Margherita d'Inghilterra (1275-1318)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Margherita d'Inghilterra
MargaretEngland.jpg
Duchessa consorte di Lorena e del Brabante
In carica 1294 - 1312
Predecessore Margherita di Dampierre
Successore Maria d'Évreux
Nome completo Margherita Plantageneta
Altri titoli Duchessa consorte di Limburgo
Nascita Windsor Castle, 11 settembre 1275
Morte Bruxelles, 11 marzo 1333
Luogo di sepoltura Concattedrale di San Michele e Santa Gudula a Bruxelles
Dinastia Plantageneti
Padre Edoardo I d'Inghilterra
Madre Eleonora di Castiglia
Consorte di Giovanni II di Brabante
Figli Giovanni
Religione cattolica

Margherita Plantageneta o Margherita di Windsor. Margaret in inglese Margarita in spagnolo, in asturiano e in basco, Margarida in galiziano, in portoghese e in catalano, Margalida in aragonese, Marguerite in francese e Margaretha in tedesco e Margarethe in fiammingo (Castello di Windsor, 11 settembre 1275Bruxelles, 11 marzo 1333) principessa d'Inghilterra fu Duchessa consorte di Lorena e del Brabante e Duchessa consorte di Limburgo, dal 1294 al 1312.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, Margherita era la (dodicesima) figlia del re d'Inghilterra e duca d'Aquitania, Edoardo I e di Eleonora di Castiglia[1], figlia secondogenita del re di Castiglia e León, Ferdinando III il Santo e di Giovanna di Dammartin, figlia di Simone de Dammartin, conte d'Aumâle e di Maria, Contessa di Ponthieu (contea nel dipartimento della Somme le cui città principali erano Abbeville e Montreuil-sur-Mer)[2][3].
Edoardo I d'Inghilterra era figlio del re d'Inghilterra e duca d'Aquitania, Enrico III, e di Eleonora di Provenza, che era la figlia secondogenita del conte di Provenza e conte di Forcalquier, Raimondo Berengario IV (11981245), e della moglie, Beatrice di Savoia (12061266), come risulta dalla cronaca del monaco benedettino inglese, cronista della storia inglese, Matteo Paris (12001259), quando ne descrive il matrimonio con il re d'Inghilterra, Enrico III[4] e anche dal documento n° 99 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberger[5]; Beatrice di Savoia, secondo il documento n° 49 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberger, era figlia del Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, Tommaso I[6] (11771233) e della moglie[7], Beatrice Margherita di Ginevra (11801257), che secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium era figlia di Guglielmo I di Ginevra e di Margherita Béatrice di Faucigny[7].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I continuatori della cronaca del monaco Fiorenzo di Worcester[8], menzionano la nascita di Margherita (filiam…Margaret), al Castello di Windsor, nel 1275, figlia della regina Eleonora (Alienora uxor regis, regina Angliæ)[1].

Nel gennaio 1278, suo padre Edoardo I, concordò con il duca di Lorena e del Brabante, Giovanni I, il matrimonio di Margherita con il figli0 di Giovanni I, Giovanni, come viene confermato dalla lettera di Edoardo a Giovanni I del gennaio di quell'anno[9] e delle risposta di Giovanni I ad Edoardo il 6 gennaio di quello stesso anno[10].

Margherita col marito Giovanni II
Nella Grand Place di Bruxelles

Sempre i continuatori della cronaca di Fiorenzo di Worcester riportano che, l'8 luglio 1290, nell'abbazia di Westminster, Margherita (Margaretam filiam regis Anglie) sposò l'erede del ducato del Brabante, Giovanni (Johannes filius et hæres Johannis ducis Brabantiæ, 1275-1312)[11]; la notizia è riportata anche dagli Annales Londonienses[12] e dagli Annales Halysiensibus[13]; Giovanni, secondo la Genealogia Ducum Brabantiæ Ampliata, Giovanni era il figlio maschio secondogenito del duca di Lorena e del Brabante e duca di Limburgo, Giovanni I di Brabante e della moglie, Margherita di Dampierre o di Fiandra[14] (1251-1285), che sia secondo il Iohannis de Thilrode Chronicon che secondo il Iohannis de Thielrode Genealogia Comitum Flandriæ era figlia del Conte di Fiandra e Marchese di Namur, Guido di Dampierre e di Matilde di Bethune[15][16], che secondo gli Annales Blandinienses era figlia ed ereditiera di Roberto VII di Bethune[17], signore di Béthune, Termonde, Richebourg e Warneton, e d'Elisabeth de Morialmez.

Il marito di Margherita, Giovanni succedette al padre come Giovanni II del Brabante, nel 1294: infatti Giovanni I morì, nel 1294: secondo il Balduini Ninovensis Chronicon Giovanni (Iohannis huius nominis primus dux Lotharingie, Brabantie et Lemburgie) morì il 7 marzo (nonas maii)[18]; sempre secondo il Balduini Ninovensis Chronicon lo scontro era avvenuto circa cinque giorni prima della morte del duca, Giovanni I venne sepolto nel coro della chiesa dei Francescani a Bruxelles[19]; secondo il Trophees tant sacres que profanes de la duché de Brabant ..., Volume 1, il duca fu condotto nel suo ducato, dove tentarono inutilmente di curarlo, senza precisare il luogo[20].
Ancora il Balduini Ninovensis Chronicon ci informa che gli succedette il figlio, Giovanni (Giovanni II)[18].

Margherita rimase vedova, nel 1312: Giovanni II morì esattamente un mese dopo la firma della Carta di Kortenberg (27 settembre 1312[21]), come ci conferma la Oude Kronik van Brabant (non consultata)[22]. Dopo la morte venne tumulato nella Concattedrale di San Michele e Santa Gudula a Bruxelles.[22].

Margherita morì, l'11 marzo 1333, a Bruxelles, Belgio dove il suo corpo fu inumato, nella Concattedrale di San Michele e Santa Gudula[23].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Margherita a Giovanni diede un figlio[23][24]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (LA) Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, p. 214
  2. ^ (EN) Dinastie reali di Castiglia
  3. ^ (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  4. ^ (LA) Matthæi Parisiensis, Monachi Sancti Albani, Chronica Majora, volume III, anno 1236, pagg 334 e 335
  5. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 99, pag. 42
  6. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 49, pagg. 22 e 23
  7. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1235, pag 938
  8. ^ (EN) Annales de l'Histoire anglaise, depuis le départ des Romains jusqu'au règne d'Édouard I, di Giovanni di Worcester, tradotto dal latino da Thomas Forester
  9. ^ (LA) Fœdera, Conventiones, Literæ, anno 1278, Pag 165
  10. ^ (LA) Fœdera, Conventiones, Literæ, anno 1278, Pag 166
  11. ^ (LA) Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, p. 243
  12. ^ (LA) Chronicles of the reigns of Edward I. and Edward II.. 1, Annales Londonienses, p. 98
  13. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XVI, Annales Halesiensibus , anno 1290, Pag 483
  14. ^ a b (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Genealogia Ducum Brabantiæ Ampliata, par. 14, pag 397, nota +
  15. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXV, Iohannis de Thilrode Chronicon, capitulum 19, pagina 575
  16. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Iohannis de Thielrode Genealogia Comitum Flandriæ, pagina 335
  17. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus V, Annales Blandinienses, anno 1250 pagina 31
  18. ^ a b (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Balduini Ninovensis Chronicon, anno 1294, pag 546, nota +
  19. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Balduini Ninovensis Chronicon, anno 1294, pag 546, nota 13
  20. ^ (FR) #ES Trophees tant sacres que profanes de la duché de Brabant ..., Volume 1, pag. 331
  21. ^ Henry Pirenne, "I Paesi Bassi", cap. XII, vol. VII, pag. 430
  22. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRABANT -JEAN de Brabant
  23. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRABANT - MARGARET of England (JEAN de Brabant)
  24. ^ (EN) #ES Genealogy: Brabant 3 - Margaret of England (Jean II)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]