Giovanna di Dammartin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanna
Jeanne de Ponthieu.jpg
contessa di Ponthieu
In carica 21 settembre 1250 –
16 marzo 1279
Predecessore Maria
Successore Eleonora
Nome completo Giovanna di Dammartin
Altri titoli contessa di Aumale
Nascita 1220
Morte Abbeville, 16 marzo 1279
Luogo di sepoltura Abbazia di Valloires Argoules, Somme
Dinastia famiglia Dammartin
Padre Simone di Dammartin
Madre Maria di Ponthieu
Consorte Ferdinando III di Castiglia
Giovanni de Nesle
Figli Ferdinando
Eleonora
Luigi
Simone e
Giovanni, di primo letto
Guido e
Giovanna, di secondo letto
Religione cattolica

Giovanna di Dammartin, o Giovanna d'Aumale. Jeanne in francese, Juana in spagnolo e asturiano, Joana in galiziano, in portoghese, in catalano e in basco, Chuana in aragonese, Joan in inglese e Johanna in tedesco e in fiammingo (1220Abbeville, 16 marzo 1279), fu regina consorte di Castiglia e León dal 1237 al 1252, contessa di Aumale dal 1239, e contessa di Ponthieu dal 1250 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Sia secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, che secondo il Roderici Toletani Archiepiscopi De Rebus Hispaniæ, Giovanna era la figlia primogenita del conte di Aumale, Simone di Dammartin[1] (?- 21 settembre 1239) e della contessa di Ponthieu, Maria[2] (1199-settembre 1250), che era l'unica figlia del conte di Ponthieu, Guglielmo II e della moglie, Adele di Francia[2], contessa di Vexin, che era figlia del re di Francia, Luigi VII e della sua seconda moglie, Costanza di Castiglia[2], e sorellastra del re di Francia, Filippo II Augusto, come conferma anche la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium[3].
Secondo il documento n° CCXVII delle Chartes de l'Abbaye de Jumièges (v. 825 à 1204), tomus II, Simone di Dammartin era figlio del conte di Dammartin e signore di Lillebonne, Alberico II di Dammartin e della moglie, Matilde di Clermont[4], che era figlia di Rinaldo di Clermont (?-1162) e della seconda moglie Clemenza di Bar[5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aumale su una carta geografica della Normandia storica.
Blasone dei conti di Aumale.
Blasone di Giovanna, regina di Castiglia
Blasone della famiglia Dammartin
Blasone dei conti di Ponthieu

Giovanna, nel 1237, sposò, a Burgos, il re di Castiglia e di León, Ferdinando III[6]; il documento n° CXXII del Cartulaire du comté de Ponthieu, inerente una donazione dei suoi genitori, Simone e Maria, datato agosto 1237, conferma l'avvenuto matrimonio, in quanti Giovanna viene citata come regina di León e Castiglia (primogenite nostre J. Dei gratia regine Yspanie et Castelle)[7].
Il matrimonio tra Ferdinando (Ferrandus, radek rex Castelle et Toleti, Legionis et Galicie) e Giovanna (donna Johanna) viene citato anche nel documento n° CXXV del Cartulaire du comté de Ponthieu, redatto dal re di Francia, Luigi IX il Santo, nel gennaio 1238[8].
Sia il cronista e arcivescovo di Toledo, Rodrigo Jimenez de Rada, nel suo De Rebus Hispaniæ conferma che Giovanna era regina di Castiglia e León(Joannæ Reginæ Castellæ et Legionis)[2], che il monaco francese, Alberico delle Tre Fontane, nel suo Chronicon, cita Giovanna come moglie di Ferdinando III di Castiglia (duxit rex Castelle de Hispanie Fernandus)[1].

Ferdinando III era figlio del re del León, Alfonso IX e di Berenguela di Castiglia, figlia del re di Castiglia Alfonso VIII e di Eleonora Plantageneta, ed era al suo secondo matrimonio, essendo rimasto vedovo, nel 1235, di Elisabetta Hohenstaufen (detta Beatrice di Svevia alla corte di Castiglia) figlia del duca di Svevia e re di Germania, Filippo di Svevia (1179-1208, figlio del Barbarossa) e di Irene Angelo (1181-1208, figlia dell'imperatore di Costantinopoli, Isacco II Angelo) e, rimasta orfana, educata alla corte del cugino, il re di Sicilia, Federico II.

Suo padre, Simone, secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, morì nel 1239[9], come conferma anche il documento CXXXIII del Cartulaire du comté de Ponthieu, inerente la donazione che sua madree, Maria fece alla chiesa della Vergine di Ourscamp nell'ottobre di quello stesso anno[10].
Alla morte del padre, Giovanna ereditò il titolo di contessa di Aumale[6], che dopo la morte del marito, Ferdinando III, passò al figlio primogenito, Ferdinando di Castiglia (12391264).

Sua madre, Maria, morì il 21 settembre 1250 e Giovanna le succedette divenedo contessa di Ponthieu[2].

Suo marito, Ferdinando III, morì il 30 maggio 1252[11] e, secondo lo storico Szabolcs de Vajay, dopo la morte del marito, Giovanna ritornò in Francia, nel suo feudo di Ponthieu[6].
Nel 1255, Giovanna, secondo il documento n° CLX del Cartulaire du comté de Ponthieu, fece una donazione in suffragio dell'anima del marito[12].

Nel 1259, alla morte della cugina prima, Matilde, contessa di Boulogne, ed essendo la contea senza eredi diretti[13], Giovanna ed il figlio Ferdinando avanzarono delle pretese alla contea, ma il Parlamento di Parigi si pronunciò, nel 1262, a favore di un altro pretendente, Adelaide di Brabante, vedova di Guglielmo X di Clermont, conte d'Alvernia.

Tra il 1260 ed il 1261, Giovanna si sposò, per la seconda volta, con Giovanni di Nesle Signore di Falvy et de La Hérelle, figlio di Rodolfo di Nesle Signore di Falvy e della moglie Alice di Roye[6]. Il matrimonio viene confermato dal documento n° XXVIII del Recueil de documents pour servir à l´histoire de Montreuil-sur-Mer 1000-1464, supplément au cartulaire municipale[14].

Giovanna morì nel marzo del 1279 (come conferma il Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio[15]), ad Abbeville, nella sua contea di Ponthieu e fu sepolta nel monastero di Valoires[6].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando e Giovanna ebbero cinque figli[16]:

  • Ferdinando (1238Francia, 1264), dal 1239, citato con la madre nel documento n° CLX del Cartulaire du comté de Ponthieu, in cui venne fatta una donazione in suffragio dell'anima di Ferdinando III[12], alla morte del nonno, Simone di Dammartin, fu Conte di Aumale, assieme alla madre e Barone di Montgomery e di Noyelles-sur-Mer; nel 1256, sposò la signora d'Epernon, Laura di Montfort (?-ca. 1270),
  • Eleonora (12411290), contessa di Ponthieu, sposata, nel 1254, col conte di Chester, Edoardo, il futuro re d'Inghilterra, Edoardo I, come ci viene confermato dal Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio[17];
  • Luigi (12431279), signore di Marchena;
  • Simone (1244 – morto giovane), secondo lo storico Szabolcs de Vajay fu sepolto nel convento di San Domenico a Toledo;
  • Giovanni (1245 – morto a pochi giorni dalla nascita), secondo lo storico Szabolcs de Vajay fu sepolto nella cattedrale di Cordova.

Giovanna a Giovanni di Nesle diede due figli[18]:

  • Guido di Nesle ( † 1300 circa), Signore di Falvy et de La Hérelle, che sposò Maria d'Adenarde, come ci viene confermato dal Balduinus de Avennis Genealogia[19],
  • Giovanna di Nesle ( † 1280 circa), sposata con Guglielmo III di Bethune, signore di Locres e di Hébuterne, come conferma la Histoire généalogique de la maison de Béthune[20].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1165, pag 847
  2. ^ a b c d e (LA) Recueil des historiens des Gaules et de la France. Tome 12, Roderici Toletani Archiepiscopi De Rebus Hispaniæ, libro IX, cap. VII, par. 7, pag 383
  3. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1165, pag 848
  4. ^ (LA) Chartes de l'Abbaye de Jumièges (v. 825 à 1204), tomus II, doc. CCXVII, pagg 179 - 181
  5. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de DAMMARTIN - SIMON de Dammartin
  6. ^ a b c d e (EN) Foundation for Medieval Genealogy: COMTES de PONTHIEU (BELLÊME-MONTGOMMERY)- JEANNE de Dammartin
  7. ^ (LA) Cartulaire du comté de Ponthieu, doc. CXXII, pag 169
  8. ^ (LA) Cartulaire du comté de Ponthieu, doc. CXXV, pagg 172 e 173
  9. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1239, pag 947
  10. ^ (LA) Cartulaire du comté de Ponthieu, doc. CXXXIII, pagg 182 e 183
  11. ^ Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), cap. XXI, vol. V, pag 889
  12. ^ a b (LA) Cartulaire du comté de Ponthieu, doc. CLX, pag 217
  13. ^ Dei quattro figli, che Matilde aveva avuto da due diversi mariti, tre le erano premorti ed il quarto rinunciò a tutti i feudi francesi, per poter continuare a vivere in Inghilterra.
  14. ^ (LA) Recueil de documents pour servir à l´histoire de Montreuil-sur-Mer 1000-1464, supplément au cartulaire municipale, doc. XXVIII, pagg 38 - 41
  15. ^ (LA) Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, pag 221
  16. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: KINGS of CASTILE & LEÓN 1217-1369- JEANNE de Dammartin (Infante don FERNANDO de León)
  17. ^ (LA) Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, pag 244
  18. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: SEIGNEURS de FALVY (NESLE)- JEANNE de Dammartin (JEAN I de Nesle)
  19. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XXV, Balduinus de Avennis Genealogia, pag 437
  20. ^ (LA) Histoire généalogique de la maison de Béthune, pag 269

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in Storia del mondo medievale, cap. XXI, vol. V, 1999, pp. 865–896

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]