Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Imekura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fuku alla marinaretta, uno dei costumi indossati negli imekura.

Il termine Imekura (イメクラ?) è un Wasei-eigo che viene utilizzato per indicare un tipo di bordello, diffuso in Giappone, il cui aspetto esteriore è simile a quello di un salone di bellezza. Questi locali vengono indicati anche come image club (イメージクラブ imējikurabu?).

La loro caratteristica principale è quella di essere arredati come i locali che richiamano le più comuni fantasie sessuali: uffici, ambulatori medici, aule scolastiche o vagoni ferroviari.

Attività degli imekura[modifica | modifica wikitesto]

Le prostitute che operano negli imekura indossano costumi stravaganti ispirati all'ambientazione del locale e ai desideri dei clienti.[1] La loro attività, in genere, è limitata al sesso orale; molti imekura offrono dei servizi aggiuntivi a pagamento come, ad esempio, poter scattare delle foto istantanee, togliere la biancheria alle donne o portarsela a casa.[2] Le donne che lavorano negli ikemura ricevono una paga giornaliera di 30 000 - 35 000 yen (220 - 255 euro) e possono arrivare a guadagnare più di un milione di yen al mese (oltre 7 300 euro).[3]

Gli imekura dove vengono simulate le molestie sessuali ai danni delle passeggere dei treni o delle metropolitane divennero popolari in Giappone in seguito all'aumento dei controlli per bloccare i palpeggiatori.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nicholas Kristof, A Plain School Uniform as the Latest Aphrodisiac, in New York Times, 2 aprile 1997. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  2. ^ a b Gaby Wood, Sex and the city, in The Guardian, 1º aprile 2001. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  3. ^ Cambi di riferimento del 1º febbraio 2018, Banca d'Italia. URL consultato il 22 febbraio 2018 (archiviato il 22 febbraio 2018).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]