Giovanna di Dammartin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanna di Dammartin, o Giovanna d'Aumale. Jeanne in francese, Juana in spagnolo e asturiano, Joana in galiziano, in portoghese, in catalano e in basco, Chuana in aragonese, Joan in inglese e Johanna in tedesco e in fiammingo (1220Abbeville, 16 marzo 1279), fu regina consorte di Castiglia e León dal 1237 al 1252, contessa di Aumale, dal 1239, e anche contessa di Ponthieu (contea nel dipartimento della Somme le cui città principali erano Abbeville e Montreuil-sur-Mer), dal 1250, alla sua morte.

Blasone della famiglia Dammartin
Blasone dei conti di Ponthieu
Aumale su una carta geografica della Normandia storica.
Blasone dei conti di Aumale.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia primogenita del conte di Aumale, Simone di Dammartin (?- 21 settembre 1239) e della contessa di Ponthieu, Maria di Ponthieu (1199-settembre 1250), figlia del conte di Ponthieu, Guglielmo II Talvas, e di Alice o Adele di Francia.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il cronista, Rodrigo Jimenez de Rada, nel suo De Rebus Hispaniæ la cita per descrivere la madre Maria (Mariam…mater Joannæ Reginæ Castellæ et Legionis).
Nelle cronache di Alberico delle Tre Fontane, viene citata come una delle figlie di Simone di Dammartin (comes de Pontivo Symon) e moglie di Ferdinando III di Castiglia (rex Castelle de Hispanie Fernandus).

Il contratto di matrimonio tra Ferdinando (Ferrandi…regis Castelle et Toleti, Legionis et Galicie) e Giovanna (donna Johanna) viene citato in un documento redatto dal re di Francia, Luigi IX il Santo, del gennaio 1238[1].
Giovanna, il 20 novembre del 1237, sposò, a Burgos, il re di Castiglia e di León, Ferdinando III[1][2], figlio del re del León, Alfonso IX e di Berenguela di Castiglia, figlia del re di Castiglia Alfonso VIII e di Eleonora Plantageneta.

Nel 1239, alla morte del padre, Giovanna ereditò il titolo di contessa di Aumale[1], che dopo la morte del marito passò al figlio primogenito, Ferdinando di Ponthieu (12391264).

Nel 1251, dopo la morte della madre (1250), Giovanna divenne contessa di Ponthieu[1].

Dopo che, nel 1252, era rimasta vedova, Giovanna ritornò in Francia, nel suo feudo di Ponthieu[1].

Nel 1259, alla morte della cugina prima, Matilde, contessa di Boulogne, ed essendo la contea senza eredi diretti[3], Giovanna ed il figlio Ferdinando avanzarono delle pretese alla contea, ma il Parlamento di Parigi si pronunciò, nel 1262, a favore di un altro pretendente, Adelaide di Brabante, vedova di Guglielmo X di Clermont, conte d'Alvernia.

Tra il 1260 ed il 1261, Giovanna si sposò, per la seconda volta, con Giovanni de Nesle Signore di Falvy et de La Hérelle[1].

Giovanna morì nel 1279, ad Abbeville, nella sua contea di Ponthieu e fu sepolta nel monastero di Valoires[1].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando e Giovanna ebbero cinque figli:[4][5][6]

Giovanna a Giovanni di Nesle diede due figli:[4][6][5]

  • Guido di Nesle, signore di Harcelaines et de Hocquincourt
  • Ida o Filippa di Nesle, sposata con Roberto VII Bertrand, signore di Bricquebec.
Coat of Arms of Jeanne of Dammartin as Queen of Castile.svg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Nobiltà della Francia del Nord
  2. ^ Ferdinando III era rimasto vedovo, nel 1235, di Elisabetta Hohenstaufen (detta Beatrice di Svevia alla corte di Castiglia) figlia del duca di Svevia e re di Germania, Filippo di Svevia (1179-1208, figlio del Barbarossa) e di Irene Angelo (1181-1208, figlia dell'imperatore di Costantinopoli, Isacco II Angelo) e, rimasta orfana, educata alla corte del cugino, il re di Sicilia, Federico II.
  3. ^ Dei quattro figli, che Matilde aveva avuto da due diversi mariti, tre le erano premorti ed il quarto rinunciò a tutti i feudi francesi, per poter continuare a vivere in Inghilterra.
  4. ^ a b (EN) Dinastie reali di Castiglia
  5. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  6. ^ a b (DE) Ferdinando III genealogie mittelalter

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]