iPod mini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
iPod mini
Mini iPod.svg
Classe di computer Lettore multimediale
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Produttore Apple Inc.
Presentazione gennaio 2004
Fine vendita febbraio 2005
CPU ARM7TDMI
Frequenza 80 MHz Dual
ROM 32 MB
RAM di serie 32 MB
Display incorporato LCD, 138 × 110 2 bit (verdi)
Uscita audio Uscita audio a 16 bit stereo
Unità a stato solido 4 GB
Porte USB 2.0 / FireWire
SO di serie iPod OS 1.1
Autonomia batterie 8 ore di musica
Peso 103 g
Sito Web

L'iPod mini è un lettore digitale di audio sviluppato e commercializzato dalla Apple Inc.. È stato presentato il 6 gennaio 2004 e rilasciato il 20 febbraio dello stesso anno. Una seconda generazione è stata annunciata il 23 febbraio 2005 e rilasciata lo stesso giorno.

È stato uno dei prodotti elettronici più popolari nel mercato, provocando una grande mancanza di scorte per i clienti. È stata interrotta la produzione il 7 settembre 2005, per poi essere rimpiazzato con l'iPod nano.

L'iPod mini montava la stessa rotella touch dell'iPod di terza generazione, anche se, invece che avere quattro bottoni posizionati sopra la rotella, essi sono stati ridisegnati come interruttori meccanici al di sotto di quest'ultima. Per usare uno dei quattro bottoni, l'utente doveva premere fisicamente i bordi interni della rotella, sopra uno dei quattro pulsanti. Come la precedente, la rotella è stata disegnata dalla Synaptics per Apple.

Al di sopra della rotella è presente uno schermo LCD monocromatico 138x110 pixel, il quale mostra un menu e le varie informazioni della traccia audio in riproduzione.

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Modello Immagine Capacità Colori Data di rilascio Autonomia della batteria
prima generazione Green ipodmini 1stgen.jpg 4 GB Argento, blu, verde, rosa e oro 20 febbraio 2004 Audio: 8 ore
Modello più piccolo, disponibile in 5 colorazioni. È stata introdotta la rotella cliccabile.
seconda generazione Green ipodmini 2ndgen.jpg 4 o 6 GB Argento, blu, verde e rosa 23 febbraio 2005 Audio: 18 ore
Colori più chiari e un'autonomia della batteria maggiore.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

iPod mini.

L'iPod mini misura 91 per 51 per 14 millimetri e pesa 103 grammi. Il case è costruito in alluminio anodizzato ed è disponibile in cinque colorazioni: argento, oro, rosa, blu, e verde. Utilizza la stessa rotella a sfioramento dell'iPod di terza generazione, sebbene la rotella sia leggermente più piccola e, per problemi di spazio, i pulsanti sono stati inseriti nella rotella. I pulsanti sono disposti come i punti cardinali. Come per l'iPod, sopra la rotella vi è un display monocromatico LCD 138x110 che mostra la canzone riprodotta o i menu richiamati dall'utente. La batteria, punto debole di questo modello di iPod, ha una durata di 8 ore di riproduzione audio, ma che verrà portata a 18 ore con l'iPod mini di seconda generazione.

Sotto l'iPod mini si trova l'aggancio per il connettore proprietario, che consente di collegare l'iPod al computer tramite USB o FireWire. Nella parte superiore dell'iPod mini si trovano il jack per collegare le cuffie e un connettore per le varie espansioni.

Come l'iPod, l'iPod mini supporta le codifiche MP3, AAC, WAV, AIFF, e Apple Lossless Encoding. È molto integrato con i computer Apple, infatti può sincronizzarsi con diversi programmi presenti nel sistema operativo. Ovviamente il programma più importante è quello dedicato alla gestione della libreria musicale e infatti l'iPod, appena collegato, si sincronizza con iTunes e ovviamente si integra perfettamente con iTunes Music Store.

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, l'iPod mini doveva essere disponibile in Europa per aprile, ma l'elevatissima domanda del mercato americano ha azzerato le scorte, costringendo Apple a posticipare la data di consegna in Europa a luglio. Questo ha creato malumori tra gli utenti Apple europei.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Apple Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Apple