Manuela Coluccini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuela Coluccini
Nazionalità Italia Italia
Altezza 167 cm
Peso 56 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Roma
Carriera
Squadre di club1
2004-2006Lazio CF? (?)
2006-2009Torres54 (2)
2009-2010Lazio CF6 (1)
2010-2012Wom. Civitavecchia36 (12)
2012-2018Res Roma106 (25)
2018-Roma9 (0)
Nazionale
2005Italia Italia U-192 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2019

Manuela Coluccini (Roma, 3 luglio 1988) è una calciatrice italiana, centrocampista offensiva della Roma.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Manuela Coluccini approda alla Serie A, massimo livello del campionato italiano di calcio femminile, dopo aver sottoscritto un accordo con la Decimun Lazio. Con le biancocelesti gioca due stagioni, la prima, la 2004-2005, che le costa la retrocessione in Serie A2, e la successiva, la 2005-2006, che si conclude con un ulteriore retrocessione alla Serie B regionale.

Nell'estate 2006 viene ceduta in prestito alla Torres, società calcistica con sede a Sassari, esordendo nella stagione 2006-2007. Con le isolane rimane tre stagioni, al termine delle quali collezione 54 presenze con 2 reti all'attivo[1], concludendo la sua avventura in rossoblu con un grave infortunio al ginocchio[2] già dal 9 maggio 2009, nella 10ª giornata di ritorno della stagione 2008-2009, occorsole alla metà del primo tempo della partita contro il Bardolino Verona.[3]

Nell'estate 2009 torna alla Lazio, neopromossa in Serie A, dove però, per il lungo e necessario periodo di riabilitazione, la stagione 2009-2010 è compromessa.[2] Durante il campionato riuscirà a scendere in campo per sole sei partite, andando a segno una volta, ed al termine del quale decide di lasciare la società.[1]

L'anno successivo decide di condividere l'avventura della Women Civitavecchia che sta approntando una squadra in grado di puntare al vertice della Serie B. Grazie al suo apporto la società dell'omonima cittadina laziale riesce, al termine della stagione 2010-2011, a centrare l'obiettivo conquistando la Serie A2. Con le nerazzurre rimane anche la difficile stagione successiva, la 2011-2012, dove riesce a trovare la salvezza solo ai Play-out del Girone D alle spese del Fiano Romano.[1]

Durante l'estate 2012 viene contattata dalla Res Roma, intenzionata a conquistare il vertice del girone che le era sfuggito la stagione precedente concludendolo secondo dietro al Napoli. Manuela Coluccini decide quindi di passare in giallorosso contribuendo alla sua prima stagione a conquistare il passaggio in Serie A precedendo al termine della stagione 2012-2013 le baresi del Pink Sport Time. Gli anni successivi condivide con le compagne il miglior risultato raggiunto nella storia della società nel campionato 2014-2015, dove contribuisce a raggiungere il 7º posto in Serie A, traguardo conseguito anche nella stagione 2015-2016, e la semifinale di Coppa Italia del 6 maggio 2015, quando venne eliminata dal Tavagnacco con il risultato di 1-0 per le friulane.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Convocata per vestire la maglia della nazionale Under-19, Coluccini viene impiegata in due occasioni nel corso della doppia amichevole giocate il 25 e 27 marzo 2005 con le pari età della Finlandia e perse in entrambi i casi per 2-1.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Torres: 2007-2008
Res Roma: 2012-2013
Women Civitavecchia: 2010-2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Manuela Coluccini: Scheda analitica, su Football.it, http://www.football.it/home/index.htm. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  2. ^ a b La Torres ospita la Lazio per la seconda giornata [collegamento interrotto], su SARdies, http://sardies.org/, 29 ottobre 2009. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  3. ^ A femminile: la Torres vuole chiudere in bellezza, su La Nuova Sardegna (Redazione di Sassari), http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari, 16 maggio 2009. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  4. ^ FIGC, Manuela Coluccini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]