscriversi e rischiare il tutto per tutto: è l'occasione per sistemare i conti di famiglia una volta per tutte.

Come al solito, però, la trama vede protagonisti anche altri personaggi: Steve Fox, un pugile britannico, vuole scoprire il suo passato (scoprirà in seguito di essere il figlio di Nina Williams), il successore di King, King II (un bimbo dell'orfanotrofio), vuole uccidere Craig Marduk, assassino di Armor King. Paul Phoenix, che in Tekken aveva strappato un pareggio a Kazuya, vuole lavare l'onta. Yoshimitsu partecipa per mettere mano al patrimonio Mishima e utilizzarlo per beneficenza, Christie Monteiro partecipa per cercare Eddy Gordo.

Inizia così una battaglia su tre fronti (Heihachi-Kazuya-Jin), arricchita da new-entry e vecchie glorie.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nuovi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Vecchi personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Caselle iniziali: 10. Caselle da sbloccare: 9. Caselle totali: 19. Variazioni: 4 (Eddy, Panda, Miharu, Lee). Personaggi totali (comprese le variazioni): 23.

Finali[modifica | modifica wikitesto]

Completando il torneo con ciascun personaggio si sbloccherà il suo finale ovvero cosa sarebbe accaduto se quel determinato personaggio avesse partecipato e/o vinto il torneo diventando il nuovo proprietario della Mishima Zaibatsu.

  • Bryan Fury: dopo la vittoria al torneo, Bryan si reca nei laboratori della Mishima Zaibatsu per trovare e uccidere Abel. Tuttavia dopo averlo gravemente ferito, Bryan non riesce a finirlo poiché perde le forze e sviene. Successivamente viene salvato da Yoshimitsu che lo conduce dal Dr. Bosconovitch che gli rivela che loro ed il Manji Clan hanno bisogno del suo aiuto e che la chiave per sconfiggere Abel e i suoi collaboratori è racchiusa nel suo sangue. Bosconovitch promette quindi di fornire a Bryan un nuovo corpo rendendolo più potente e longevo rendendolo un cyborg in cambio del suo corpo originale. Bryan acconsente e così Bosconovitch addormenta Bryan con un'iniezione dicendogli che quando si sveglierà a lui sembrerà passato un secondo mentre in realtà sarà trascorso un anno intero.
  • Eddy Gordo: Eddy condivide lo stesso finale di Christie. Dopo aver assistito alla vittoria di Christie al torneo, viene raggiunto dalla sua amica e allieva che lo abbraccia.
  • Heihachi Mishima: Heihachi dopo essersi riconfermato il Re del Torneo del Pugno di Ferro sconfiggendo in finale suo figlio Kazuya, conduce quest'ultimo all'interno del complesso Honmaru. Qui Heihachi ha già imprigionato suo nipote Jin, e vuole fare lo stesso con Kazuya. Heihachi riesce nell'intento grazie a delle speciali catene che neutralizzano il potere del Gene del Diavolo di Kazuya. Adesso Heihachi potrà condurre tutti gli studi che vuole su di loro ed il loro potere demoniaco.
  • Hwoarang: pur avendo vinto il torneo Hwoarang è insoddisfatto poiché non è riuscito ad affrontare il suo amico e rivale Jin Kazama. Così decide di vendere subito la Mishima Zaibatsu ad un'altra compagnia e raggiungere Jin nei parcheggi per sfidarlo ad un incontro amichevole. Hwoarang prevale nel combattimento, ma successivamente i due vengono raggiunti da alcuni soldati armati che tentano di catturare Hwoarang in quanto disertore, avendo lasciato il servizio militare per iscriversi al torneo. Jin e Hwoarang mettono tutti KO e prima di fuggire Hwoarang dice a Jin che gli concederà la rivincita al prossimo torneo.
  • Jin Kazama: dopo essere arrivato in semifinale contro il suo rinnegato padre, Kazuya Mishima, Jin viene attaccato da diversi soldati della Tekken Force della Mishima Zaibatsu, inviati da suo nonno Heihachi per rapirlo. Malgrado una strenue resistenza Jin viene alla fine catturato dalla Tekken Force, il che lo costringe a non presentarsi all'incontro contro Kazuya e a dare forfeit al torneo venendo squalificato. Dopo essere stato tenuto sedato e segregato nel complesso Honmaru, qualche giorno dopo viene ritrovato da suo padre Kazuya che tenta di risvegliare il potere del Gene del Diavolo presente in lui per assorbirlo. Tuttavia si rende conto che per farlo deve utilizzare la sua forma umana, così è costretto a liberare Jin e a fargli riprendere i sensi. Jin affronta così suo padre e lo sconfigge. Successivamente viene sfidato pure da suo nonno Heihachi che tenta anch'egli di appropriarsi del suo potere ma senza successo. Jin dopo aver battuto Heihachi si trasforma in Devil Jin e tenta di ucciderlo ma il vivido ricordo di sua madre, Jun Kazama, lo dissuade dal diventare malvagio come suo padre e suo nonno. Così Devil Jin abbandona i parenti rinnegati e spicca il volo.
  • Julia Chang: dopo aver vinto il torneo e aver preso possesso della Mishima Zaibatsu, Julia ha accesso alle ricerche della compagnia e anche ad alcune della G Corporation. Julia vorrebbe servirsene per salvare le foreste della Terra e riforestare il pianeta ma indagando scopre che la compagnia sta studiando un componente genetica rara chiamata Gene del Diavolo. Chi la possiede assume un potere pericolosissimo che potrebbe anche distruggere l'intera umanità. Julia vuole quindi eliminare tali ricerche ma lo scienziato Abel tenta di impedirglielo. Julia riesce comunque nell'intento e dopo aver distrutto tutte le ricerche sul Gene del Diavolo fugge dai laboratori della Mishima Zaibatsu evitando i colpi di pistola di Abel. Successivamente Julia giura di trovare comunque un modo per riforestare il pianeta.
  • Kazuya Mishima: Kazuya passa il turno di semifinale contro suo figlio Jin Kazama a causa del ritiro dal torneo di quest'ultimo. In finale sconfigge suo padre Heihachi e in virtù della sua vittoria lo costringe a rivelargli cosa ne è stato di suo figlio Jin. Così Heihachi lo conduce quindi nel complesso Honmaru dove Kazuya ritrova suo figlio Jin. Successivamente Kazuya mette fuori combattimento Heihachi con i poteri psichici della sua trasformazione in Devil, nel quale si era parzialmente trasformato per assorbire il Gene del Diavolo di suo figlio Jin e completare così la sua trasformazione, potenziandosi. Ma quando tenta di assorbire i poteri di Jin si rende conto che qualcosa glielo impedisce. In un primo momento Devil crede che il suo alter-ego, Kazuya, gli stia impedendo di fare del male a Jin e di assorbirne i poteri, per via del fatto che in lui percepisce la presenza del sangue della sua ex compagna nonché madre di Jin, Jun Kazama, che gli fa provare pietà per suo figlio. Dopo aver faticato a contenere la personalità di Kazuya, Devil si rende conto che il suo alter-ego è in realtà deciso quanto lui ad impadronirsi dei poteri di suo figlio e che gli stava solo facendo capire che per assorbirli deve essere lui stesso, nella sua forma umana, a sconfiggere Jin. Infatti solo dopo aver provato di essere superiore a suo figlio, il Gene del Diavolo di quest'ultimo avrebbe permesso a Kazuya di farsi assorbire. Quindi Devil lascia a Kazuya il controllo del suo corpo, il quale libera suo figlio Jin e lo sfida in combattimento per appropriarsi dei suoi poteri. Dopo aver sconfitto Jin, Kazuya assorbe il suo gene demoniaco ed è ora in grado di trasformarsi completamente in Devil. Senza più ostacoli, Kazuya distrugge il complesso Honmaru facendolo scomparire nel nulla uccidendo tra gli altri anche suo padre e suo figlio. Dopo tale episodio, viene detto che la Mishima Zaibatsu scomparì dalla faccia della terra e che nessuno riuscì mai a capire cosa accadde quel giorno nel complesso Honmaru e chi o cosa ne causò la scomparsa.
  • King: vinto il torneo, King dona le vaste fortune della Mishima Zaibatsu ai bambini orfani e poveri del mondo. Successivamente si reca all'ospedale dove il suo rivale, Craig Marduck (che ha ucciso il suo mentore Armor King), si trova ricoverato dopo la sconfitta che King stesso gli ha inflitto al torneo. King vorrebbe eliminare Marduck ma nota accanto al suo letto una foto di lui assieme ai suoi genitori, al che prova pietà per il suo nemico e decide di risparmiarlo lasciandolo vivere.
  • Kuma: dopo aver vinto il torneo Heihachi fa "firmare" al suo fido grizzly Kuma una serie di contratti facendogli stampare l'impronta della sua zampa su alcuni fogli che attestano che ogni proprietà posseduta da Heihachi diverrà ora di Kuma. Kuma si diverte un mondo e mentre "firma" i contratti balla in maniera esilarante. Credendolo uno stupido, Heihachi passa a Kuma un ultimo foglio in cui vi è scritto che ogni proprietà di Kuma sarà, in realtà, sempre controllata da Heihachi. Kuma però se ne accorge e non appone la sua impronta sull'ultimo foglio ma sulla faccia dello stesso Heihachi che rimane incredulo.
  • Lee Chaolan: dopo la vittoria del torneo, Lee presenta al pubblico la sua nuova invenzione, Combot, un robot in grado di riprodurre diversi still di combattimento. Tuttavia appena presentato Combot inciampa su un gradino dello stage del torneo e cadendo i suoi circuiti vengono danneggiati, il che lo porta ad attaccare Lee stesso che è costretto ad affrontare il suo robot. Sconfitto Combot Lee sfrutta le risorse della Mishima Zaibatsu, di cui è ora il proprietario per migliorare il robot e testarlo contro Heihachi. La sua assistente gli riferisce che il nuovo Combot ha raggiunto e addirittura superato i risultati sperati ed è ora in grado di riprodurre innumerevoli stili combattivi, il che lascia Lee molto soddisfatto della sua creazione.
  • Lei Wulong: questo finale è connesso con quelli di Nina Williams e Steve Fox. Vinto il torneo il detective Lei sfrutta la Mishima Zaibatsu per scoprire l'identità e il nascondiglio dell'assassino assunto dal Sindacato della compagnia per uccidere Steve Fox. Scoperto che l'assassino è Nina Williams e che alloggia in un hotel in città, Lei si reca sul posto per arrestarla. Nina riesce tuttavia a fuggire ma per strada si ferma quando incontra Steve Fox, ciò da modo a Lei di ferirla separandola ad una gamba anche se il detective viene successivamente messo KO da un placcaggio di Steve Fox che lo credeva un criminale. Tuttavia grazie a lui, Nina viene arrestata e alla fine Lei legge sui giornali del suo successo. Inoltre la confessione dell'assassina ha fatto cadere tutta l'organizzazione nota come il Sindacato della Mishima Zaibatsu, al soldo di Heihachi. Soddisfatto Lei ammicca a se stesso, felice.
  • Ling Xiaoyu: nessuno avrebbe mai ritenuto nemmeno lontanamente possibile che la giovane Xiaoyu potesse battere Heihachi e diventare la nuova Leader della Mishima Zaibatsu. Quando ciò accadde tutti vennero colti alla sprovvista e Xiaoyu poté rivelare pubblicamente i piani malvagi di Heihachi e della Zaibatsu. Xiaoyu, ora a capo della compagnia, decise di cambiarne l'immagine e usarla per fare del bene. Sei mesi dopo la sua amica Miharu la va a trovare e Xiaoyu le chiede di lavorare per lei ed aiutarla a costruire un Luna Park. Le due parlano anche animatamente di Jin e sul come sia importante coltivare i propri sogni.
  • Marshall Law: Law usa la fortuna dell'appena vinta Mishima Zaibatsu per riaprire il suo ristorante. Tuttavia uno dei suoi clienti critica la sua cucina e da una semplice discussione, scaturisce una rissa con Law che malmena il malcapitato, venendo pertanto denunciato e costretto a chiudere definitivamente il suo ristorante. Law abbandona quindi il suo sogno di diventare un cuoco famoso e sfrutta le ricchezze della Mishima Zaibatsu per aprire invece un suo dojo dove insegna le sue tecniche di arti marziali.
  • Nina Williams: questo finale è connesso con quelli di Lei Wulong e Steve Fox ma cambia il risultato finale del filmato. L'intento di Nina non era vincere il torneo ma seguire il suo bersaglio Steve Fox ed eliminarlo. Mentre riceve nuove informazioni su di lui dall'organizzazione che l'ha assunta, il Sindacato scopre che Steve fu fatto nascere in provetta dai geni di una donna sottoposta per anni ad un sonno criogenico. Al che capisce di essere lei sua madre. Al momento dell'assassinio di Steve, rinuncia quindi ad eliminarlo, ma nel frattempo arriva il poliziotto Lei Wulong ad arrestarla. Nina si da alla fuga ma mentre scappa incontra suo figlio Steve e non può fare a meno di fermarsi a guardarlo. Nel frattempo arriva Lei che tenta di spararla ma Steve la sposta buttandosi addosso a Nina. Nina lo ringrazia e può quindi a scappare con Lei che continua ad inseguirla.
  • Panda: dopo la vittoria del torneo, Panda capisce che la sua migliore amica Ling Xiaoyu desidera tanto mettersi alla ricerca del suo amico Jin Kazama, per il quale ha una cotta. Panda quindi decide di usare i soldi della Zaibatsu per aiutare l'amica a ritrovare Jin e seguirlo in giro per il mondo, decidendo seppur a malincuore di farla partire da sola.
  • Paul Phoenix: dopo aver perso il torneo precedente per un soffio, Paul è entusiasta di aver vinto il nuovo torneo conquistando il bramato titolo di campione mondiale indiscusso. Avendo vinto il Tekken 4, Paul ha adesso anche il controllo della Mishima Zaibatsu. Tuttavia decide di lasciare ad Abel e ad altri i poteri direttivi e decisionali della compagnia diventando nient'altro che un fantoccio nella sua posizione di amministratore delegato. Paul dal canto suo non è dispiaciuto di ciò, ed anzi sfrutta i soldi della Zaibatsu per passare il suo tempo a divertirsi con donne, alcool e feste, fino a quando non rimane nulla in lui del suo spirito ribelle e combattivo. Un giorno passando davanti al dojo del suo vecchio amico Marshall Law, però, sente nostalgia delle arti marziali e della sua vecchia vita. All'improvviso si ricorda di chi è veramente e decide pertanto di abbandonare le ricchezze acquisite per tornare il motociclista amante delle arti marziali che era un tempo. Questo finale è quindi connesso con quello di Law anche se qui è Paul ad aver vinto il torneo.
  • Yoshimitsu: dopo aver vinto il torneo, Yoshimitsu si reca da Heihachi per farsi consegnare la leadership della Mishima Zaibatsu. Tuttavia Heihachi lo fa minacciare dai suoi uomini con delle pistole, e gli riferisce che non consegnerà mai la sua compagnia ad un membro del Manji Clan, reputandoli solo un branco di truffatori ciarlatani. Yoshimitsu intima a Heihachi che quelli come lui, che hanno imboccato la via della malvagità, alla fine riceveranno la giusta punizione. Per tutta risposta Heihachi gli ride in faccia, schernendolo, ma nello stesso istante viene informato dai suoi uomini che i membri del Manji Clan hanno sollevato l'intera camera blindata della Mishima Zaibatsu con un elicottero. Il Manji Clan ha quindi rubato alla compagnia tutto il suo denaro, grazie a Yoshimitsu che ha distratto Heihachi e i suoi uomini. Yoshimitsu aveva già previsto il tradimento di Heihachi e pianificato tutto. Furioso, Heihachi ordina ai suoi uomini di aprire il fuoco contro Yoshimitsu, ma l'armatura di quest'ultimo si dimostra invulnerabile ai proiettili. Successivamente dopo aver creato un diversivo con una bomba fumogena, Yoshimitsu spicca il volo e fugge dall'edificio mentre Heihachi lo maledice e giura vendetta nei suoi confronti.
  • Christie Monteiro: dopo la vittoria al torneo, Christie viene raggiunta da molti giornalisti che tentano di intervistarla mentre la stanno premiando con il titolo di campionessa del Tekken 4. Tuttavia tra il pubblico la giovane ragazza nota il suo maestro, Eddy Gordo, che non ha potuto partecipare in quanto infortunato ad un braccio. Così noncurante dei giornalisti, Christie, finalmente ritrovato il suo amico corre ad abbracciarlo appassionatamente.
  • Combot: dopo la vittoria del torneo, il creatore di Combot, Lee Chaolan si reca al torneo per congratularsi con lui e farsi consegnare il controllo della Mishima Zaibatsu, ma Combot lo inganna e dopo averlo immobilizzato lo umilia davanti a tutti sculacciandolo per poi continuare a festeggiare la sua vittoria.
  • Craig Marduk: a Marduk non diede alcuna soddisfazione vincere il torneo, contrariamente a ciò che pensava. Ignorò completamente l'aver vinto la Mishima Zaibatsu e tornò al suo vecchio ring di Vale Tudo a ricordare i bei tempi in cui vi combatteva. Qui il nuovo campione di Vale Tudo regionale lo sfida, ma Marduk se ne libera con una sola testata e dopo avergli intimato di restare a terra lo calpesta e se ne va via.
  • Miharu Hirano: Miharu condivide lo stesso identico finale di Long Xiaoyu, dove è stata quest'ultima a vincere il torneo e a prendere possesso della Mishima Zaibatsu con l'intento di costruire un Luna Park a suo nome.
  • Steve Fox: questo finale è connesso con quelli di Nina Williams e Lei Wulong ma presenta svariate differenze con questi. Heihachi e Abel, tuttavia, non sono preoccupati della vittoria di Steve al torneo e della sua acquisizione della compagnia, dato che sanno che verrà eliminato a breve dai loro assassini, e quindi il controllo della Mishima Zaibatsu tornerà nelle loro mani dopo che l'attuale campione, Steve verrà ucciso. Tuttavia nei laboratori della Mishima Zaibatsu, Steve riesce a scoprire che lui nacque in provetta dai geni di Nina Williams, una donna bionda che aveva già affrontato al torneo. Mentre è in limousine le sue guardie del corpo sono state sostituite da due sicari che tentano di eliminarlo, ma Steve viene aiutato a sbarazzarsene a distanza da Nina che li spara con un fucile da cecchino. Steve rincorre Nina per avere notizie su di lei, ma quest'ultima non si fa avvicinare puntandogli contro una pistola. Al che li raggiunge un poliziotto Lei Wulong che tenta di arrestare Nina. Steve però si sdebita con lei per avergli salvato la vita buttando a terra Lei e mantenendolo fermo dandole così modo di scappare.

[modifica | modifica wikitesto]

Come rivelato nel seguito di questo gioco (Tekken 5), il vero epilogo del quarto torneo di Tekken è un misto dei finali di Heihachi, Kazuya e Jin. Infatti la prima parte del finale combacia con quello di Heihachi, con quest'ultimo che batte Kazuya riconfermandosi campione di Tekken e poi lo conduce nel complesso Honmaru per imprigionarlo insieme a Jin. Successivamente, però, avviene quanto mostrato nel finale di Kazuya con questi che con i poteri di Devil mette fuori combattimento il padre per poi tentare di assorbire la forza demoniaca di suo figlio, Jin. In seguito il finale è quello di Jin dove quest'ultimo viene risvegliato dal padre e gli si oppone sconfiggendo sia lui che suo nonno Heihachi. Successivamente anche se trasformato in Devil Jin decide di risparmiare ad entrambi la vita grazie al ricordo di sua madre Jun.

Altri finali che combaciano con la continuity della serie ma con alcune divergenze sono quelli di Bryan Fury, Nina Williams e King. Il finale di Bryan viene confermato interamente canonico, sebbene non la sua vittoria al torneo, ma solo la parte in cui quest'ultimo, aggredisce Abel e poi perde le forze venendo salvato da Yoshimitsu che lo conduce nel laboratorio di Bosconovitch. A quanto pare successivamente Bryan ha tradito Yoshimitsu, Bosconovitch e il Manji Clan uccidendo molti membri di questi ultimi e ferendo gravemente Bosconovitch dopo che gli aveva fornito un nuovo corpo più potente del precedente. Yoshimitsu giurò per tanto di eliminarlo per vendicarsi dell'affronto. Fu allora che nacque la rivalità tra Yoshimitsu e Bryan Fury.

I finali di Nina, Steve e Lei, sono parzialmente in continuity con la serie. Oltre al fatto che nessuno di loro vinse il torneo, viene detto in Tekken 5, che fu il Sindacato stesso a dirle che il suo bersaglio, Steve Fox, era suo figlio contando sulla noncuranza con cui ella svolgeva le sue missioni. Ma alla fine Nina si rifiutò di eliminare Steve. Successivamente Lei Wulong rivelò a Steve che Nina era sua madre, e riuscì comunque a sgominare il Sindacato arrestandone i componenti.

Il finale di King combacia perfettamente con Tekken 5, con la differenza che viene detto che King non vinse il quarto torneo ma si ritirò dopo aver sconfitto Marduck per ucciderlo all'ospedale dove lo avevano ricoverato dopo lo scontro. Tuttavia alla fine capì che la vendetta non era la soluzione e che non gli avrebbe portato alcuna gioia. Successivamente King viene sfidato ad un re-match da Marduck in Tekken 5.

Gli altri finali non coincidono con la continuity della serie e sono quindi da considerarsi come mai accaduti. In Tekken 5, però, abbiamo notizie dei risultati circa alcuni degli incontri che si sono svolti canonicamente in Tekken 4, come la vittoria di Kazuya Mishima su Lee Chaolan e la vittoria di Kuma su Paul Phoenix. Veniamo anche a sapere che Hwoarang arrivò ai quarti di finale ma fu costretto ad abbandonare il torneo quando fu arrestato dall'esercito Coreano, per essere un disertore.

Tekken Force[modifica | modifica wikitesto]

Modalità di gioco lanciata dal terzo capitolo della saga, dove in questo episodio viene esaltata dalla potenza grafica della PlayStation 2.

Una volta scelto il personaggio si devono affrontare gli scagnozzi di Heihachi Mishima con un boss di fine livello, raccogliendo i vari bonus rinforzanti lungo la strada.

È di sicuro un buon allenamento agli incontri singoli, in quanto richiede velocità e prontezza di riflessi legata ad una buona conoscenza tecnica del personaggio.

Sono presenti quattro livelli:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]