Juan Daniel Cardellino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Juan Daniel Cardellino
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Professione Agente di commercio
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1975 - 1990 Primera División Arbitro
Attività internazionale
1976 - 1990 CONMEBOL e FIFA Arbitro

Juan Daniel Cardellino (Montevideo, 4 marzo 1942Montevideo, 8 settembre 2007) è stato un arbitro di calcio uruguaiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Di professione agente di commercio, nel corso degli anni Ottanta è stato uno dei più apprezzati direttori di gara sudamericani, erede della grande tradizione arbitrale uruguaiana, rappresentata soprattutto da Ramón Barreto.

Debutta nella prima divisione del proprio paese nel 1975 e dopo solo un anno è promosso al rango di internazionale. In Sudamerica diventa ben presto uno dei fischietti più utilizzati, come testimoniato dalle designazioni per ben quattro finali di Copa Libertadores (nel 1979, 1984, 1986 e nel 1990) e la convocazione per ben quattro fasi finali della Copa América (nel 1979, 1983, 1987 e nel 1989). Nel 1980 gli viene affidata anche la partita di ritorno della finale di Coppa Intercontinentale tra Club Olimpia e Malmö FF. La FIFA lo impiega in numerosi tornei prestigiosi: nel 1979 e nel 1985 lo si vede all'opera ai Mondiali Under 20 (disputati rispettivamente in Giappone ed in URSS), mentre nel 1988 è protagonista al torneo calcistico dell'Olimpiade di Seoul.

Ma il palcoscenico più importante viene calcato in occasione dei Mondiali di calcio, a cui prende parte in ben due edizioni: nel 1982 in Spagna, oltre alla gara dei gironi eliminatori tra Cile e Austria, gli viene assegnata la semifinale tra Italia e Polonia. Nel 1990, in Italia, scende in campo in occasione di URSS-Romania, dove però incappa in una prestazione negativa accordando, con la complicità del guardalinee spagnolo Emilio Soriano Aladrén, un calcio di rigore ai rumeni per un fallo commesso fuori area: la FIFA lo congeda dal torneo dopo la prima fase.[1]

Nel settembre del 1990, in quello che sarebbe stato l'ultimo anno di attività, è coinvolto anche in un episodio particolare, quando è costretto a non far disputare la partita eliminatoria di Copa Libertadores tra Atlético Nacional de Medellín e Club Olimpia, a seguito delle minacce subite alla vigilia da uomini armati che gli avevano intimato un arbitraggio favorevole ai padroni di casa.[2]

Nell'ambito della carriera dirigenziale, Cardellino, a cui la FIFA conferì il prestigioso FIFA Special Award nel 1991[3], è stato a capo del settore arbitrale uruguaiano e componente della Commissione arbitrale della CONMEBOL.

Muore, a causa di una malattia, nel 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) AA.VV., La Enciclopedia de "El País", Montevideo, El País, 2011, ad vocem.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]