Polisessualità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La bandiera polisessuale

La polisessualità è un orientamento sessuale che comporta l'attrazione emozionale, romantica e/o sessuale verso più generi, ma non tutti.

La pansessualità, la poliamorosità e la polisessualità sono spesso confuse. Le persone polisessuali possono quindi provare attrazione per più generi oltre quello maschile e quello femminile, ma non tutti.

La polisessualità si riferisce a coloro che sono attratti da più di due generi, ma non tutti. Si vogliono identificare così perché il termine bisessuale indica l'attrazione sessuale rivolta a due o più generi, generalmente ai due sessi maschile e femminile (ambisessualità)

Polisessuale è un termine di auto-identificazione, a volte utilizzato impropriamente, in quanto una gamma di persone diverse lo usano per descrivere se stesse e le loro preferenze sessuali.

La cantante Gianna Nannini, in un'intervista rilasciata a Claudio Sabelli Fioretti, ha detto[1]:

«Non mi piace definirmi bisessuale, [...] mi sento polisessuale»

L'attrice Amanda Lear[2]:

«In realtà siamo polisessuali. Non mi spingerò a dire che "un buco è un buco", ma quasi»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista di Claudio Sabelli Fioretti a Gianna Nannini, su melba.it, Corsera Magazine, 07/09/2006. URL consultato il 22-08-2010 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2010).
  2. ^ Amanda Lear a cuore aperto, su atlantix.wordpress.com, Atlantis. URL consultato il 22-08-2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Braidotti R., In metamorfosi. Verso una teoria materialistica del divenire, Feltrinelli, Milano, 2003, ISBN 9788807103513.
  • De Becker R., Sogno e sessualità. Viaggio alla ricerca delle radici sessuali della mente, Zephyro Edizioni, Milano, 2000, ISBN 9788883890017

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]