Maggiori studi di produzione cinematografica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per rientrare nella categoria dei maggiori studi di produzione cinematografica (in inglese major film studio o semplicemente major), un'azienda di produzione e di distribuzione di film deve realizzare annualmente un notevole numero di film e controllare costantemente una significativa percentuale degli incassi al botteghino in un dato mercato.

Nei mercati nordamericani, occidentali e globali, i maggiori studi di produzione cinematografica, sono spesso conosciuti con il soprannome di majors. Oggi esistono cinque grandi conglomerati dei media che tramite le varie majors, controllano approssimativamente il 90% dei ricavi al botteghino negli Stati Uniti e in Canada.

Le major in passato[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi Warner Bros., Paramount e l'allora 20th Century Fox facevano anche parte delle “cinque grandi" majors durante il periodo aureo di Hollywood. Gli studi Columbia e Universal facevano invece parte delle "tre piccole" majors. Gli studi Disney erano un'azienda di produzione indipendente durante il periodo aureo; erano un'entità importante di Hollywood, ma non erano una major.

Le cinque majors
Le tre minors

Le major[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle odierne "Cinque Grandi" inoltre includono aziende precedentemente indipendenti che sono state acquistate e inserite nel loro organigramma societario, è il caso ad esempio di New Line Cinema in Warner Bros. Discovery. Le majors inoltre hanno sviluppato una varietà di divisioni specializzate concentrate sui film d'autore (per esempio, Paramount Classics) o sul genere del film (per esempio, Fox Atomic). I sei principali studi sono contrapposti alle piccole aziende di produzione e/o di distribuzione di film, che sono conosciute come "independents" o "Indies.". I due più grandi produttore/distributori indipendenti: Lionsgate e The Weinstein Company a volte vengono categorizzati come "mini-majors". Dal 1998 al 2005, l'indipendente DreamWorks SKG aveva una percentuale abbastanza grande del mercato degli incassi al botteghino per qualificarsi come settima majors, malgrado fosse un'azienda relativamente piccola. Nel gennaio 2006 la DreamWorks venne acquistata da Viacom, società madre della Paramount, che ne mantenne la proprietà fino al 2009, quando la cedette alla Reliance. I principali studi sono soprattutto appoggi e distributori di film la cui produzione reale in gran parte è affidata ad aziende indipendenti, alcune producono più film, mentre altre sono create per la produzione di un unico specifico film.

Le divisioni specializzate spesso acquistano semplicemente i diritti di distribuzione dei film con cui lo studio non ha avuto niente a che fare con la produzione. Mentre le majors si occupano della vera produzione, le loro attività sono focalizzate nelle aree dello sviluppo, del finanziamento, della introduzione sul mercato (marketing), e della vendita (merchandising). Le sedi principali delle majors sono situate a, o intorno, Hollywood, esse sono tutte concentrate negli studi attivi durante il periodo aureo di Hollywood tra gli anni trenta e gli anni quaranta.

Le cinque grandi[modifica | modifica wikitesto]

Le cinque grandi major correnti sono: Universal, Paramount, Warner, Disney e Sony.

Divisione madre
(Conglomerato)
Studio principale Studio secondario Studio per film artistici/indipendenti Studio per film di serie B/di genere Studio per film d'animazione Percentuale di mercato US/CA (2021)[1]
NBCUniversal
(Comcast)
Universal Pictures Focus Features, Hulu Documentary Films (33%) Focus World, High Top Releasing, Working Title Films Big Idea Entertainment, DreamWorks Animation, DreamWorks Classics, Illumination, Illumination Mac Guff, Universal Animation Studios 14.68%
Paramount Global
(National Amusements)
Paramount Pictures Miramax (49%) BET Films, CMT Films, MTV Entertainment Studios, Nickelodeon Movies, Paramount Players Avatar Studios, MTV Animation, Nickelodeon Animation Studio, Paramount Animation, Rainbow S.p.A. (30%) 6.09%
Warner Bros. Entertainment
(Warner Bros. Discovery)
Warner Bros. Pictures New Line Cinema Spyglass Media Group (Quota di minoranza) TruTV Films, CNN Films, HBO Films, DC Films, Cartoon Network Movies Cartoon Network Studios, Wang Film Productions (50%), Warner Animation Group, Warner Bros. Animation 14.34%
The Walt Disney Studios
(The Walt Disney Company)
Walt Disney Pictures 20th Century Studios A&E IndieFilms (50%), Disneynature, Hulu Documentary Films (67%), Searchlight Pictures Disney Channel Original Movies ESPN Films (80%), National Geographic Global Networks (73%), Lucasfilm, Marvel Studios, Freeform Original Productions 20th Century Animation, Lucasfilm Animation, Marvel Animation, Pixar Animation Studios, Walt Disney Animation Studios 25.70%
Sony Pictures Entertainment
(Sony)
Columbia Pictures TriStar Pictures Sony Pictures Classics Affirm Films, Crunchyroll Films, Ghost Corps, Screen Gems, Stage 6 Films Crunchyroll, LLC, Crunchyroll UK and Ireland, Crunchyroll EMEA, Kazé, Madman Anime, Crunchyroll Studios, Madhouse (5%), Sony Pictures Animation, Sony Pictures Imageworks 25.52%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Market Share for Each Distributor in 2021, su the-numbers.com, The Numbers/Nash Information Services. URL consultato il 25 giugno 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • LA NASCITA DI HOLLYWOOD, su attracco.it. URL consultato il 3 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2011).
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema