Matilde d'Inghilterra (1156-1189)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matilde d'Inghilterra
Braunschweig Dom Grabmal Mathilde Plantagenet Kopf (2011).JPG
Matilde d'Inghilterra
Duchessa consorte di Sassonia
In carica 11681180
Predecessore Clemenzia di Zähringen
Successore Giuditta di Polonia
Duchessa consorte di Baviera
In carica 11681180
Predecessore Clemenzia di Zähringen
Successore Agnese di Loon
Nascita Castello di Windsor, 6 gennaio 1156
Morte Braunschweig, 28 giugno 1189
Luogo di sepoltura Cattedrale di Braunschweig
Casa reale Plantageneti
Padre Enrico II d'Inghilterra
Madre Eleonora d'Aquitania
Consorte Enrico il Leone

Matilde d’Inghilterra (Windsor, giugno 1156Brunswick, 28 giugno 1189) fu duchessa di Sassonia e di Baviera, nonché contessa di Brunswick.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Matilde era la figlia maggiore del re d'Inghilterra Enrico II Plantageneto (1133-1189), e di sua moglie, la duchessa d'Aquitania Eleonora (1122-1204).

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la contestata elezione papale del 1159 e il successivo scisma, Enrico II voleva stabilire dei legami più stretti con il Sacro Romano Impero; in particolare quando lui stesso entrò in conflitto con il clero inglese guidato da Thomas Becket, arcivescovo di Canterbury. Inviato dall'imperatore Federico Barbarossa, l'arcivescovo di Colonia, Rainaldo di Dassel, arrivò alla corte di Enrico II a Rouen nel 1165 per negoziare un'alleanza matrimoniale inglese-tedesca e il duca Enrico il Leone fu scelto come futuro sposò di Matilda. Tuttavia, quando Robert de Beaumont, II conte di Leicester si rifiutò di salutare l'arcivescovo tedesco, sostenendolo come uno scismatico e un sostenitore dell'antipapa Vittore IV. Inizialmente si pensò di far sposare la seconda figlia del re Enrico II, Eleonora Plantageneto, con un figlio dell'imperatore Federico, ma il progetto fu abbandonato e, invece, Matilde lasciò l'Inghilterra con una grande dote nel settembre 1167.

Le nozze vennero celebrate il 1 febbraio 1168 nella cattedrale di Minden in Sassonia. Il duca aveva divorziato dalla sua prima moglie nel 1162. La coppia ebbe cinque figli:

Reggenza ed esilio[modifica | modifica wikitesto]

Al tempo del loro matrimonio Enrico il Leone era uno dei più ferventi sostenitori dell'imperatore Federico Barbarossa. Matilde governò le vaste proprietà del marito durante il suo pellegrinaggio in Terra Santa (1172-1173). Tornato in Germania, Enrico costruì la sua residenza a Brunswick, dove lui e Matilde tennero una magnifica corte al castello di Dankwarderode. Fecero erigere la cattedrale di Braunschweig e iniziarono il Lucidarius, la prima opera in prosa in lingua tedesca originale, così come i Vangeli di Enrico il Leone, un capolavoro di illuminazione di libri romanici.

Poco dopo, tuttavia, Enrico il Leone fu coinvolto in un feroce conflitto con l'imperatore Federico. Presumibilmente, entrambi gli uomini si sono scontrati, quando si sono incontrati a Chiavenna nel 1176, e Enrico rifiutò di sostenere l'imperatore nella sua lotta contro la Lega Lombarda italiana. Le forze di Federico furono sconfitte nella battaglia di Legnano e l'imperatore dovette fare la pace con l'ostile papa Alessandro III. Un certo numero di principi rivali si intrigò contro Enrico e il duca fu infine dichiarato deposto nel 1180. Enrico si sottomise all'imperatore nel novembre 1181; tuttavia, lui e la sua famiglia furono costretti a fuggire dalla Germania e rifugiarsi in Normandia alla corte del padre di Matilde nel 1182. Durante questo periodo alla corte reale di Argentan, Matilde conobbe il trovatore Bertran de Born, il quale, chiamandola "Elena", la fece oggetto del suo desiderio in due delle sue poesie di "amore cortese".

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Matilde, suo marito e la loro famiglia rimasero sotto la protezione e il sostegno finanziario del re Enrico II fino al 1185, quando, grazie alla mediazione del monarca inglese, fu loro permesso di tornare in Sassonia. Ogni speranza di riconquistare i ducati sassone e bavarese fu vana. All'inizio del 1189, l'imperatore diede a Enrico il Leone la possibilità di accompagnarlo nella terza crociata o di andare in esilio. Enrico tornò in Inghilterra, mentre questa volta Matilde rimase a Braunschweig per difendere gli interessi di suo marito. Tuttavia, morì tre mesi dopo all'età di 33 anni, 8 giorni prima di suo padre. Dopo la sua morte, suo marito entrò di nuovo in Germania e finalmente si riconciliò con il figlio dell'imperatore Federico, Enrico VI.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Folco V d'Angiò Folco IV d'Angiò  
 
Bertrada di Montfort  
Goffredo V d'Angiò  
Eremburga del Maine Elia I del Maine  
 
Matilda di Château-du-Loir  
Enrico II d'Inghilterra  
Enrico I d'Inghilterra Guglielmo I d'Inghilterra  
 
Matilde delle Fiandre  
Matilde d'Inghilterra  
Matilde di Scozia Malcolm III di Scozia  
 
Margaret di Scozia  
Matilde d'Inghilterra  
Guglielmo IX d'Aquitania Guglielmo VIII di Aquitania  
 
Hildegarde di Borgogna  
Guglielmo X di Aquitania  
Filippa di Tolosa Guglielmo IV di Tolosa  
 
Emma di Mortain  
Eleonora d'Aquitania  
Aimery I, Visconte di Châtellerault Boson II de Châtellerault  
 
Alienor de Thouars  
Aenor de Châtellerault  
Dangerose de l'Isle Bouchard Barthelemy de L'Isle Bouchard  
 
Gerberge de Blaison  
 

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15564620 · ISNI (EN0000 0003 7407 4953 · LCCN (ENn92110099 · GND (DE118731718 · CERL cnp00586737 · WorldCat Identities (ENlccn-n92110099